La Casa Bianca incoraggia l'approccio pratico alla regolamentazione dell'IA


Mentre gli esperti si preoccupano delle tecnologie dell'IA come la sorveglianza intrusiva e le armi autonome, il governo degli Stati Uniti sta proponendo un approccio pratico al regolamento dell'IA.

Oggi la Casa Bianca ha svelato 10 principi che le agenzie federali dovrebbero considerare quando escogitano leggi e regole per l'uso dell'intelligenza artificiale nel settore privato, ma ha sottolineato che una preoccupazione chiave stava limitando il "superamento" delle normative.

Qualsiasi regolamento elaborato dalle agenzie dovrebbe mirare a incoraggiare qualità come "equità, non discriminazione, apertura, trasparenza, sicurezza e protezione", afferma l'Office of Science and Technology Policy (OSTP). Ma l'introduzione di nuove regole dovrebbe anche essere preceduta da "valutazione del rischio e analisi costi-benefici" e deve includere "prove scientifiche e feedback da parte del pubblico americano".

L'OSTP ha esortato altre nazioni a seguire la sua guida, una prospettiva incerta in un momento in cui i principali organismi internazionali come l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), il G7 e l'UE stanno prendendo in considerazione una maggiore regolamentazione per l'IA.

"L'Europa e i nostri alleati dovrebbero evitare modelli per uccidere l'innovazione a mani pesanti e invece prendere in considerazione un approccio normativo simile", ha affermato l'OSTST. "Il modo migliore per contrastare gli usi autoritari dell'IA è assicurarsi che l'America e i nostri partner internazionali rimangano il fulcro globale dell'innovazione, modellando l'evoluzione della tecnologia in modo coerente con i nostri valori comuni".

Michael Kratsios, Chief Technology Officer degli Stati Uniti, annuncerà ufficialmente i principi al CES mercoledì. In una chiamata con i giornalisti ieri, un funzionario dell'amministrazione ha affermato che gli Stati Uniti stavano già regolando eccessivamente le tecnologie di intelligenza artificiale a "livello statale e locale".

Sede centrale di Huawei Germania

Gli esperti sono preoccupati per la diffusione della sorveglianza dell'IA che utilizza la tecnologia come il riconoscimento facciale.
Foto di Rolf Vennenbernd / picture alliance via Getty Images

"(W) quando particolari stati e località prendono decisioni come vietare il riconoscimento facciale su tutta la linea, finisci in situazioni difficili in cui i dipendenti pubblici potrebbero violare la legge quando provano a sbloccare il telefono emesso dal governo", ha detto un funzionario amministrativo, secondo un rapporto di VentureBeat.

L'annuncio di questi 10 principi segue un'agenda stabilita dalla Casa Bianca nel febbraio 2019 quando ha lanciato la "American AI Initiative". Ma in un momento in cui gli esperti avvertono degli effetti dannosi di sistemi AI non responsabili in settori governativi come l'edilizia abitativa e l'assistenza sanitaria e quando l'ascesa dei sistemi di riconoscimento facciale sembra erodere le libertà civili, molti possono mettere in dubbio la saggezza dell'approccio della Casa Bianca.

E mentre gli Stati Uniti seguono a liberismo atteggiamento interno, sta anche introducendo nuove restrizioni sulla scena internazionale. Questo lunedì è stato introdotto un nuovo divieto di esportazione, che proibisce alle società statunitensi di vendere software all'estero che utilizza l'IA per analizzare le immagini satellitari senza una licenza. Il divieto è ampiamente visto come il tentativo americano di contrastare l'ascesa di rivali tecnologici come la Cina, che sta rapidamente raggiungendo gli Stati Uniti nel suo sviluppo dell'IA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *