Piloti Amazon che utilizzano videochiamate per verificare venditori di terze parti


Amazon ha testato l'utilizzo di videochiamate per verificare venditori di terze parti mentre tenta di ridurre al minimo la quantità di account e elenchi fraudolenti sulla sua piattaforma, ha annunciato la società. L'iniziativa di verifica dal vivo inizialmente ha utilizzato riunioni di persona all'inizio di quest'anno, ma si è concentrata sulla videoconferenza poiché la pandemia di COVID-19 ha reso necessarie misure di allontanamento sociale.

"Mentre pratichiamo il distanziamento sociale, stiamo testando un processo che ci consente di convalidare l'identificazione dei potenziali venditori tramite videoconferenza", ha dichiarato un portavoce di Amazon in una nota, "Questo progetto pilota ci consente di connettere uno a uno con i potenziali venditori mentre rendendo ancora più difficile nascondere i truffatori. "

Negli ultimi anni, Amazon ha subito un intenso controllo sui prodotti venduti da venditori di terze parti sulla sua piattaforma. L'anno scorso, ad esempio, un'indagine di Il giornale di Wall Street ha trovato migliaia di articoli in vendita su Amazon etichettati erroneamente, vietati o dichiarati non sicuri dalle agenzie federali. Ci sono state anche segnalazioni di merci contraffatte vendute su Amazon. L'anno scorso, Ha annunciato Amazon che le vendite di terzi rappresentano oltre la metà degli articoli venduti sulla sua piattaforma.

Il nuovo processo di verifica in tempo reale è attualmente in fase di sperimentazione in paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Cina e Giappone e prevede che un associato Amazon controlli che un venditore corrisponda al proprio ID e ai documenti che ha fornito come parte della sua domanda. Non implica l'utilizzo di alcuna tecnologia di riconoscimento facciale per verificare la loro identità, Amazon confermato a GeekWire. La chiamata offre inoltre l'opportunità all'associato di rispondere a domande sul processo di candidatura. Amazon afferma che finora oltre 1.000 potenziali venditori hanno superato il programma pilota.

Amazon afferma che il suo processo di verifica esistente per i venditori di terze parti utilizza una combinazione di apprendimento automatico e revisione umana per eliminare sospetti cattivi attori. La società ha dichiarato che questi processi hanno impedito a 2,5 milioni di account di elencare gli articoli in vendita nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.