Esclusivo sguardo alla prima auto senza conducente di Cruise senza volante o pedali


La non-macchina si siede sul palcoscenico nero scintillante circondato da un alone di luce. È arancione e in bianco e nero, più o meno delle stesse dimensioni di un SUV crossover, ma in qualche modo sembra molto più grande dall'esterno. Non c'è un fronte evidente al veicolo, nessun cofano, nessun finestrino lato guidatore o passeggero, né specchietti retrovisori laterali. La simmetria dell'esterno è stranamente confortante.

Sono uno dei primi non dipendenti a vederlo, dopo essere stato invitato dalla compagnia autonoma Cruise a venire a San Francisco per una prima occhiata. E quello che vedo è una macchina. Un'auto dall'aspetto strano, certo, ma comunque un'auto. Questo è ciò che mi dice il mio cervello. Ma la compagnia insiste sul fatto che non vedo quello che vedo. Un dipendente si riferisce ad esso come "la proprietà".

È più facile descrivere ciò che non è, piuttosto che quello che è. Ad esempio, non sembra un tostapane su ruote, come tendono a fare alcuni "persone che muovono" autonomamente. Un forno a microonde potrebbe essere più preciso, ma non ne sono convinto.

Il suo nome ufficiale è "Origin", e Kyle Vogt, il co-fondatore e Chief Technology Officer di Cruise, è chiaramente entusiasta di mostrarlo. Con un ampio sorriso, si allunga e tocca un pulsante sul lato, facendo aprire le porte con un piccolo sibilo come qualcosa fuori Guerre stellari.

All'interno ci sono due panche una di fronte all'altra, un paio di schermi alle due estremità … e nient'altro. L'assenza di tutte le cose che ti aspetti di salire su un veicolo è straziante. Nessun volante, nessun pedale, nessun cambio, nessun abitacolo di cui parlare, nessun modo ovvio per un essere umano di prendere il controllo se qualcosa dovesse andare storto. C'è un nuovo odore di macchina, ma non è spiacevole. È quasi come l'acqua infusa di cetriolo.

"Il modo in cui i veicoli sono progettati, normalmente hanno un cofano anteriore dove si trova il motore e un po 'di spazio nel bagagliaio", dice Vogt, mentre ci sediamo uno di fronte all'altro. "Ma quando non hai bisogno di tutta quella roba … possiamo avere questa cabina enorme e spaziosa senza occupare più spazio sulla strada di una macchina normale. Che è un po 'folle. "

Ma l'origine sta arrivando in un mondo che non perdona: metà degli americani è scettica al punto da temere le auto a guida autonoma. A loro non importa un'auto in grado di guidare se stessa, purché possano prendere il controllo quando lo desiderano. Questo è impossibile con questo veicolo. Chiedo a Vogt dove trova la sicurezza di portare via tutto ciò che siamo venuti per associare alla guida umana.

"Immagino sia importante notare che non abbiamo ancora convalidato e rilasciato la nostra tecnologia", afferma. "Quindi non siamo andati là fuori e abbiamo detto che è più sicuro di un essere umano e ci stiamo preparando per la prima serata. Ma ci stiamo avvicinando abbastanza. "

Circa 18 minuti dopo, dopo un breve tour del veicolo e avanti e indietro sui grandi piani della compagnia per la Origin, Vogt dice qualcosa di più audace. "Quando questo veicolo entrerà in produzione, pensiamo che il software di base che guida i nostri AV sarà ad un livello sovrumano di prestazioni e più sicuro del guidatore umano medio", dice. "E forniremo prove concrete empiriche a sostegno di tale affermazione prima di mettere le persone in una macchina senza qualcuno."

Cruise è stata spesso descritta come una "divisione" o "unità" di General Motors, ma la società preferisce la "filiale di proprietà della maggioranza". (La casa automobilistica possiede tecnicamente due terzi di Cruise, che ha acquistato nel 2016.) Tuttavia, GM non è è l'unica grande casa automobilistica nell'angolo di Cruise. Nell'ottobre 2018, Honda ha annunciato il suo piano di investire 2,75 miliardi di dollari in crociera per 12 anni. La società ha anche raccolto fondi dal SoftBank Vision Fund giapponese e dal T. Rowe Price e ha una valutazione di $ 19 miliardi.

Come parte dell'accordo Honda, GM ha collaborato con la casa automobilistica giapponese per progettare un'auto a guida autonoma "appositamente costruita". Una "macchina appositamente costruita" non è un'auto normale adattata per l'auto-guida, come lo è oggi la maggior parte dei veicoli autonomi sulla strada. Piuttosto, è un'auto progettata da zero per guidare se stessa. Ciò sarebbe in aggiunta al volante Chevy Bolt senza volante e su cui stanno lavorando GM e Cruise. A quel tempo, Vogt prese in giro un veicolo con "schermi TV giganti, un mini bar e sedili piatti".

L'origine non ha nessuno di questi servizi, ma Vogt insiste che la sua vera risorsa è la sua modularità. "Abbiamo costruito quest'auto attorno all'idea di non avere un conducente e di essere specificamente utilizzata in una flotta di ride-share", afferma. “Questo veicolo è progettato per durare un milione di miglia e tutti i componenti interni sono sostituibili. Il calcolo è sostituibile, i sensori sono sostituibili. E ciò che fa è che il costo per miglio è molto più basso di quello che potresti mai raggiungere se prendessi un'auto normale e provassi a modificarla. Il costo di sostituzione e il mantenimento di questo ti ucciderebbero dal punto di vista aziendale. "

In genere non sento le aziende AV parlare di "economia unitaria" e redditività. Ma questo si insinuerà prima di quanto molte persone si rendano conto, dice Vogt. Gli esperti stimano che ogni auto a guida autonoma potrebbe costare da $ 300.000 a $ 400.000, tenendo conto dei costosi sensori e software di elaborazione necessari per consentire ai veicoli di guidare autonomamente. Il recupero di tali costi sarà enormemente impegnativo e Cruise sta cercando di risolverlo costruendo un'auto con più capacità di resistenza rispetto alla maggior parte dei veicoli di proprietà personale.

Cruise ha lavorato sul design di Origin da oltre tre anni, ma il coinvolgimento di Honda ha "caricato" lo sforzo. Le due case automobilistiche non hanno collaborato a ogni minimo dettaglio; invece, hanno diviso il lavoro in base alla loro esperienza. GM era responsabile della progettazione del veicolo base e della catena cinematica elettrica, mentre Honda ha contribuito a creare "un uso efficiente dello spazio" all'interno, afferma Vogt. Nel frattempo, Cruise ha gestito le tecnologie di rilevamento e elaborazione, nonché l'esperienza dal punto di vista del ciclista.

Vogt consente che la suite di sensori possa cambiare prima che il veicolo entri in produzione. Ma in questo momento, ha la configurazione standard presente in molti AV sulla strada oggi: radar, telecamere e sensori laser LIDAR. Il disco rigido, memorizzato nel bagagliaio e contenente il software di intelligenza e percezione artificiale del veicolo, è raffreddato dal sistema di batterie del veicolo, rendendolo più silenzioso e meno soggetto a surriscaldamento rispetto alle precedenti iterazioni. Ciò significa che i passeggeri che viaggiano nei sedili rivolti in avanti non dovranno sperimentare tushies eccessivamente tostati (come ho fatto con un altro operatore AV).

Cruise, con l'aiuto di Honda, ha progettato l'interno del veicolo principalmente per corse condivise. Gli schermi, uno su entrambi i lati, mostreranno un itinerario per prendere e lasciare ogni passeggero, così i ciclisti sanno cosa aspettarsi. Il passaggio in auto nell'era degli smartphone non è stato esattamente il successo in fuga che speravano in aziende come Uber e Lyft. Ma Cruise pensa che l'abbondanza di spazio possa aiutare a ridurre al minimo l'attrito.

"È progettato per essere comodo se è condiviso, ma se sei solo tu, hai così tanto spazio qui che ti piace davvero allungare", dice, estendendo le gambe in modo che i suoi piedi quasi tocchino i miei. Quasi, ma non del tutto.

Guarda, per quanto mi riguarda, l'origine di Cruise è un'automobile. Cruise afferma di voler "oltrepassare la macchina", ma non sono convinto che l'assenza di alcuni controlli neghi la sua innata carità. Come sottolinea Vogt, occupa la stessa quantità di spazio di un SUV e Cruise afferma che può viaggiare alle normali velocità della città. È una forma simile a un'auto e fa cose di tipo automobilistico, come percorrere una strada con persone dentro. E se non c'è un altro buon nome per esso – nonostante "la proprietà" – allora "auto" dovrà fare.

Non rammarico per la compagnia per aver tentato di discutere diversamente. La spinta per la non-car-ness è evidente nell'intensa campagna di marketing di Cruise che porta allo svelamento di Origin. La società ha recentemente svuotato il suo account Instagram – così a lungo, foto di persone sorridenti che guidano nella flotta di Chevy Bolts a guida autonoma – e ha pubblicato una serie di coordinate criptiche di longitudine e latitudine che corrispondono a famosi momenti storici, come l'invenzione del bussola e locomotiva a vapore. Le invenzioni non automobilistiche che hanno seriamente cambiato il modo di viaggiare, in altre parole.

Tuttavia, Cruise non è la prima azienda a costruire e testare un'auto a guida autonoma senza controlli tradizionali. Nel dicembre 2016, Google ha sbalordito il mondo quando ha rivelato di aver messo un cieco in uno dei suoi veicoli di prova autonomi a forma di uovo e lo ha mandato a fare un giro in giro per Austin, in Texas. Il veicolo Firefly di Google, progettato audacemente da YooJung Ahn, è ampiamente considerato come la prima auto testata pubblicamente senza volante o pedali.

Waymo, la società nata dal progetto autonomo di Google, ha ritirato la Firefly nel 2017. Ma in una recente intervista podcast, John Krafcik, CEO di Waymo, ha espresso la curiosità che da allora nessuno ha più replicato. "Perché pensi che nessuno l'abbia ancora fatto?", Ha detto Krafcik sul Autonocast. "Perché tutti ci grattiamo la testa e diciamo:" Non c'è la capacità lì? O la gente ha la capacità, ma ha scelto di non farlo o di non mostrarlo? '"

Cruise non è stato così disponibile con la sua tecnologia come Waymo. Nel 2017 l'azienda ha ospitato una sola demo per giornalisti, che ha prodotto titoli imbarazzanti ad esempio Reuters "Il camion Taco interrompe la crociera in auto autonoma GM attraverso le strade della città."

Ci sono stati anche altri dossi sulla strada. Il piano di Cruise di testare i suoi veicoli a New York City – probabilmente l'ambiente di guida più difficile negli Stati Uniti – non è andato da nessuna parte. Nel luglio 2019, la società ha annunciato che avrebbe mancato l'obiettivo di lanciare un servizio di taxi a guida autonoma su larga scala entro la fine dell'anno. Ha cercato di ricoprire le notizie deludenti annunciando un piano per aumentare drasticamente il numero dei suoi veicoli di prova sulla strada a San Francisco.

Arrivato subito dopo il Consumer Electronics Show e la sua cavalcata di concept car e progetti di design, ha la sensazione che Cruise stia cercando di respingere le aspettative decrescenti. L'anno passato è stato piuttosto negativo per i credenti nella tecnologia: scadenze mancate, crescenti preoccupazioni per la sicurezza e la crescente convinzione che costruire veicoli autonomi sarà più difficile, più lento e più costoso di quanto si pensasse in precedenza.

Cruise sta cercando di recuperare un po 'di quella prima magia con questo veicolo. Ma sta anche cercando di essere più pragmatico e in sintonia con le realtà di crescita e ridimensionamento di un vero business.

Certo, la burocrazia e la politica potrebbero spingere il tutto fuori strada.

Ricordi la mancanza inquietante di volante, rompi i pedali e così via? Ciò significa che la non-auto della Cruise richiederà un'esenzione dagli standard di sicurezza dei veicoli a motore del governo federale. La National Highway Traffic Safety Administration concede solo 2.500 petizioni all'anno. GM ha presentato una petizione per l'autorizzazione a distribuire una Chevy Bolt completamente priva di driver nel 2018, ma non ha ancora ricevuto risposta. E molto probabilmente avrà bisogno di un'altra esenzione prima che anche a Origin sia permesso di mettersi in viaggio.

I sostenitori della sicurezza stanno sollecitando NHTSA a prendersi il proprio tempo per deliberare su questi cambiamenti. Ad esempio, il Center for Auto Safety "mette fortemente in discussione" la decisione del NHTSA di dare la priorità a questi cambiamenti di regole considerando che le auto a guida autonoma sono ancora nella loro "infanzia e molto probabilmente a decenni di distanza da un'utilità pratica diffusa". E i concessionari National Automobile L'associazione, nel frattempo, contesta l'uso del termine "barriere" per descrivere gli attuali standard di sicurezza e sostiene che le auto a guida autonoma dovrebbero continuare "a consentire anche il controllo umano".

GM non è l'unica azienda che cerca di accelerare questi cambiamenti. Ford ha dichiarato che costruirà un'auto autonoma senza volante o pedali entro il 2021, mentre Waymo ha iniziato a offrire un numero limitato di corse in minivan senza conducente ai suoi clienti a Phoenix, in Arizona.

Cruise sente chiaramente il calore dei suoi concorrenti, soprattutto se si considera che deve ancora fare il passo importante per avviare un'attività commerciale. La società ha un servizio di beta-grandine, ma è disponibile solo per i dipendenti e Cruise non dirà quando sarà disponibile al pubblico più ampio. Inoltre, la società non dirà quando uscirà Origin, ma promette di condividere ulteriori informazioni sui suoi piani di produzione in futuro. (È già stato bruciato una volta quando ha mancato la scadenza del robo-taxi del 2019, quindi la compagnia vuole stare attenta a non succedere di nuovo.)

Ho molte altre domande – sulla suite di sensori, sul modello di business, sui test (se presenti) che Cruise ha condotto – ma sono informato che il nostro tempo è finito. L'evento è gestito da una forza lavoro sindacalizzata e ogni ulteriore tempo potrebbe costare a Cruise altri $ 12.000. Ringrazio Vogt per il suo tempo e scherzosamente chiedo se c'è un pulsante "annulla" nel veicolo.

"Penso che sia stato spinto", dice sorridendo. "Vai dritto attraverso il soffitto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *