Via libera alla pre-apertura da asporto – Bologna Press


8 imprese su 10 iniziano prima di maggio

Tonelli ad Ascom: “Molti stavano già effettuando consegne a domicilio.

Rossi alla Confesercenti: "Saltare verso la riapertura".

Il settore della ristorazione fa un altro passo avanti verso la seconda fase. Da domani – stima Ascom Bologna – l'80% delle attività svolte nell'ambito delle Due Torri e della provincia inizierà a muoversi. La nuova ordinanza regionale, infatti, dà il via libera da portare via.

In pratica, ristoranti, pizzerie, bar, trattorie, taverne, pub, bistrot e attività artigianali (rosticceria, friggitrici, gelaterie e pasticcerie, pizza da asporto) potranno iniziare con l'asporto. È un passo avanti rispetto alla consegna a domicilio, e almeno è l'unico barlume per continuare a lavorare nel settore della ristorazione. Secondo i dati della Camera di commercio ciò riguarda 7.193 aziende e 25.800 dipendenti a Bologna e provincia.

Preparativi di fase due

Giancarlo Tonelli, direttore di Ascom Bologna, considera il takeaway un'importante "conquista".

"È un secondo passo verso il riavvio. Anche se è sotto stretto controllo, possono davvero prepararsi per la seconda fase. In attesa dell'apertura ufficiale, possono alzare fisicamente le persiane, disinfettare gli spazi e riaprire le loro cucine " continua Tonelli.

La consegna a domicilio, sebbene due imprese su tre siano state attrezzate per farlo, non è stato sufficiente a garantire un ritorno per il settore. L'asporto, tuttavia, potrebbe cambiare la situazione.

"Ad esempio, consideriamo le barre. C'è una grande richiesta per la colazione. La gente si era già preparata per questo a casa, ma questo porterà sicuramente a un grande aumento " Tonelli prevede.

Anche se alcune regole devono essere garantite: ordinare online o telefonicamente per evitare incontri e, quindi, organizzare la raccolta di cibo in modo contingente per evitare le code. I takeaway saranno anche possibili in auto.

Nella stanza deve essere presente un solo cliente alla volta e deve rimanere il tempo strettamente necessario per la consegna e il pagamento della merce.

Sulla stessa lunghezza d'onda del regista di Confesercenti, Loreno Rossi afferma: "Le consegne nazionali sono state un modo per tenere aperta una porta, ora con l'asporto faremo un altro passo avanti per prepararci, quindi, il 18 maggio per riaprire".

Secondo Rossi, una settimana sarà sufficiente per avere almeno il 50 percento di tutte le imprese pubbliche attive con un asporto, con un aumento, rispetto alla consegna a domicilio, di oltre il dieci percento.

Necessarie linee guida migliori

Se il takeaway è considerato l'inizio della seconda fase, ciò di cui si lamentano le associazioni di categoria è la mancanza di un "menu" chiaro per la riapertura ufficiale. Senza linee guida – dai dispositivi di sicurezza personale alla distanza sociale – è difficile per i locali dotarsi in tempo.

"Sono necessarie regole chiare, ma non devono essere troppo rigide perché, altrimenti, alcune attività potrebbero non essere in grado di riaprire affatto", avverte Tonelli di Ascom.

Più agevolazioni fiscali

Fipe-Confcommercio Emilia Romagna, chiede che la Regione e le amministrazioni locali prevedano un pacchetto di indennità, esenzioni e sconti fiscali su tasse e imposte locali, in particolare Tari e terreni pubblici, e misure forti per ridurre la burocrazia per i dehors più grandi a sostegno delle barre e ristoranti.

Tag: Confesercenti, Fipe-Confcommercio Emilia Romagna, Loreno Rossi, Takeaway Bologna, Tonelli Ascom

Questa voce è stata pubblicata

domenica 26 aprile 2020 alle 11:12
Le risposte sono attualmente chiuse, ma è possibile rintracciare dal proprio sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.