“Vedere nero”: Djokovic considerato uscire nel 2010



Il numero uno del mondo Novak Djokovic ha rivelato come egli considerava come smettere di tennis, nel 2010, come ha lottato contro i grandi rivali di Roger Federer e Rafael Nadal.

Il 32-year-old è stato classificato terzo nel mondo e aveva sollevato il suo primo grande Slam al 2008 Australian Open.

Ma lui era immerso nelle profondità della disperazione, nel 2010, dopo aver lasciato due set di portare scivolare in un Open di francia scontro ai quarti di finale contro l’Austriaco Jurgen Melzer.

“Questa sconfitta è stato davvero difficile per me emotivamente,” il Serbo, ha detto in un’intervista con Sky Sport Italia.

“Ho pianto dopo essere stato buttato fuori. E ‘ stato un brutto momento, volevo smettere di tennis, perché ho visto tutto nero.

“Avevo vinto in Australia, nel 2008, era il numero tre al mondo, ma non ero felice.

“Sapevo che avrei potuto fare di più, ma ho perso più partite importanti, contro Federer e Nadal.”

Il Melzer sconfitta si è dimostrato un punto di svolta.

“Da quel momento mi sono sentita liberata”, ha detto Djokovic.

“Si tolse la pressione, ho iniziato a giocare in modo più aggressivo, qui è stato il punto di svolta.”

Nel 2011, Djokovic ha vinto tre Slam e ora dispone di un totale di 17 — tre corto di Federer, in tutti i tempi gli uomini di record, e due meno di Nadal.

Djokovic ha detto che era desideroso di tornare al tennis, attualmente sospeso tra il coronavirus pandemia.

“Ufficialmente il 13 luglio, molti dicono che ci sarà difficile ricominciare a quella data”, ha detto Djokovic, che era su un 18-0 striscia vincente nel 2020, quando lo sport si è arrestata a metà Marzo.

In esecuzione incluso un record ottavo Australian Open del titolo.

“Per noi giocatori di tennis è importante avere chiarezza in calendario.

“All’inizio ero un po’ vuota e in confusione, mi mancava la chiarezza.

“Per me è importante avere una routine, non vedo l’ora per una data. Mi alleno ogni giorno in palestra, corro a casa, gioco con i bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *