Firefox attiva la controversa nuova crittografia per impostazione predefinita negli Stati Uniti


A partire da oggi, Mozilla si accenderà per impostazione predefinita DNS su HTTPS (DoH) per gli utenti di Firefox negli Stati Uniti, la società ha annunciato. DoH è un nuovo standard che crittografa una parte del tuo traffico Internet che in genere viene inviato tramite una connessione di testo semplice non crittografata e che potrebbe consentire ad altri di vedere quali siti web stai visitando, anche quando la tua comunicazione con il sito Web stesso è crittografata tramite HTTPS. Mozilla afferma che è il primo browser a supportare il nuovo standard per impostazione predefinita e lo implementerà gradualmente nelle prossime settimane per risolvere eventuali problemi imprevisti.

Ogni volta che si digita un sito Web nella barra degli indirizzi, il browser deve eseguire una procedura per convertirlo in un indirizzo IP utilizzando una ricerca DNS. Tuttavia, questo traffico normalmente non è crittografato, il che significa che è possibile per gli altri vedere quali siti Web stai visitando. DoH è un tentativo di crittografare queste informazioni per proteggere la tua privacy. Ecco un spiegazione più approfondita da Mozilla questo lo spiega in dettaglio.

Mozilla è in parte motivato dagli ISP che monitorano l'utilizzo del web da parte dei clienti. I vettori statunitensi come Verizon e AT&T stanno costruendo enormi reti di tracciamento degli annunci. DoH non interromperà la raccolta dei dati, ma probabilmente renderà più difficile.

Sebbene sia molto più difficile per gli altri vedere le tue ricerche DNS con DoH abilitato, i siti web saranno comunque visibili al server DNS a cui si sta connettendo il tuo browser. Pertanto, Mozilla afferma che Firefox offrirà una scelta di due provider DNS affidabili, Cloudflare e NextDNS, e che Cloudflare verrà utilizzato come predefinito. Mozilla ha delineato a insieme di requisiti sulla privacy che qualsiasi fornitore DoH deve rispettare per essere considerato un risolutore di fiducia.

Mozilla afferma che DoH aumenta la privacy e la sicurezza degli utenti online, ma la tecnologia ha affrontato feroci critiche da parte di legislatori ed esperti di sicurezza che affermano che ostacola i tentativi legittimi da parte di amministratori e legislatori di sistemi aziendali di bloccare contenuti Web pericolosi. Gli esperti affermano inoltre che la tecnologia non fornisce la perfetta protezione della privacy che i suoi sostenitori sostengono. Solo alcune parti del processo di ricerca DNS sono crittografate e i provider di servizi Internet saranno ancora in grado di vedere a quali indirizzi IP si connettono i loro utenti, avvertono.

Quando ha annunciato che avrebbe attivato DoH per impostazione predefinita l'anno scorso, Mozilla ha affermato che consentirebbe il controllo parentale opt-in e disabiliterebbe DoH se Firefox li rileva. Ha anche detto che avrebbe disabilitato DoH per impostazione predefinita nelle configurazioni aziendali.

Questa controversia significa che l'annuncio di oggi riguarda solo gli utenti di Firefox con sede negli Stati Uniti. Mozilla detto ZDNet l'anno scorso che non avrebbe abilitato il DoH per impostazione predefinita nel Regno Unito, dove la tecnologia è stata criticata dal servizio di intelligence GCHQ del paese, dai gruppi di tutela dei minori e dagli ISP. In una FAQ sul suo sito Mozilla afferma che il suo obiettivo attuale è quello di abilitare la funzione solo negli Stati Uniti. Tuttavia, gli utenti al di fuori degli Stati Uniti saranno in grado di attivare manualmente la funzionalità andando in Impostazioni, Generale, quindi scorrendo verso il basso fino a Impostazioni di rete.

Mentre Firefox è il primo browser che inizia ad attivare DoH per impostazione predefinita, anche altri browser come Chrome, Edge Chromium e Brave hanno iniziato a supportare la funzionalità. Tuttavia, nella maggior parte dei casi dovrai scavare attraverso le loro impostazioni per abilitare la funzione. Ecco una guida dell'anno scorso su come farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.