I 10 migliori spettacoli di streaming su Netflix


Hai una serata da uccidere e un abbonamento Netflix: non perdere tempo a navigare. Queste dieci scelte non inizieranno nemmeno a coprire tutte le fantastiche cose su Netflix, ma è un buon inizio. Ecco cosa dovresti assolutamente guardare.

Abbiamo raccolto i nostri giochi, app e intrattenimento preferiti e più utilizzati. Dai un'occhiata alla nostra selezione di app per iPhone, telefoni Android, PC, Mac e TV; i nostri giochi per cellulare preferiti da Apple Arcade e Google Play Pass; e le nostre migliori scelte per PS4, Xbox One e Nintendo Switch. Abbiamo anche elencato i nostri programmi di streaming preferiti su Disney +, Hulu e Netflix, alcuni fantastici libri di fantascienza e nuovi eccitanti podcast. (Nota: i prezzi erano precisi al momento della pubblicazione, ma potrebbero cambiare.)

Storia del matrimonio

Storia del matrimonio

Immagine: Netflix

Uno dei grandi concorrenti di Netflix agli Oscar quest'anno, Storia del matrimonio è lo sguardo cupo e divertente di Noah Baumbach al divorzio tra due creativi ragionevolmente benestanti. È una storia di rottura che si svolge come una commedia romantica – spiritosa e acuta ma anche cruda e onesta, che si fa strada attraverso un processo che mette in evidenza il peggio di tutti.


VOI

Tu su Netflix

Foto: Netflix

Originariamente una serie Lifetime prima di saltare su Netflix per la sua seconda stagione, voi è un thriller su Joe Goldberg, un libraio con un'arguzia acuta e una propensione per le donne stalking. Mentre è principalmente un thriller, ciò che rende voi buono è il modo in cui funziona anche come una satira appassita di tropi romantici. voi è una polpa intelligente, che utilizza la copertura della tariffa di genere trash per fornire una forte critica del diritto maschile e il modo in cui la nostra cultura copre per essa.


L'irlandese

L'irlandese

Foto: Netflix

Sì, è lungo. Sì, potresti non essere in grado di comprimere tutto in una sola seduta. Ma L'irlandese è legittimamente fantastico – non il film più soddisfacente di Martin Scorsese, ma sicuramente tra i suoi più contemplativi. Nel raccontare la storia di Frank Sheeran, un camionista che si fa strada in una carriera come muscolo per la folla, L'irlandese racconta una tentacolare storia semi-storica sulla politica, il lavoro e il crimine – e raddoppia forse come l'esame più sobrio della mascolinità esemplificata dalle storie del crimine di Scorsese.


The Haunting of Hill House

The Haunting of Hill House

Foto di Steve Dietl / Netflix

Un ottimo spettacolo horror e forse anche il miglior dramma originale di Netflix, The Haunting of Hill House è sia uno spettacolo spaventoso che una storia fantastica sulla famiglia. La famiglia Crain, in particolare: tutti letteralmente perseguitati dal trauma non detto della notte hanno perso la madre e hanno dovuto lasciare lo strano maniero che il padre sperava di rinnovare e vendere. Un adattamento del romanzo omonimo di Shirley Jackson, lo spettacolo diventerà un'antologia quando tornerà nel 2020 come The Haunting of Bly Manor, questa volta adattando Henry James " Il giro di vite.


American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace

American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace

Foto: Pari Dukovic / FX

Versace non è stato un grande successo come The People v O.J. Simpson (anche bene, anche su Netflix). Mentre il suo omonimo crimine ha anche scioccato le notizie nazionali, l'omicidio di Versace da parte di Andrew Cunanan è in realtà la fine di una storia più lunga, che ha attraversato il paese e lasciato morti molti altri omosessuali. A partire da Versace e facendosi strada tra le vittime di Cunanan al contrario, L'assassinio di Gianni Versace è la televisione magnetica che contrasta silenziosamente il facile eccesso degli anni '90 con la sua cultura gay ancora sequestrata. Nel seguire Cunanan, è lo studio del personaggio di un assassino che rifiuta di cedere alla voluttà. Invece, usa le sue vittime come una finestra sui modi in cui l'omofobia si manifesta e ci rende ciechi alla sua violenza.


The Get Down

La promozione Get Down continua

Myles Aronowitz / Netflix

Il Netflix che ha dato il via libera The Get Down probabilmente non esiste più. Un'opera di eccedenza costosa e strana che bruciava brillantemente e svaniva con nessun sussurro, è ancora uno degli spettacoli più singolari sul servizio di streaming. Diretto da Baz Luhrmann, The Get Down è una favola del Bronx sulla nascita dell'hip-hop e l'apice della discoteca; una storia di giovani poeti di strada che cercano di cavarsela mentre il borgo brucia intorno a loro e il mondo lentamente cospira per soffocare i loro sogni.


GLOW

Foto: Erica Parise / Netflix

C'è qualcosa da dire su uno spettacolo che ama davvero tutti i suoi personaggi. Basato sulla vita reale di Gorgeous Ladies of Wrestling, un promo fly-by-night dei lottatori di sole donne, GLOW segue Ruth Wilson, un'attrice in difficoltà trasformata in wrestler, e il successo a sorpresa e la soddisfazione che trova nel wrestling. Lungo la strada, lo spettacolo prende una pagina da L'arancione è il nuovo nero, immergendosi nelle vite dei suoi compagni di ring per raccontare brevi storie avvincenti sulle donne di ogni ceto sociale e sui modi in cui sono ostacolate dagli uomini responsabili, non importa quanto successo possano trovare da soli.


Un giorno alla volta

Un giorno alla volta

Foto: Netflix

La messa in scena della sitcom della vecchia scuola incontra la commedia d'attualità della nuova scuola in questo riavvio della sitcom degli anni '70. Un giorno alla volta trascina gli spettatori in un giorno della vita di Penelope Alvarez, una donna cubano-americana che vive con i suoi due figli e una madre teatrale (interpretata dalla grande Rita Moreno). La sua classica configurazione multi-camera e la risata le danno un'atmosfera di ritorno al passato che ben si abbina alla serietà con cui lo spettacolo fa tutto. A volte di cattivo gusto, a volte straziante, a volte molto divertente, Un giorno alla volta è sempre una gioia.


Quando ci vedono

Quando ci vedono

Foto: Netflix

Nell'aprile del 1989, l'assalto sessuale di un pareggiatore a Central Park divenne un punto critico per la corsa e la polizia a New York City, mentre cinque giovani uomini furono arrestati e spinti a confessare il crimine da un dipartimento di polizia che cercava di chiudere i casi e desideroso di appoggiarsi ai pregiudizi razziali per farlo. La drammatica drammatizzazione di Ava DuVernay della storia di Exonerated Five è stata una televisione difficile e spiacevole, che ha comunque contribuito a spostare una conversazione nazionale, non solo sulle ingiustizie subite dalle sue figure centrali, ma sulle miriadi di modi in cui i diseredati sono predati oggi.


Meglio chiamare Saul

Better Call Saul immagine promozionale (AMC)

Foto: Netflix

Netflix era dove Breaking Bad è diventato un binge-watching, quindi è una vergogna per cui lo stesso non sembra accadere Meglio chiamare Saul. Ciò che è iniziato come un'idea apparentemente ridicola – un prequel su Saul Goodman, Breaking BadL’avvocato huckster – si è evoluto probabilmente in uno spettacolo superiore. Quando incontriamo Goodman, è solo Jimmy McGill, nessuna sua pratica, nessun Rolodex di complici criminali da chiamare. È solo un coglione con un fratello malato, una passione per i contro facili e un cuore sorprendentemente grande, uno che sappiamo che alla fine verrà distrutto per sempre.

Vox Media ha partnership affiliate. Questi non influenzano il contenuto editoriale, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra politica etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *