"Watchmen" abbraccia il vero potere delle storie di supereroi


La nuova serie HBO Watchmen è uno spettacolo di supereroi che affronta seri temi di razza e trauma. Autore di fantascienza Tobias S. Buckell fu colpito dal vedere lo spettacolo evidenziare la rivolta di razza Tulsa del 1921, in cui un prospero quartiere nero fu distrutto da una folla arrabbiata.

"Questa è la magia del genere, la magia della finzione", afferma Buckell nell'episodio 393 del Guida alla galassia di Geek podcast. "Possiamo prendere qualcosa del genere, e in qualche modo smontarlo e rimetterlo insieme in qualcosa di nuovo e inaspettato che lo fa superare più barriere di quanto altrimenti potrebbe avere."

La razza non era al centro dell'originale Watchmen graphic novel, ma critico televisivo Anthony Ha ritiene che la nuova serie sia saldamente radicata nello spirito del fumetto originale.

“Ciò che molte persone hanno preso (il romanzo grafico) è questa idea di grinta e realismo, ma ciò che amo dello show è che è molto meno interessato a questo e molto più interessato a cercare di raggiungere lo stesso livello di audacia intellettuale, audacia formale ed è per molti versi anche più politicamente audace ", afferma. “Penso che sia la lezione assolutamente giusta da togliere dal Watchmen romanzo grafico."

Autore di fantasia Lara Elena Donnelly osserva che il Watchmen il finale è un po 'deludente dopo quello che è accaduto prima, ma che quando lo spettacolo inizia a farsi strada è semplicemente mozzafiato. "La vera televisione stupefacente era proprio lì nel mezzo", dice. "Sei tipo," Mio Dio, non posso credere che sia stato trasmesso in televisione. "Questo è lo spettacolo più selvaggio, unico, incredibile. Non ho mai visto nulla di simile in TV. "

Guida alla galassia di Geek ospite David Barr Kirtley era nervoso per lo spettacolo a causa dello showrunner Damon LindelofIl precedente track record su Perso, ma lo dice Watchmen decisamente superato le sue aspettative.

"Ho perdonato ufficialmente Damon Lindelof per la fine di Perso," lui dice. "Quindi sarà sollevato nel sentirlo."

Ascolta l'intervista completa con Tobias S. Buckell, Anthony Ha e Lara Elena Donnelly nell'episodio 393 di Guida alla galassia di Geek (sopra). E dai un'occhiata ad alcuni punti salienti della discussione qui sotto.

Tobias S. Buckell su scrittori di colore:

“Mi è davvero piaciuto leggere alcuni articoli su quanti scrittori di colore e attori di colore Damon Lindelof stava tirando nella sua orbita per aiutarlo a non calpestare nessuna miniera di terra, in termini di fare cose che gli sarebbero sembrate originali e audaci, ma che potrebbero non necessariamente essere così. E così quel tipo di mi ha dato un livello di fiducia ed eccitazione nel saltare in questo. … C'è stata un'intervista in particolare in cui Regina King veniva intervistato e parlato dell'influenza che lei e altri attori del colore avevano, in termini di dire sostanzialmente a Damon cosa poteva fare e cosa non poteva fare, e quel tipo di lasciarmi rilassare ed emozionarmi nel vederlo ”.

Anthony Ha su Watchmen finale:

"La struttura del finale è che Lady Trieu è essenzialmente il" grande cattivo ", che ho trovato molto insoddisfacente. … L'unica ragione per cui ci viene data, come affermato nello spettacolo stesso, proviene da Ozymandius – che è certamente non la fonte più affidabile – ma sostanzialmente dice: "Nessuno che vuole il potere dovrebbe avere fiducia nel potere". Ho appena scoperto che una spiegazione davvero insoddisfacente del perché dovremmo improvvisamente radicarci contro questo personaggio che fino a quel momento era stato davvero complesso, interessante e avvincente. Metterla nel ruolo del cattivo solo per poter avere questo finale spettacolare è stata una specie di delusione. ”

David Barr Kirtley in viaggio nel tempo:

"Con il Dr. Manhattan hai viaggi nel tempo o non sei bloccato nel tempo, e c'è qualcosa di così potente per me in molti programmi TV recenti che hanno affrontato viaggi nel tempo e personaggi non bloccati nel tempo. In questi episodi, le cose del viaggio nel tempo mi hanno fatto piangere. C'è stato un episodio incredibilmente potente di The Haunting of Hill House dove si tratta di rimanere bloccati nel tempo, e ce n'era un altro dentro Castle Rock che mi ha fatto piangere. E voglio solo attirare un po 'di attenzione su questo. C'è solo qualcosa nei diversi periodi della vita di qualcuno che si scontrano e si confondono insieme, il che è così risonante con me ".

Lara Elena Donnelly su Watchmen e corsa:

“Il mio amico Andrew ha un saggio sul suo blog sugli uomini neri nei film horror. Lo scherzo è che gli uomini neri nei film horror muoiono sempre per primi, ma dice che non muoiono davvero per primi, ma muoiono nella parte del film in cui i nostri eroi stanno portando via tutti i loro strumenti e vantaggi. … Gli ultimi due episodi di Watchmen mi ha fatto pensare a quel saggio, perché il Dr. Manhattan mantiene il corpo di Cal, ed è chiaramente un uomo di colore, e viene trattato come merce da tutte queste persone che vogliono solo il potere che può offrire loro. E le uniche persone che ancora lo considerano umano sono Laurie e Angela, queste due donne che lo hanno amato. Quindi per me lo spettacolo non ha smesso di parlare di razza, ha appena iniziato a parlarne su un altro mezzo ".


Altre fantastiche storie CABLATE

Torna all'inizio. Salta a: inizio dell'articolo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *