Gli anni 2010 hanno ucciso il culto del fondatore tecnologico. Grande!


Quando Larry Page e Sergey Brin hanno annunciato che all'inizio di questo mese avrebbero rinunciato alle loro funzioni quotidiane presso Alphabet, lasciando il pesante sollevamento al CEO di Google Sundar Pichai, un'era si è conclusa in più di un modo. Per quanto le notizie abbiano fatto la storia del colosso della ricerca di Mountain View, è stata anche la conclusione giusta di un culto della fondazione che ha raggiunto il picco e si è schiantato negli ultimi 10 anni.

All'inizio di questo decennio, "i Google Guys" erano ancora i portatori di bandiera di quel culto. Dal momento in cui hanno fondato la loro azienda alla fine degli anni '90, hanno disegnato con gioia le scatole che i successivi esperti-fondatori avrebbero successivamente verificato: perseguendo idee che la saggezza convenzionale riteneva folli, respingendo le pratiche commerciali tradizionali e mantenendo il controllo della propria azienda anche dopo essere diventati pubblici, aggirando il controllo concedendosi potenti azioni di voto.

La filosofia di base era che i fondatori sapevano meglio degli azionisti ciò che è buono, non solo per l'azienda ma per il mondo. Se hai dato loro un potere illimitato, potrebbero anche evitare alcuni profitti per il bene sociale! O, almeno, avrebbero rimandato i dollari rapidi per un approccio a lungo termine che solo i visionari apprezzerebbero. Quando Page ha affermato che lo era Google "Non una società convenzionale" stava parlando per tutti i fondatori, molti dei quali avrebbero successivamente adottato quella convenzione.

Ma il decennio che abbiamo appena sopportato ha infranto i loro aloni. Il 2010 potrebbe essere iniziato con Mark Zuckerberg in posa per Tempo della rivista Persona dell'anno, un modello per innumerevoli imprenditori aspiranti. Ma si è concluso con lui che cercava di sembrare stoico mentre assorbiva sei ore di altalene pierate verbali infuriate dai legislatori.

Il Congresso, insieme al resto di noi, è chiaramente disincantato dalle affermazioni secondo cui i fondatori sono i motori della creazione di ricchezza e cambiano gli agenti per la bontà globale. Mentre i loro obiettivi dichiarati potrebbero essere stati alti, le conseguenze dei sogni dei fondatori sono state lavori di economia dei concerti a basso reddito, campagne di disinformazione e il furto della nostra attenzione. Anche Google / Alphabet, leggendario per i suoi lavoratori felici, sta vivendo disordini dei dipendenti e respingimenti normativi su questioni di privacy e antitrust.

Decennio in revisione

WIRED ripercorre le promesse e i fallimenti degli ultimi 10 anni

Almeno i ragazzi di Zuckerberg e Alphabet gestiscono società redditizie con valutazioni elevate. Alcuni degli altri fondatori che hanno vinto la gloria in questo decennio sono ora conosciuti per pratiche discutibili mentre accumulano deficit. Ricordi Elizabeth Holmes, chi sarebbe stato il prossimo Steve Jobs? Nevica i suoi pubblici ministeri che sono in cerca di sangue e non si accontentano di una goccia. Travis Kalanick, una volta celebrato come il faticoso fratello che stava per rivoluzionare i trasporti, creò una cultura così pubblicamente tossica a Uber che la sua tavola lo gettò da parte. Ma anche i misfatti di Kalanick non sono paragonabili alle buffonate alla Barnum di Adam Neumann di WeWork, il cui piano aziendale si è sbriciolato sotto il controllo della sua IPO interrotta. E dal momento che aveva abbracciato la tattica di caricare il potere di voto nelle azioni che possedeva, l'unico modo per liberare la compagnia del suo fondatore megalomanico era pagarlo.

L'aureola del fondatore subirà un altro maltrattamento quando generosamente opzionato le versioni di quei racconti compaiono su schermate iniziali e dentro il cinema. Queste produzioni faranno lo spettacolo satirico della HBO Silicon Valley sembrare un ufficio turistico per la sua posizione omonima.

In breve, ne abbiamo avuto abbastanza. Una volta avrebbe potuto essere affascinante il fatto che Jack Dorsey si presentasse per il suo riflettore al Congresso senza cravatta e con la barba hipster, leggendo la sua testimonianza da un iPhone. Ma quello che vogliamo sapere è perché Twitter è così tossico? Molti dei fondatori che hanno portato i loro unicorni sul mercato e sono rimasti in carica hanno difficoltà a spiegare perché i loro prezzi delle azioni sono precipitati da quelle alte valutazioni nel regno privato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *