Questi sono i monitor che contano davvero al CES 2020


Se esiste una categoria di prodotti che spesso vede ancora autentici progressi tecnologici al CES, sono gli schermi – e in questi giorni, in particolare i monitor per PC. Come qualcuno a cui piace guardare dei bei display, sono sempre giù a dare un'occhiata a quelli ancora più belli, e CES 2020 ci ha portato alcuni dei monitor più veloci, più luminosi, più grandi e più curvi di sempre.

La domanda, tuttavia, è quando sarò effettivamente spostato per acquistarne uno. Un paio di anni fa ho scritto di come lo shopping monitor ha risucchiato l'obiettivo della mia ricerca per trovarne uno che ha spuntato tutte le mie scatole. È più difficile di quanto pensi! E sono ancora abbastanza contento di quello che ho.

Questo è il motivo per cui ho trascorso un giorno al CES, rintracciando il maggior numero possibile di monitor "primi" che potevo, nel tentativo di misurare il valore di tutte le nuove funzionalità che potrebbero spingere un potenziale acquirente ad aprire una nuova schermata. Ecco la mia opinione su quanto ciascuno sia importante.

Il monitor ROG Swift 360Hz, a sinistra, arriverà "entro la fine dell'anno".
Foto di Sam Byford / The Verge

Schermi più veloci a 360Hz

Asus ha presentato il monitor G-Sync ROG Swift 360Hz al CES, impostando una nuova barra per frequenze di aggiornamento elevate. Ora sono un grande sostenitore della tecnologia VRR (frequenza di aggiornamento variabile) e l'ho reso una priorità quando ho acquistato il mio monitor a 165Hz anni fa. Teoricamente, la frequenza di aggiornamento più veloce consente ai giocatori di rispondere anche più velocemente di prima. Detto questo, i monitor a 240Hz sono già una cosa, e penso che tu abbia raggiunto rendimenti decrescenti piuttosto bruscamente a meno che non sei un professionista League of Legends giocatore.

Asus aveva il nuovo monitor a 360Hz installato accanto a un modello a 240Hz, che scorreva ad alta velocità sullo stesso campo di battaglia MOBA. E onestamente, non sapevo quale fosse fino a quando non ho notato il contatore della frequenza dei fotogrammi nell'angolo di ogni schermata. Dopo quello, mi sentivo come se potessi quasi dire la differenza, ma avrei potuto prendere in giro me stesso.

Metti questo nella colonna "bello che esista, ma quasi sicuramente non ti serve". Soprattutto se stai prendendo in considerazione i laptop, che ora hanno schermi opzionali a 300Hz, ma non hai ancora ottenuto una potente nuova ondata di GPU mobili per guidarli.

Acer ROG Swift PG32UQX da 32 pollici. Non nella foto: l'Acer Predator X32 che soddisfa le stesse specifiche.
Foto di Sam Byford / The Verge

Schermi HDR molto luminosi con retroilluminazione a LED Mini

Tra supporto software inaffidabile e display che non sono abbastanza all'altezza dell'attività, HDR su Windows è stato un po 'un casino per anni. Le certificazioni DisplayHDR di VESA avevano lo scopo di aiutare a risolvere le cose, ma ora ci sono molti monitor "certificati HDR" da 400 nit sul mercato che non producono livelli di luminosità come quelli che ci si aspetterebbe da un buon televisore HDR.

Quest'anno al CES, tuttavia, Asus e Acer hanno entrambi annunciato alcuni dei primissimi monitor con luminosità 1440 nit nitida e supporto per lo standard DisplayHDR 1400 insieme a retroilluminazione a LED Mini, che dovrebbero offrire un dimmeraggio locale più accurato in aggiunta a fornire quell'aumento di luminosità. E sì, dopo averli visti di persona, direi che si tratta di un PC HDR legittimo. Non è perfetto: ottieni ancora un certo bagliore tipico IPS su schermi scuri e il dimmeraggio Mini LED non competerà con OLED. Ma per la maggior parte dei giochi e dei film, questi display sembrano fantastici.

Se stavo acquistando un monitor da gioco oggi, probabilmente vorrei almeno mettermi a prova di futuro con il supporto HDR, e penso che ciò significherebbe probabilmente considerare essenziali le specifiche DisplayHDR elevate. Per quanto riguarda Mini LED, è difficile dire quanto rappresenta un balzo in avanti: l'efficacia delle soluzioni di regolazione del LED può variare da modello a modello o da pannello a pannello. Ma se non altro, dovrebbe segnalare che stai guardando un monitor con un serio supporto HDR.

Foto di Chris Welch / The Verge

Più curvo che mai con la curvatura 1000R

Sia Samsung che MSI hanno introdotto quelli che sembrano essere i primi monitor con curvature dello schermo di 1000R, che è una misura di cui non ho mai sentito parlare, ma presumibilmente replica l'occhio umano. Samsung è disponibile nelle dimensioni da 27, 32 e 32: 9 da 49 pollici, mentre MSI è un modello da 21: 9 da 34 pollici.

Non sono mai stato un tipo di monitor curvo. Sono stato un tipo di monitor 21: 9, anche se mai a dimensioni così gigantesche. Non credo davvero che la curvatura extra costituirà un grosso vantaggio per i monitor progettati per le normali scrivanie. Ma se ti piacciono i monitor curvi, probabilmente sai già se desideri che i tuoi curvano ancora di più.

Tuttavia, ho pensato che la curvatura fosse piuttosto nuova sul gigantesco Odyssey G9 5120 x 1440 da 49 pollici di Samsung, un monitor così ampio che beneficia davvero di 1000R, rispetto a 1800R per i monitor precedenti. Quando mi sono seduto di fronte, ho cercato di immaginare come sarebbe se si curvasse meno, e avrebbe semplicemente comportato spingendo i bordi dello schermo più lontano dai miei occhi. La combinazione di forma e dimensione ti fa sentire come se fossi seduto all'interno dello schermo: è davvero una bella esperienza.

Almeno, sarebbe stato se Samsung non avesse inspiegabilmente deciso di dimostrarlo Overwatch, un gioco che non supporta affatto rapporti di formato ultra-ampi. L'immagine 16: 9 è stata estesa su tutto il display e francamente sembrava terribile. Tuttavia, mi chiedo quali siano le ampie vedute di Red Dead Redemption 2 sembrerebbe.

Quello che dirò della curvatura 1000R è che su questo specifico monitor Samsung, non è un espediente se stai bene con la caduta di ciò che quasi sicuramente sarà una quantità di denaro empia e probabilmente rimetti a posto l'intero ufficio a casa allo stesso tempo. In altre parole, probabilmente non dovresti permetterti di volerlo.

L'Acer Predator X55, un televisore OLED trasformato in monitor.
Immagine: Acer

Taglia pura

Molte aziende di PC offrono ora monitor di gioco nelle dimensioni più comunemente associate ai televisori, dal pannello VA da 43 pollici di Asus al nuovo OLED da 55 pollici di Acer al display a LED da 65 pollici HP supportato da Nvidia dello scorso anno.

Ho pensato che fosse una bella idea quando Nvidia l'ha introdotta un paio di anni fa al CES: fonde le migliori caratteristiche di TV e monitor di gioco in pannelli giganti con interfacce semplici. Ovviamente sarebbero prodotti di nicchia, dal momento che la maggior parte delle persone non costruirà tane da gioco per PC su schermi da 65 pollici, ma sembrava una nicchia che valesse la pena servire.

Le cose sono un po 'diverse in questo CES, però, perché HDMI 2.1 è una delle grandi storie dello spettacolo. La nuova specifica introduce per la prima volta frequenze di aggiornamento variabili ad alta risoluzione sui televisori standard per soggiorno e funzionerà con console di gioco di nuova generazione e PC. A questo punto, è difficile immaginare chi non sarebbe meglio servirsi solo acquistando una TV OLED compatibile con HDMI 2.1 anziché un monitor per PC.


Un fantastico supporto per morsetti

Quando scrivo sulla tecnologia di nicchia, provo a non cancellare potenziali casi d'uso. Mi piace immaginare chi potrebbe desiderare una cosa particolare, anche se all'inizio mi sembra eccessivamente specifico. Dopotutto, non dovremmo incoraggiare il settore tecnologico a soddisfare solo gli utenti più importanti che si possano immaginare.

Questo è il motivo per cui qui includo il nuovo monitor UltraFine Ergo di LG, perché probabilmente io e te non ci serviremo, ma penso comunque che il design sia eccezionale. Si blocca sul retro della scrivania e quindi è possibile sollevare, abbassare, inclinare, ruotare o ruotare il pannello più o meno come desiderato. Un caso d'uso che LG suggerisce è di girare completamente il monitor per mostrare alla persona seduta di fronte a te al lavoro.

Lo comprerei? No, perché ci sono un sacco di cose che personalmente ho bisogno di un monitor per farlo, ma non è così. Ma scommetto che ci sono persone là fuori che mettono la massima flessibilità in cima alla loro lista e probabilmente saranno molto contenti di questo.

Questo è il problema dei monitor. Sono un mercato inevitabilmente disordinato con compromessi in tutte le direzioni. Non puoi davvero farne uno perfetto. Ma questo CES mi ha sicuramente indotto a pensare al mio prossimo aggiornamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *