John Legere si dimette dal consiglio di amministrazione di T-Mobile "per perseguire altre opzioni"


John Legere ha tagliato formalmente i legami con T-Mobile US, la società che ha guidato come CEO per oltre sette anni. Dopo aver guidato T-Mobile in una drammatica inversione di tendenza culminata con successo nella fusione con l'ex rivale Sprint, Legere si è dimesso e Mike Sievert è stato nominato nuovo amministratore delegato di T-Mobile all'inizio di questo mese. A quel tempo, Legere aveva detto che sarebbe rimasto nel consiglio di amministrazione di T-Mobile fino al 4 giugno.

Ma non è più così. Oggi in un deposito di 8K presso la SEC, T-Mobile ha rivelato che Legere sta lasciando il consiglio "immediatamente operativo per perseguire altre opzioni".

"Sig. Legere ha osservato che non si è dimesso a causa di qualsiasi disaccordo con la direzione o il consiglio su qualsiasi questione ", ha detto T-Mobile nella sua nota, che conteneva anche una citazione di Legere indirizzata alla società e ai suoi dipendenti:

Nel suo avviso alla società, Legere ha dichiarato: “È stato un privilegio e un onore aver guidato T-Mobile come CEO negli ultimi sette anni e mezzo e ha fatto parte del Consiglio di amministrazione. E anche se lascerò il Consiglio poche settimane prima del previsto, assicurati che rimarrò il primo fan di T-Mobile! "

Qualunque cosa Legere abbia in programma, a quanto pare non poteva aspettare un altro mese e cambiare. Durante il suo tempo come CEO di T-Mobile, Legere si è distinto dagli altri dirigenti per la sua personalità schietta e sfacciata, spesso volgari discorsi sui rifiuti diretti a concorrenti come Verizon e AT&T. Ha marchiato T-Mobile come "non portatore" e ha guidato l'azienda attraverso una trasformazione che ha comportato l'allontanamento da contratti di due anni, prezzi telefonici agevolati e altre pratiche commerciali che erano diventate status quo per l'industria della telefonia mobile. Molti di questi cambiamenti furono successivamente adottati dai rivali di T-Mobile.

Legere ha fornito alcuni indizi su dove si sta dirigendo, anche se a novembre ha confutato le notizie secondo cui avrebbe partecipato a discussioni per unirsi a WeWork. Da quando si è dimesso da CEO di T-Mobile, Legere ha continuato a impegnarsi con i suoi grandi social media che seguono – ha oltre 6,5 milioni di follower su Twitter – tramite Periscope e altre piattaforme.

Venerdì scorso, Legere ha offerto sentimenti gentili al CEO uscente di AT&T Randall Stephenson dopo che la società aveva annunciato che avrebbe avuto successo a John Stankey a luglio. È sicuramente una nuova era per la leadership dei grandi provider wireless.

Dai inizio alle speculazioni sulla prossima destinazione di Legere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.