Il design italiano che ha colpito il coronavirus sars


https://www.lemonde.fr/
Ana Popescu per M Le magazine du Monde

Nel mese di aprile 2018, Fabrizio Cantoni e sua moglie, Nelcya Chamszadeh hanno creduto in calo del loro presidente : la loro azienda giovane, CC-Tapis, specializzata nella progettazione e costruzione di moderni tappeti annodati a mano in Nepal, ha ricevuto il premio per il miglior stand alla fiera del mobile di Milano. Ispirato dalle colonne che scandiscono la Bandiera della civiltà d’italia, a Roma, la scenografia disegnata da piccolo studio di architettura Milo unanime. “Immaginate, noi e il nostro piccolo stand di 80 m2il volto di Golia, e le migliaia di metri quadrati ? sorrisi Fabrizio. È la magia di Milano, dove una piccola scatola di nulla può spalla a spalla con i personaggi che compongono la storia del design. ”

Il ” Salone “, come il film festival, non è raro che un outsider che colpisce il jackpot alla barba degli headliner. Il grand raout milanese, per la progettazione di quello che Cannes è la settima arte, una vetrina globale, professionale e di festa, dove, fin dal 1961, giovani designer emergenti, ha lanciato l’innovazione, per testare le nuove tendenze e sviluppare contratti che danno vendita slancio per il resto dell’anno.

Il controllo e la rifinitura, prima della spedizione

Per CC-Tapis, che funziona sia sotto la sua etichetta e per altri stilisti, la ricompensa porta ad un aumento “notevole” il fatturato dello Show. E un’inflazione degli ordini. Prima dell’estate del 2019, l’alta sacerdotessa di spagnolo design Patricia Urquiola, art director di Cassina, invita il franco-italiana per il prossimo salone del mobile. Nel mese di settembre, il duo ha offerto una prima bozza.

“Per noi, questo non è semplicemente la trasposizione di un disegno su un tappeto, spiega Fabrizio Cantoni francesi canto e tuttavia rigoroso, come il suo temperamento. Per un tappeto per essere interessante, deve avere la materialità, la profondità, le finiture. In breve, si tratta di sperimentare continuamente che vogliamo ottenere qualcosa vale la pena di essere prodotta. “

Nel mese di gennaio, tutto è pronto, i prototipi sono lanciato in officina a Kathmandu. Come sempre, la società si basa su una dozzina di settimane di produzione, il controllo e la rifinitura, prima della spedizione. “Il che ci porta al fatidico mese di aprile “, indica Fabrizio Cantoni, aggiungendo, con un sospiro : “Nella nostra testa, la camera era pronta. “

Arteria del lusso e della moda

Era tanto nella mente degli organizzatori. Certamente, il 25 febbraio, hanno pensato bene di posticipare le date da aprile a giugno. Due giorni prima, infatti, la Settimana della Moda di milano chiuso in confusione : alcuni spettacoli sono stati annullati in emergenza, l’Armani si è svolto a porte chiuse, senza giornalisti o acquirenti. In un fine settimana, la regione Lombardia, per spostare in un incubo : trenta-due casi di infezione e due morti per il coronavirus sono segnalati.

Ancora 84.53% di questo articolo da leggere. La suite è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.