Il proprietario di TikTok, ByteDance, nega che sta esplorando la partecipazione alla vendita in un'app popolare


ByteDance non sta attualmente esplorando la vendita della sua partecipazione in TikTok, nonostante un rapporto di Bloomberg affermando che le conversazioni preliminari si sono svolte man mano che cresce il controllo da parte dei funzionari statunitensi.

Il capo di TikTok, Alex Zhu, ha inviato una nota interna al personale che si occupava del rapporto ottenuto da Reuters. Zhu ha detto ai dipendenti che "di tanto in tanto potresti leggere storie sui media che non sono vere" e ha chiamato BloombergIl rapporto non è preciso. Zhu ha aggiunto che i dirigenti non hanno ospitato "discussioni con potenziali acquirenti di TikTok, né abbiamo alcuna intenzione di farlo". Un rappresentante di TikTok ha anche detto Bloomberg quello "Queste voci sono completamente senza merito."

BloombergIl rapporto arriva mentre TikTok continua a prestare attenzione ai funzionari statunitensi, con alcuni i senatori che avvertono l'app potrebbero essere una minaccia per la sicurezza. I consulenti dei dirigenti di ByteDance hanno raccomandato "tutto, da una difesa legale aggressiva e separazione operativa per TikTok alla vendita di una quota di maggioranza", secondo Bloomberg. La società potrebbe sostenere che non presenta alcuna minaccia alla sicurezza quando richiesto da funzionari statunitensi. ByteDance vuole mantenere il pieno controllo di TikTok, Bloomberg ha anche riferito, soprattutto perché l'app continua a crescere in popolarità.

Il Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS) è esaminando l'acquisto di $ 1 miliardo di ByteDance Musicalmente nel 2017. Un'indagine potrebbe determinare se ByteDance debba cedere gli asset Musical.ly, il che ha contribuito a costruire la piattaforma TikTok. CFIUS ha iniziato a porre domande e può raccomandare le misure che TikTok può adottare per "evitare di cedere i beni Musical.ly acquisiti", secondo Reuters. L'inchiesta arriva man mano che crescono le tensioni tra Stati Uniti e Cina.

"Sono profondamente preoccupato che qualsiasi piattaforma o applicazione che abbia proprietà cinese o collegamenti diretti con la Cina, come TikTok, possa essere utilizzata come strumento dal Partito Comunista Cinese per estendere la sua censura autoritaria delle informazioni al di fuori dei confini della Cina e accumulare dati su milioni di utenti ignari ", ha affermato il senatore Marco Rubio.

ByteDance ha tentato di rispondere alle preoccupazioni attraverso un paio di iniziative. La società ha cercato di lavorare con più gruppi americani, incluso assumendo uno studio legale americano indipendente in ottobre per rivedere le pratiche di moderazione dei contenuti di TikTok. Un'altra ditta americana lo era assunto per rivedere le pratiche di sicurezza dell'azienda. La ditta ha scoperto che TikTok non avrebbe potuto trasmettere i dati degli utenti dalla Cina nel periodo in cui ha indagato.

Nonostante gli sforzi dell'azienda per cercare di lavorare con aziende americane, il problema più urgente è se ByteDance – un'azienda del valore di $ 78 miliardi – può cambiare la percezione delle persone di utilizzare un'app di proprietà cinese. Come The VergeCasey Newton ha scritto a novembre:

Man mano che la pressione aumenta su TikTok, la società potrebbe scoprire di avere poche leve di supporto su cui attingere. Mettere i suoi dirigenti fuori dai confini amichevoli di un comunicato stampa sarebbe un inizio. Ma fintanto che il governo cinese si profila dietro le pratiche commerciali dell'azienda, TikTok affronta un divario di credibilità – e non è chiaro cosa, se non altro, possa colmarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *