Recensione HP Elite Dragonfly: i portatili aziendali di prova non devono essere insipidi


Anche i droni degli uffici aziendali hanno bisogno di bei computer. Per troppo tempo, hanno dovuto sopportare macchine utilitarie senz'anima che, sebbene molto funzionali, non hanno ispirato esattamente gioia o creatività. L'ultimo EliteBook di HP, la sua linea di laptop aziendali di fascia alta che hanno maggiori probabilità di finire sulla scrivania di un amministratore delegato rispetto a quelli di un rango e di un lavoratore di file, contrasta tale tendenza. Dragonfly è una decappottabile 2 in 1 che è tanto bella da vedere quanto da usare. In effetti, direi che è la macchina esteticamente più piacevole di tutta la gamma, business o consumer di HP.

La libellula non riguarda solo l'aspetto, tuttavia. Ha le capacità e le caratteristiche che i clienti aziendali bramano, come una tastiera eccellente, una lunga durata e un telaio leggero e rigido che è facile da portare in viaggio (o, più precisamente, la sezione business class di un 737 o A320 ).

Dal momento che fa parte della linea di business di HP, non troverai la Dragonfly sugli scaffali di Best Buy e potresti dover saltare alcuni cerchi per ordinarne uno senza un account aziendale. Se sei in grado di acquistarlo, è disponibile in una serie vertiginosa di configurazioni, ma la linea di mezzo tra loro è che non sono economici. I prezzi partono da $ 1,629 per una configurazione di base; il modello che ho testato per questa recensione ammonta a $ 2.169.

Sono un sacco di soldi per un computer sottile e leggero che non indossa un logo Apple, ma per quei soldi, ottieni un laptop estremamente competente che è bello da vedere, una garanzia di tre anni e nessuno del software merda e cruft che si trovano sui laptop consumer HP.

La cosa più sorprendente della libellula è il suo colore. A differenza del mare di ThinkPad neri o MacBook grigi che ora dominano gli uffici, Dragonfly ha un bel colore blu scuro con una finitura opaca. HP ha ricoperto la superficie con un rivestimento oleorepellente, che aiuta a respingere le impronte digitali e il grasso molto meglio delle finiture opache su altri computer che ho testato. (Guardandoti, Razer.) Dragonfly è elegante e dall'aspetto moderno in modi che la maggior parte dei laptop consumer non può eguagliare, tanto meno altre macchine aziendali.

L'altra cosa sorprendente della Dragonfly è la sua leggerezza. Inizia da 2,2 libbre, o solo circa 1 chilogrammo, con una batteria a 2 celle, ma puoi optare per una batteria a 4 celle che aumenta il peso fino a 2,5 libbre. La mia unità di recensione ha la batteria più grande e sicuramente farei il compromesso per la sua resistenza più lunga, soprattutto perché 2,5 chili è ancora molto leggero e portatile. HP afferma che ogni parte della macchina è stata progettata pensando alla leggerezza; anche la tastiera e il trackpad sono rispettivamente il 26 percento e il 36 percento più leggeri di quelli dell'EliteBook x360 1030 G3 che la Dragonfly sostituisce.

Tale leggerezza è dovuta all'uso di magnesio da parte di HP in tutto il telaio della Dragonfly. Per una migliore durata, HP ha utilizzato magnesio più spesso sul coperchio, sul piano della tastiera e sul fondo della macchina, il che le consente di resistere ai test di caduta delle specifiche tecniche senza rompersi. Non ho lasciato cadere la mia unità di recensione, ma posso dire che non vi è alcuna flessione dello chassis percettibile su questo computer. Sembra incredibilmente solido, soprattutto per quanto è leggero.




La libellula misura 16 mm di spessore, ben meno di un pollice, ma offre più opzioni di porta di quelle che si trovano in genere su un convertibile sottile e leggero. Ha due porte USB-C Thunderbolt 3, una porta HDMI full-size e un jack audio da 3,5 mm sul lato destro. A sinistra, c'è una porta USB-A, il pulsante di accensione, una porta di blocco Kensington e uno slot per una scheda SIM da utilizzare con il modem LTE opzionale. Tutte queste porte indicano che la maggior parte delle persone non dovrà portare con sé dongle o adattatori per collegare accessori o display. Vorrei che HP avesse messo il pulsante di accensione all'interno del computer, tuttavia, poiché l'ho premuto per errore più di una volta quando si spostava o sollevava il computer, facendo sì che la macchina andasse a dormire proprio mentre si faceva qualcosa.

Il display di Dragonfly è un touchscreen da 13,3 pollici che può essere configurato in tre modi diversi: un display 1080p da 1 W a basso consumo progettato per una lunga durata della batteria; un display SureView a 1080p che ha lo schermo per la privacy integrato di HP e arriva a 1000 nits di luminosità; o un pannello 4K con la massima risoluzione. HP afferma che lo schermo SureView ha una durata della batteria di circa il 22 percento in meno rispetto al pannello da 1 W.

La mia unità di recensione ha lo schermo a basso consumo ed è per lo più soddisfacente. Raggiunge all'incirca 400 nit di luminosità al massimo, che è più che sufficiente per un ambiente d'ufficio, ed è molto nitido a queste dimensioni. Tuttavia, HP potrebbe fare un lavoro migliore sintonizzando la curva sui livelli di luminosità. Con una luminosità del 50 percento, è praticamente troppo debole per essere utilizzata. Il più delle volte, ho dovuto usare il computer al 70 percento per vedere comodamente lo schermo.

La mia più grande lamentela è che ha un formato 16: 9, che non è così piacevole da usare per lavorare nei documenti o navigare sul web come uno schermo 3: 2 più alto o anche un display 16:10. L'XPS 13 2 in 1 di Dell batte lo schermo della Dragonfly con un rapporto d'aspetto e una luminosità migliori.


La tastiera e il trackpad della Dragonfly sono entrambi eccellenti.

La tastiera della libellula, d'altra parte, è una gioia completa da usare. È retroilluminato, ben distanziato, ha viaggi sufficienti ed è molto silenzioso, quindi puoi scrivere tutta la notte su quel volo occhi rossi senza disturbare il tuo vicino. HP ha persino una funzione di cancellazione del rumore basata su software durante una videochiamata utilizzando Google Hangouts o Zoom (presto disponibile per Skype e Microsoft Teams) in modo da poter prendere appunti durante una riunione e gli altri partecipanti non lo saranno distratto dalla tua incessante digitazione. Nei miei test con Zoom, gli altri partecipanti hanno detto che c'era ancora del suono quando usavo la tastiera, ma non era riconoscibile come digitazione.

Allo stesso modo, il trackpad in vetro della Dragonfly è eccellente. È abbastanza grande, liscio senza essere troppo liscio e solido, ma non rumoroso, quando viene cliccato. Utilizza i driver di precisione di Microsoft, quindi ha un tracciamento eccellente per lo scorrimento con due dita e altri gesti con più dita nonché un eccellente rifiuto del palmo. Tra l'eccellente tastiera e l'ottimo trackpad, HP ha inchiodato i dispositivi di input su Dragonfly.

HP ha dotato Dragonfly di un sistema a quattro altoparlanti che è forte e chiaro sia per le chiamate in conferenza che per i media. Non è impressionante come il sistema di altoparlanti MacBook Pro da 16 pollici, ma non ho davvero nessuna lamentela al riguardo. I microfoni di Dragonfly funzionano bene anche per le videochiamate, che è probabilmente il modo in cui verranno utilizzati più spesso.


Nessun nastro necessario: la Dragonfly ha una copertura webcam integrata.

Infine, Dragonfly viene fornito con una webcam compatibile con Windows Hello e un sensore di impronte digitali, quindi puoi scegliere quale metodo di accesso biometrico preferisci. (Entrambi hanno funzionato esattamente come dovrebbero nei miei test.) La webcam ha anche un otturatore per la privacy integrato, quindi non è necessario attaccare un brutto pezzo di nastro su di esso per bloccarlo.

All'interno, Dragonfly ha un processore Intel Core di ottava generazione, fino a 16 GB di RAM e fino a 2 TB di memoria interna. La mia unità di recensione è dotata di un chip Core i7-8665U, 16 GB di RAM e 512 GB di spazio di archiviazione, che ha contribuito al suo prezzo di $ 2.169. (Le altre opzioni che hanno aumentato il prezzo sono state la batteria a 4 celle, il modem Intel LTE, la penna attiva ricaricabile HP e la custodia in pelle HP.) Sebbene la Dragonfly non abbia gli ultimi chip Intel di decima generazione (HP afferma di aver scelto il Ottava generazione poiché i nuovi chip non supportano le funzionalità Intel vPro per le distribuzioni commerciali), nei miei test non ho riscontrato problemi di prestazioni. Ha gestito facilmente il mio carico di lavoro di molte schede Chrome, documenti Word, Slack, e-mail e social media. Il più grande aggiornamento nei chip di decima generazione è la grafica meglio integrata, che probabilmente non sarà apprezzata dall'impiegato medio che vive principalmente nella suite Office di Microsoft.

Dragonfly non è un computer senza fan; i fan si accenderanno di volta in volta a seconda del carico di lavoro. Ma non girano così spesso, e quando lo fanno, non sono fastidiosamente rumorosi.

La durata della batteria con display a basso consumo e cella più grande non è esattamente strabiliante (nonostante le ridicole affermazioni di HP fino a "24,5 ore"), che dura circa sette ore tra le cariche con il mio uso tipico. Questo è nella media per i moderni computer sottili e leggeri da 13 pollici nella mia esperienza, anche se è solo una giornata piena di lavoro.

Come ci si aspetterebbe con un laptop aziendale, Dragonfly viene fornito con Windows 10 Pro, anziché Home. Ha anche una manciata di utility HP preinstallate, ma non ha il fastidioso nagware (come McAfee) che si ottiene sui laptop consumer dell'azienda. Ci sono stati alcuni fastidiosi bug del software ai miei tempi con il laptop: il modem LTE scomparirebbe casualmente dalle opzioni di rete e i controlli di luminosità sarebbero rimasti bloccati al 100 percento. Entrambi i problemi vengono risolti con un riavvio, ma sono comunque fastidiosi e non qualcosa che dovresti avere a che fare con un laptop da $ 2.000.


La leggerezza della Dragonfly lo rende facile da trasportare ovunque.

Dragonfly dimostra che le macchine aziendali non devono essere noiose e senz'anima. In effetti, possono essere più desiderabili delle loro controparti focalizzate sul consumatore. Ha anche un bel nome, a differenza del miscuglio di lettere e numeri che la maggior parte dei laptop è dotata. Il problema più grande con la libellula potrebbe essere il suo prezzo. A questo costo, è improbabile che diventi un computer standard nella maggior parte delle aziende e sarà probabilmente riservato alla suite C. Ma se ne hai il budget, Dragonfly è un laptop di produttività eccellente con pochi problemi che rovinano la sua esperienza.

Vox Media ha partnership affiliate. Questi non influenzano il contenuto editoriale, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra politica etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.