Come il Dodo è diventato l'angolo più caldo e sfocato del Web


La rana è un gallo. Ogni giorno della settimana, accelera il vialetto polveroso della sua famiglia, dondolando avanti e indietro come se fosse un peloso giocattolo a carica. Pochi secondi dopo, uno scuolabus giallo si ferma di fronte a lui, proprio come Frog sapeva che avrebbe fatto. Negli ultimi due anni, Frog non ha mai perso l'occasione di salutare Savannah, la figlia adolescente della famiglia, alla sua fermata dell'autobus. "Potrebbe essere in casa e inizierà a cantare proprio nel momento in cui l'autobus arriverà", dice la madre di Savannah, Holley Burns. Quando Savannah scende dall'autobus, trasporta Rana a casa – incastonata tra le braccia, sistemata sulla spalla, appollaiata sulla cima della sua testa. "Lo amo più di mio fratello", dice Savannah. Non ci credi? Chiedi a milioni di altre persone che hanno visto La storia di Frog su Youtube.

Probabilmente Rana sarebbe rimasta una leggenda locale, un po 'colorata di tradizione sui percorsi degli autobus, se non fosse stato per il Dodo, una startup multimediale incentrata sugli animali che i Webby Awards hanno incoronato il marchio di animali n. 1 su tutti i social media questo anno. Dire che i loro video su Youtube e Facebook diventano spesso virali è un eufemismo selvaggio e peloso.

Decennio in revisione

WIRED ripercorre le promesse e i fallimenti degli ultimi 10 anni

Il Dodo raccoglie circa 2,3 miliardi di visualizzazioni ciascuno mese con video commoventi su animali domestici straordinari (come questo super affettuoso pitone), improbabili amicizie interspecie (come questo mini cavallo di cui migliore amico è un'oca) e gli animali che hanno bisogno di essere adottati dall'umano giusto (come questo malato, burattino senza peli che è diventato un doggo floofy). Hanno un canale YouTube separato per i bambini (Dora l'esploratrice è uno sponsor), a Facebook Watch spettacolo sugli animali che superano le avversità, uno spettacolo di Animal Planet chiamato Dodo Heroes, una serie IGTV per ragazzi sugli influencer e i loro animali domestici, una prossima uscita serie senza sceneggiatura per Netflix Kids di un attivista koala di 11 anni e di un bambino appena inchiostrato affare del libro con Scholastic. Per una società che prende il nome da un uccello che è notoriamente estinto, il Dodo è ovunque.

Non è venuto esattamente dal nulla. Il fondatore di Dodo, Izzie Lerer, è la figlia di Ken Lerer, noto dirigente dei media e cofondatore di The Huffington Post. Suo fratello, Ben, è stato cofondatore di Thrillist e ora gestisce Group Nine Media, che nel 2016 è diventato la casa madre di Dodo. Quando Lerer stava schiudendo l'idea di cosa sarebbe diventato il Dodo, era una studentessa di dottorato alla Columbia University, studiando filosofia con un'enfasi sull'etica animale e le relazioni uomo-animale. Ha lanciato il sito Web nel gennaio 2014 (mesi prima che si dovesse laurearsi) con la speranza di combinare intrattenimento e difesa degli animali. Dodo ha scoperto il successo come blog, diventando virale per la prima volta con un articolo su un Orca selvatica di 103 anni balena che ha mentito alle affermazioni di SeaWorld secondo cui le loro balene, che spesso muoiono tra i 20, vivevano in età avanzata. Quindi, nel 2015, il Dodo ha fatto la sua mossa più intelligente fino ad oggi. Notando la tendenza lontano dal blog e verso l'intrattenimento mobile e visivo, si è spostato sul video.

Nei cinque anni successivi, il Dodo ha costruito l'impero dei video sui social media che comanda oggi. Ad un livello, sembra facile. Non è un segreto che Internet ama gli animali; questo è ovvio da quando i gatti hanno iniziato a chiedersi se non potevano cheezburger. In verità, però, la folle brama di contenuti di creature ha portato alla più grande iniziale del Dodo sfida. "Ci siamo resi conto che gran parte di ciò che era là fuori era o pura lanugine o davvero pesante e che induceva sensi di colpa", dice il presidente Dodo YuJung Kim. "Abbiamo visto un grande spazio bianco per qualcosa di divertente e sostanziale." (Lerer, che ora è caporedattore per il Dodo, non era disponibile per un'intervista).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.