Seattle è la prima area negli Stati Uniti in cui i residenti possono votare tramite smartphone


King County, dove si trova Seattle, ha annunciato mercoledì che sta implementando il voto sugli smartphone per le elezioni del prossimo consiglio di vigilanza.

1,2 milioni di residenti di King County possono usare il cellulare per votare alle elezioni, che iniziano il 22 gennaio e continuano fino alle 20:00 PT dell'11 febbraio.

Il programma è una collaborazione tra King County Elections; il distretto di conservazione della contea; Tusk Philanthropies senza scopo di lucro a voto mobile; il National Cybersecurity Centre; e Democracy Live, una società tecnologica che sviluppa schede elettroniche.

"Sarà più facile che mai per gli elettori accedere al loro scrutinio del Conservation District e esprimere il loro voto", ha dichiarato Julie Wise, direttrice delle elezioni di King County, in una nota. "Qui alle King County Elections, siamo sempre alla ricerca di modi per migliorare l'accesso e coinvolgere i nostri elettori e queste elezioni potrebbero essere un passo fondamentale nel passaggio verso l'accesso elettronico e il ritorno per gli elettori in tutta la regione."

In un'intervista con National Public Radio, Radio PubblicaBradley Tusk, CEO e fondatore di Tusk Philanthropies, ha sottolineato l'impatto positivo che la tecnologia potrebbe avere sull'affluenza alle urne. Per NPR, le elezioni del consiglio dei supervisori di King County hanno visto negli ultimi anni meno dell'1 percento degli elettori eleggibili.

Ma l'espansione del voto sugli smartphone ha incontrato una forte resistenza, soprattutto a seguito delle elezioni presidenziali del 2016, durante le quali gli hacker russi si sono infiltrati nei sistemi di registrazione degli elettori statali, hanno avuto accesso alle e-mail private del personale della campagna di Clinton e si sono impegnati in numerosi altri crimini informatici. Sebbene non ci siano prove che la Russia abbia modificato i voti nel 2016, gli esperti di sicurezza informatica hanno citato gli incidenti come prove del fatto che potenze straniere potrebbero indirizzare le elezioni statunitensi lungo la strada.

Naturalmente, il voto su Internet comporta molti degli stessi rischi di altre attività su Internet: i collegamenti possono essere falsificati, i dispositivi possono essere compromessi da malware, gli utenti possono essere impersonati e i sistemi possono essere DDoS.

Nel 2018, le Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina hanno messo in guardia contro tutte le forme di voto online, raccomandando che le elezioni statunitensi si attengano alle schede cartacee per il prossimo futuro. Il Comitato di intelligence del Senato degli Stati Uniti ha messo in guardia anche dalla pratica nel suo rapporto fortemente redatto sull'interferenza elettorale russa, che è stato rilasciato lo scorso luglio.

Anche il Comitato nazionale democratico ha bocciato proposte che consentirebbero all'Iowa e al Nevada di condurre caucus virtuali, citando problemi di sicurezza.

Il voto virtuale non è una nuova idea. Nel 2010, il DC Board of Elections and Ethics ha creato un portale elettorale basato su Internet e ha invitato esperti di sicurezza a indagare sulle vulnerabilità. Il consiglio di amministrazione ha demolito il portale dopo che uno studente dell'Università del Michigan lo ha violato.

Tuttavia, altre contee hanno implementato con successo forme di voto per smartphone. La West Virginia ha permesso agli elettori stranieri di presentare votazioni per assente tramite un'app di voto basata su blockchain chiamata Voatz nelle elezioni di medio termine del 2018. Circa 150 persone hanno votato in questo modo, tuttavia, una piccola parte dell'elettorato ammissibile di King County. Contee in Utah, Oregon e Colorado hanno anche testato il voto mobile per un piccolo numero di elettori all'estero.

Un'altra differenza fondamentale: le votazioni online del West Virginia sono passate attraverso un'app dedicata al voto sicuro, che ha verificato l'identità di ciascun elettore tramite riconoscimento facciale o delle impronte digitali.

Gli elettori di King County possono inviare tramite un portale Web mobile, verificando le loro identità con il loro nome, data di nascita e una firma. Il CEO di Democracy Live, Bryan Finney, ha dichiarato a NPR che i funzionari di Washington saranno in grado di verificare le firme poiché lo stato vota interamente per posta. L'ufficio elettorale prevede di contare anche copie cartacee di tutte le schede elettroniche.

L'elezione del consiglio delle autorità di vigilanza è uno dei tanti "piloti" che Tusk intende implementare nei prossimi cinque anni nelle contee degli Stati Uniti. Non ci sono ancora indicazioni se King County abbia intenzione di espandere il sistema alle elezioni statali o nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *