In Italia, le nuove restrizioni per contrastare il flash avanzata dell’epidemia di Covid-19


Coda davanti a un supermercato alla periferia di Roma, il 11 marzo.
Coda davanti a un supermercato alla periferia di Roma, il 11 marzo. Alfredo Falcone/LaPresse / AP

Il pre-compilato modulo è costituito da un foglio di carta A4 che ogni residente in Italia, deve ora portare con voi, non appena si esce di casa sua, e che può essere richiesta in qualsiasi momento da parte delle forze dell’ordine nel centro di Roma, per il secondo non nega. Il testo, quindici righe, afferma che il firmatario di aver letto i termini dell’ultimo dei decreti di limitazione di viaggio di ciascuno, ed è situato in strada “requisiti professionali “un “la situazione di necessità “o “motivi di salute “.

Deve essere datata e firmata a controllo e le sanzioni che possono andare da un semplice punto dell’ordine presso il carcere sono previste. Sono finiti i giorni di “passagietta “ (la passeggiata), abbracci bravaches e ironia. Ora, vi saluto una buona distanza. E comunque, non attraversare molte persone in strada.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche “In Italia, la durezza delle misure restrittive è a causa della fragilità del sistema sanitario”

Mercoledì sera, il presidente del consiglio italiano, Giuseppe Conte, ha annunciato in una conferenza stampa a tono drammaticamente, un ulteriore inasprimento delle restrizioni su tutto il territorio. Ora, tutti i negozi che non corrispondono ai bisogni di prima necessità, sarà chiuso. Il bar, caffetterie e ristoranti, e negozi di ogni genere, si abbassa il sipario per due settimane, fino al 25 di marzo almeno. Comunque, molti di loro erano in vantaggio di chiamata : che cosa è il punto di rimanere aperto se i clienti non sono autorizzati a venire ? Le fabbriche non chiudono ma devono adottare rigorose misure di sicurezza.

Sarà aperto anche alle stazioni di servizio, edicole, lavanderie, banche, assicurazioni e banche e, naturalmente, che le farmacie. “L’effetto di questo nuovo sforzo sarà quattordici prossimi giorni “, ha assicurato il presidente del consiglio italiano.

Al limite della rottura

Quando la litania di nuove chiusure, misure di emergenza e di ulteriori restrizioni ? C’è l’incognita principale. Infatti, il costante aggravamento della situazione nel paese lascia poco spazio all’ottimismo. Secondo l’ultimo bilancio segnalati dalla protezione civile, il virus continua la sua avanzata, l’immutabile ritmo del 20% al 25 % di casi in più al giorno (12 400 casi in totale, rispetto a poco più di 10.000 il giorno prima).

Inevitabilmente, la curva dei morti segue, inoltre, un costante ascesa : con 196 morti di cui 24 ore, il totale si trova ora a 827 morti. Con ogni probabilità, il bar di 1000 morti dovrebbe essere presa molto rapidamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *