Il coronavirus provoca la peggiore contrazione del mercato degli smartphone nella storia


La pandemia di coronavirus ha fatto sì che il mercato degli smartphone subisse il declino più rapido mai registrato nel primo trimestre dell'anno, secondo i nuovi dati delle società di analisi. Counterpoint Research e Canalys hanno entrambi messo il calo complessivo delle spedizioni globali al 13 percento, anche se Counterpoint afferma che il calo nella sola Cina è stato del 27 percento mentre Canalys lo calcola al 18 percento.

Qualunque sia il numero che guardi, la situazione è chiara: è la prima volta che le spedizioni sono scese sotto i 300 milioni dal 2014, con un crollo precipitoso in Cina che precede il calo della domanda in tutto il mondo. "Alla fine del trimestre, quando COVID-19 ha iniziato a diffondersi in altre regioni e sono stati imposti blocchi di varia gravità, il pendolo di interruzione ha iniziato a oscillare dall'offerta alla domanda", scrive il team di analisti di Counterpoint in un dichiarazione.

Samsung, Huawei e Apple sono ancora i primi tre fornitori, con Apple che vede il più piccolo calo delle spedizioni anno dopo anno. Sia Canalys che Counterpoint classificano Xiaomi al quarto posto, facendo crollare per la prima volta il 10 percento della quota di mercato globale.

Ricerca di contrappunto: trimestrale Market Monitor Q1 2020

"La domanda di nuovi dispositivi è stata schiacciata" dice Analista senior di Canalys Ben Stanton. “A febbraio, quando il coronavirus era incentrato sulla Cina, i fornitori erano principalmente preoccupati di come costruire abbastanza smartphone per soddisfare la domanda globale. Ma a marzo, la situazione si è ribaltata. La produzione di smartphone è ora ripresa, ma quando metà del mondo è entrata in blocco, le vendite sono crollate ”.

"Dal punto di vista del consumatore, a meno che non si sostituisca un telefono rotto, gli smartphone sono per lo più un acquisto discrezionale", afferma Tarun Pathak, direttore associato di Counterpoint. “È probabile che i consumatori, in questi tempi incerti, trattengano molti significativi acquisti discrezionali. Ciò significa che i cicli di sostituzione potrebbero allungarsi. "

Il vero impatto della pandemia deve ancora essere avvertito. "La maggior parte delle aziende produttrici di smartphone si aspettano che il secondo trimestre rappresenti il ​​picco dell'impatto del coronavirus", afferma Stanton. "Metterà alla prova il coraggio del settore e alcune aziende, in particolare i rivenditori offline, falliranno senza il sostegno del governo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *