Il presidente fondatore dell'ICANN si unisce alla battaglia per tenere lontano .org da mani private


A novembre, la Internet Society (ISOC), proprietaria del Public Interest Registry (PIR), il gruppo che mantiene il dominio di primo livello .org, ha annunciato che avrebbe venduto PIR a Ethos Capital, una società di private equity – una struttura proprietaria che sembrerebbe essere in contrasto con ciò che rappresenta .org. Oggi, un gruppo di leader di Internet e non profit ha formato una società cooperativa senza scopo di lucro che sta cercando di fermare la vendita e diventare invece i futuri amministratori del dominio .org (attraverso Il New York Times).

La nuova società cooperativa senza scopo di lucro, ufficialmente chiamata Cooperative Corporation dei registratori .ORG, è guidata da molte persone che attualmente hanno o hanno avuto influenza sul funzionamento interno di Internet, tra cui Esther Dyson, presidente fondatore di ICANN (il non -profit che sovrintende ai nomi di dominio su Internet), Katherine Maher, CEO della Wikimedia Foundation (la società madre di Wikipedia), e William Woodcock, direttore esecutivo di Packet Clearing House (un'organizzazione che aiuta a supportare l'infrastruttura di Internet e il dominio sistema di nomi).

I direttori del nuovo gruppo hanno parlato con forza contro l'accordo nelle interviste con Il New York Times. Woodcock, di Packet Clearing House, per esempio, ha affermato che l'accordo PIR-Ethos potrebbe minare un "bene comune". E stanno posizionando il gruppo come un migliore amministratore di .org, perché sarebbe un non profit. Dyson, ex presidente dell'ICANN, ha affermato che l'incentivo del nuovo gruppo sarebbe quello di "proteggere il non profit e il pubblico". E Maher, CEO di Wikimedia, ha dichiarato che la nuova cooperativa offrirà "un modello alternativo con un impegno a lungo termine a Internet aperto e non commerciale. "

Tuttavia, non è chiaro se l'ICANN possa effettivamente interrompere la vendita di PIR a Ethos. Sembra quell'autorità poteva ricadono su ICANN, anche se ICANN non è un'agenzia di regolamentazione. Il suo compito principale è quello di assegnare lo status ufficiale ai registrar di domini e assicurarsi che rispettino le politiche di proprietà del dominio. ICANN sta provando a saperne di più sulla transazione, però, e ha scritto una lettera il 9 dicembre a ISOC e PIR chiedendo maggiori informazioni.

Se, in base alle risposte fornite, ICANN pensa che Ethos non dovrebbe essere il gruppo che gestisce .org, non è chiaro cosa accadrà dopo, ma forse la nuova società cooperativa può convincere ICANN che è il migliore operatore .org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *