Milano annuncia un ambizioso piano per ridurre l’uso dell’automobile dopo lockdown | notizie dal Mondo


Milano è quello di introdurre in Europa una delle più ambizioso schemi di riassegnazione di strada, spazio auto, a piedi e in bicicletta, in risposta al coronavirus crisi.

Le città del nord italia e la circostante regione Lombardia sono tra gli europei più inquinati, e sono anche stata colpita in modo particolarmente duro dalla Covid-19 scoppio.

Sotto la nazionale di blocco motore, la congestione del traffico è sceso da 30 a 75%, e l’inquinamento dell’aria con esso. I funzionari della città sperano di respingere una ripresa dell’uso delle auto, come i residenti di tornare a lavorare, cercando di evitare occupata del trasporto pubblico.

La città ha annunciato che a 35 km (22 miglia) di strade sarà trasformata nel corso dell’estate, con un rapido, sperimentale citywide espansione di escursioni in bicicletta e a piedi, e spazio per proteggere i residenti di Covid-19 restrizioni sono sollevato.

Piani per Corso Buenos Aires, prima e dopo, le Strade Aperte progetto.



Piani per Corso Buenos Aires, prima e dopo, le Strade Aperte progetto. Composito: PR

Le Strade Aperte piano, ha annunciato il martedì, comprende basso costo temporanea piste ciclabili, nuovi e ampliati i marciapiedi, 30kph (20mph), limiti di velocità, e di pedoni e ciclisti priorità strade. La località in cui sono presenti un basso traffico, nelle immediate vicinanze del sito dell’ex Lazzaretto, un rifugio per le vittime di epidemie di peste nei secoli 15 e 16.

Marco Granelli, del vice sindaco di Milano, ha dichiarato: “Abbiamo lavorato per anni per ridurre l’uso dell’automobile. Se tutti si guida una macchina, non c’è spazio per le persone, non c’è spazio per muoversi, non c’è spazio per le attività commerciali al di fuori di negozi.

“Certo, vogliamo riaprire l’economia, ma pensiamo che si dovrebbe fare su una base diversa dalla prima.

“Pensiamo di dover reinventare Milano nella nuova situazione. Dobbiamo arrivare pronti; ecco perché è così importante la difesa, anche parziale, dell’economia, barre di sostegno, artigiani e ristoranti. Quando è finita, le città che hanno ancora questo tipo di economia avrà un vantaggio, e Milano vuole essere in quella categoria.”


La vita e la morte con un coronavirus ambulanza volontario a Milano – video

Milano è una città piccola e compatta, a 15 km dall’inizio alla fine, con 1,4 milioni di abitanti, di cui il 55% utilizza il trasporto pubblico per recarsi al lavoro. La distanza media dalla casa è a meno di 4 km, realizzazione di un interruttore auto, modalità attive di spostamento potenzialmente possibile per molti residenti.

L’inizio dei lavori su un tratto di 8 km di Corso Buenos Aires, una delle città più importanti vie dello shopping, all’inizio di Maggio – con una nuova pista ciclabile, e ampliati i marciapiedi. Il resto del lavoro sarà completato entro la fine dell’estate, i funzionari dicono.

Janette Sadik-Khan, ex di trasporto commissario per la Città di New York, sta lavorando con la città di Bogotà e a Milano il loro trasporto programmi di recupero. Lei dice Milano, un mese prima che in altre città del mondo nella traiettoria della pandemia, potrebbe fornire una tabella di marcia per gli altri.

“Un sacco di città e anche i paesi che sono stati definiti da come hai risposto a forze storiche, sia esso politico, sociale, fisica o la ricostruzione”, dice.

Corso Buenos Aires, nel centro di Milano.



Corso Buenos Aires, nel centro di Milano. Fotografia: Carlo Cozzoli/REX/Shutterstock

“La Milano del piano è così importante è perché si stabilisce un buon playbook per quanto è possibile reimpostare la città. È una volta-in-a-vita opportunità di dare un nuovo look al vostro strade e assicurarsi che essi sono impostati per ottenere i risultati che vogliamo raggiungere: non solo di spostare le auto il più velocemente possibile da un punto a a Un punto B, ma rendendo possibile a tutti di muoversi in sicurezza.

“So che continueremo a Milano per la guida della Città di New York.”

Pierfrancesco Maran, un altro di Milano, vice sindaci, ha detto: “Dobbiamo accettare che per mesi o forse un anno, ci sarà una nuova normalità, e dobbiamo creare buone condizioni per vivere questa nuova normalità per tutti.

“Penso che il mese prossimo a Milano, in Italia, in Europa, si deciderà parte del nostro futuro, per il prossimo decennio. Prima, siamo stati pianificazione per il 2030; ora la nuova fase, ci stanno chiamando il 2020. Invece di pensare al futuro, dobbiamo pensare al presente”.

Un ciclista in una maschera protettiva cicli di lungo Madeira Auto a Brighton.



Un ciclista in una maschera protettiva cicli di lungo Madeira Auto a Brighton. Foto: Jon Santa Cruz/REX/Shutterstock

In UK lunedì, Brighton iniziato apertura di parte del lungomareMadeira Drivesolo a pedoni e ciclisti da 8am-8pm. In Barnes, Londra, le imprese e i residenti hanno cono di una parte della strada al di fuori di shopping, sfilate di espandere spazio pedonale e aiutare i clienti a mantenere il loro distanza l’uno dall’altro.

Nel frattempo, nella Repubblica d’Irlanda, Dublino è la sospensione di baie di carico e di spazi di parcheggio per aumentare lo spazio per allontanamento sociale, utilizzando separatori in plastica rimovibile.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *