Amazon ha vietato la vendita di articoli non essenziali in Francia


Amazon ha perso il ricorso a una sentenza del tribunale francese che impone alla società di interrompere temporaneamente la consegna di articoli non indispensabili in Francia o di affrontare multe salate, il New York Times segnalati.

La Corte d'Appello di Versailles confermata una sentenza del tribunale di grado inferiore che ha portato la società di e-commerce a chiudere sei dei suoi centri di adempimento in Francia e a mettere i lavoratori sotto controllo. Amazon aveva affermato che la definizione di beni che poteva spedire non era chiara e piuttosto che rischiare di essere multati, optando per la chiusura temporanea dei centri di evasione ordini.

Secondo la sentenza del tribunale francese, durante la pandemia di coronavirus Amazon può consegnare articoli direttamente collegati a forniture mediche, prodotti per l'igiene e prodotti alimentari nel paese. Deve condurre una valutazione del rischio dei suoi magazzini con i sindacati. I sindacati ha portato Amazon in tribunale per quello che hanno ritenuto un fallimento da parte dell'azienda per proteggere i dipendenti del magazzino dall'esposizione al coronavirus.

La società ha twittato in risposta alla sentenza: "Abbiamo ascoltato il risultato del nostro appello e siamo rimasti perplessi dalla decisione. Attualmente stiamo valutando le implicazioni per i nostri siti, nonché per i nostri dipendenti e clienti in Francia ".

La Corte d'Appello di Versailles ha dichiarato che se Amazon violasse la sentenza, la società verrebbe multata di € 100.000 (circa $ 108.000) per ogni consegna che non soddisfa le sue condizioni. Il tribunale rivedrà i progressi della società il prossimo mese.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *