NIO licenzia 141 dipendenti nella Silicon Valley a seguito dell'accordo di Intel


La startup cinese EV NIO ha licenziato altri 141 impiegati nella sua sede nordamericana a San Jose, secondo un nuovo deposito con il Dipartimento per lo sviluppo dell'occupazione della California. È la terza serie di tagli che NIO ha fatto quest'anno alla sua forza lavoro americana, che si è concentrata principalmente su ricerca e sviluppo e ingegneria. La startup sostenuta da Tencent ha licenziato 70 dipendenti e ha chiuso un ufficio a San Francisco a maggio, per poi eliminare altri 62 posti di lavoro a settembre. NIO ha iniziato l'anno con 640 dipendenti negli Stati Uniti, secondo i documenti depositati presso la Securities and Exchange Commission.

NIO ha piegato le divisioni di ingegneria del veicolo e di propulsione elettrica che operava nell'ufficio di San Jose, ma la maggior parte dei licenziamenti sono stati fatti al team di guida autonomo della startup, secondo il direttore delle comunicazioni nordamericane JoAnn Yamani. Tali tagli sono correlati a recentemente annunciato la partnership con il braccio trainante autonomo Intel Mobileye, Afferma Yamani, che "ha comportato ridondanza e duplicazioni di sforzi associati al nostro percorso verso la guida autonoma L4 (Livello 4)".

NIO stava sviluppando la propria tecnologia di veicolo completamente autonoma prima dell'accordo di Mobileye e Yamani afferma che il lavoro è ancora in corso. Ma ora che è in grado di appoggiarsi maggiormente a Mobileye, Yamani afferma che NIO ha visto la possibilità di continuare il suo sforzo globale di riduzione dei costi eliminando più posti di lavoro negli Stati Uniti.

Uno dei motivi principali per cui NIO ha dato il via a questo sforzo di riduzione dei costi è che le vendite del suo primo SUV elettrico, l'ES8, sono diminuite rapidamente nel 2019. Le consegne mensili dell'ES8, che sono state vendute in Cina l'anno scorso, hanno raggiunto il picco di circa 3.000 per mese alla fine del 2018. Ma la scadenza dei sussidi governativi cinesi mescolata a un rallentamento dell'economia del paese – e in particolare del settore automobilistico – ha contribuito a un drammatico declino della popolarità del SUV da allora. (Neanche un richiamo della batteria ha aiutato.) Tutto ciò ha comportato una perdita di quasi $ 900 milioni nella prima metà del 2019, spingendo l'avvio a più di $ 5 miliardi di perdite dalla sua fondazione nel 2015.

A sua volta, NIO ha ridotto la sua forza lavoro globale da quasi 10.000 dipendenti a circa 7.800, ha venduto il suo team di corse di Formula E e ha ritardato la prossima berlina. Allo stesso tempo, anche tre dei più alti dirigenti dell'azienda – tra cui un co-fondatore – ha lasciato l'azienda quest'anno.

"Dopo quattro anni di rapida crescita, abbiamo creato un'organizzazione globale. Tuttavia, lo sviluppo rapido ha anche posto problemi come reparti funzionali ripetitivi, compiti di lavoro indefiniti, responsabilità di lavoro poco chiare e lavoro insufficiente per alcune persone ", ha detto la società The Verge all'inizio di quest'anno.

NIO ha iniziato a spedire un SUV elettrico più piccolo e più economico all'inizio di quest'anno chiamato ES6, che ha visto un modesto successo all'inizio. Lanciato a giugno, NIO ha già aumentato le consegne di ES6 a circa 2.500 al mese, sebbene solo l'azienda ha venduto una manciata in più a novembre rispetto a ottobre.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *