Inizia la prima notizia su "Apertura del paese"


DSCN3316 "width =" 586 "height =" 328 "srcset =" https://i1.wp.com/www.free-press.it/wp-content/uploads/2020/04/Inizia-la-prima-notizia-su-quotApertura-del-paesequot.jpg?w=800&ssl=1 300w, http: // www.bolognapress.com/bodu/wp-content/uploads/2020/04/DSCN3316-e1585816793473-768x428.jpg 768w, http://www.bolognapress.com/bodu/wp-content/uploads/2020/04/DSCN3316 -e1585816793473-1024x571.jpg 1024w "dimensioni =" (larghezza massima: 586px) 100vw, 586px "/></p data-recalc-dims=

  • Gli artigiani per primi aprono

  • Maschere e regole di allontanamento sociale

  • Bar, discoteche e parrucchieri stanno per riaprire

  • Quote per i frequentatori di cinema

Dopo aver raggiunto un plateau durante l'epidemia di coronavirus, il governo è in fase di pianificazione per "riaprire" il Paese. Cosa riaprire e quando sono i grandi dilemmi. Non sarà certamente gratuito per tutti, ma piuttosto selettivo.

Chi va per primo?

L'unica certezza, per ora, è che l'Italia rimarrà "chiusa" fino a Pasqua. Alla fine avranno luogo uffici, fabbriche e negozi, ma solo gradualmente. Gli esperti pensano che solo dopo il 4 maggio, festività bancaria, è possibile aspettarsi un ritorno a una sorta di normalità. La più grande preoccupazione, ovviamente, è la crescente preoccupazione per una possibile ripresa delle infezioni. Da qui l'idea di reintegrare gradualmente i dipendenti nelle aziende. Il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia, considera la possibilità di lasciare indietro quelli che sono già immunizzati da Covid-19. "Penso che dobbiamo assicurarci che la diga sia cementata rispetto al virus, quindi dobbiamo assicurarci che le aziende riescano ad aprire. Un test sierologico, sul quale sperimenteremo, va in questa direzione ed è mirato proprio ai lavoratori, sarà utile per le nostre aziende avere la licenza "immunizzata". I governi regionali potrebbero in definitiva definire i tempi e i metodi per riprendere le attività di produzione nei propri territori.

Quali attività riprenderanno per prime?

I primi ad alzare le persiane saranno gli artigiani con un basso afflusso di clienti. Invece, i parrucchieri, i barbieri e le estetiste che sono abituati a vedere un alto numero di persone nei loro saloni, e vicini, dovranno avere più pazienza prima di tornare al lavoro. Questo per garantire la minima trasmissione possibile della malattia. Gli ultimi a riaprire saranno bar e ristoranti.

La massima preoccupazione per la sicurezza nelle aziende?

La possibilità di riapertura per le aziende sarà soggetta a garantire un elevato livello di standard di sicurezza al fine di evitare una ripetizione di alti tassi di contagio. L'epidemiologo dell'Università di Pisa, Pier Luigi Lopalco, ha sottolineato la necessità di farlo "Ristrutturare lavoro, fabbriche e luoghi di lavoro". In particolare, sarà necessario garantire una distanza di un paio di metri tra un dipendente e l'altro. Non solo, ma sarà anche necessario monitorare l'adozione delle maschere da parte di tutti i dipendenti. Molto probabilmente i gruppi più esposti alle complicazioni dovute al contagio come i lavoratori più anziani e quelli con sistema immunitario soppresso verranno rimandati per un altro periodo.

Bar, ristoranti e palestre?

Queste sono le domande che la maggior parte delle persone si pone in questi giorni. Covid-19 ha minato, prima, e poi cancellato il nostro tempo libero. Con adeguate precauzioni, tuttavia, avremo indietro queste opportunità. Nella prima fase, molto probabilmente i cinema riapriranno solo a un numero ridotto di spettatori, al fine di garantire il più possibile la distanza di sicurezza. Le riunioni davanti al bancone devono essere evitate in barre. Le tabelle devono essere nuovamente introdotte e posizionate ad almeno due metri l'una dall'altra. Lo stesso vale per i gestori di ristoranti. Saranno inoltre prese in considerazione misure per l'apertura delle palestre e infine comunicate.

Tag: virus corona, COVID

Questa voce è stata pubblicata

giovedì 2 aprile 2020 alle 8:41
Le risposte sono attualmente chiuse, ma è possibile rintracciare dal proprio sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *