Tedesco infermiere accusato di avvelenamento cinque neonati prematuri con la morfina



Cinque bambini prematuri presso l’Ospedale dell’Università di Ulm, nella Germania meridionale, di età compresa tra un giorno e un mese improvvisamente cominciato a sperimentare che minacciano la vita, difficoltà di respirazione, la mattina del 20 dicembre dello scorso anno, le autorità ha detto in una dichiarazione.

Il sospetto era in servizio presso l’ospedale quella mattina e che è stato preso in custodia mercoledì. L’infermiera è indagato per cinque conti di tentativo di omicidio colposo e lesioni colpose gravissime. Tutti i bambini sono sopravvissuti e la polizia ha detto che non si aspettavano ulteriori problemi di salute.

Polizia cercato membri del personale armadietti in ospedale e hanno confermato giovedì in una conferenza stampa che hanno trovato una siringa contenente il latte materno tra l’infermiera beni. La polizia e il pubblico ministero ha anche confermato che il test di medicina legale ha mostrato la siringa era stata cucita con la morfina.

Christof Lehr, Ulm, il procuratore capo, ha detto giovedi che l’infermiera nega di aver dato i bambini morfina. Non è immediatamente chiaro se la morfina parte dei bambini’ piano di trattamento.

“Nelle prime ore del mattino del 20 dicembre 2019, cinque bambini prematuri ospitato in una stanza di una Clinica per la Medicina Pediatrica e Adolescenziale in Ulm, quasi contemporaneamente, soffriva di pericolo di vita problemi di respirazione, che per fortuna, grazie all’immediato intervento del personale dell’ospedale, è rimasto senza conseguenze, secondo le attuali valutazioni mediche,” le autorità inquirenti ha detto in una dichiarazione.

L’ospedale allertato la polizia locale, dopo la morfina residuo è stato trovato nei neonati campioni di urina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *