Boom di cavalluccio marino bracconaggio incantesimi busto per l’Italia dell’habitat costiero | Ambiente


Emolto di notte, decine di barche in legno caricato con attrezzature per la pesca, passare sotto il ponte Punta Penna e nelle acque protette del Mar Piccolo, un unico laguna di acqua salata in italia meridionale città portuale di Taranto.

Pesca a strascico, reti, trappole di gabbia e anche bombe artigianali sono distribuiti in the moonlit acque da parte di coloro che sono in cerca di redditizio preda. “È come mio padre raccolta dei limoni e fare il limoncello in casa”, dice Luciano Manna, un attivista locale che è stato il monitoraggio dell’attività illegali per cinque anni. “È troppo facile”.

La laguna è così ricco di biodiversità con lunga snouted cavallucci marini, pregiato cozze, rare alghe, maggiore pesci ago e tartarughe marine tra le sue specie autoctone – che i biologi marini chiamare un “eco-museo”.

Ma organizzare un commercio illegale di animali selvatici, con collegamenti per la Cina è in silenzio devastante il Mar Piccolo e molti altri habitat costieri di tutta la regione Puglia, con esperti di avviso che le specie marine minacciate sono spinti sull’orlo dell’estinzione.

Michele Gristina, che lavora per l’Italia dell’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero, ha studiato i cavallucci marini a Taranto per quasi 20 anni. Una volta che una delle più grandi concentrazioni in Europa, il cavalluccio marino popolazione crollato tra il 2016 e il 2017. L’unica spiegazione, egli dice, è il bracconaggio.





Un pescatore del Mar Piccolo.



Un pescatore del Mar Piccolo. Fotografia: Luciano Manna

“Abbiamo cercato di spiegare (il declino) con motivi ambientali quali la diffusione dell’inquinamento, temperatura dell’acqua o la deplezione di ossigeno, ma non la ragione”, dice Gristina. “La gente ha visto che ci sono un sacco di cavallucci marini e che il denaro può essere fatto, e hanno cominciato a dar loro la caccia. A mio parere, cavallucci marini lungo le coste italiane sono in grave pericolo di estinzione.”

Nel mese di novembre, cinque persone, ha detto a “specializzarsi nell’uso di dispositivi esplosivi” sono stati arrestati dalla guardia costiera di Taranto, in una operazione che ha scoperto diversi chilogrammi di materiale esplosivo e TNT a città del bacino di ormeggio.

Il mese precedente la guardia costiera sequestrati 228 secchi in plastica di cetrioli di mare – peso di quattro tonnellate – nascosti nel carico e pronti per essere spediti a Grecia da Brindisi, uno dei più grandi porti. “Questo era parte di una più ampia attività,” dice Giorgio Castronuovo, comandante della guardia costiera di Taranto, che sta conducendo un’indagine per il traffico di fauna selvatica.

Questi sono solo due di una serie di scoperte, nonostante un divieto di commercio di cetrioli di mare introdotto nel mese di febbraio 2018 dal ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali politiche che hanno riconosciuto la “preziosa” ruolo delle specie di “rompere” i batteri nel bio-sistema marino.

“Quello che possiamo dire è che il mercato italiano non si dispone di una domanda di queste specie, quindi deve essere internazionale”, dice Castronuovo. “Fino a pochi anni fa, non c’era interesse. Quando la domanda iniziato dall’estero, pesca iniziata.”





Un cetriolo di mare trovato nel Mar Piccolo



Un cetriolo di mare trovato in Mar Piccolo. Fotografia: Peter Yeung

Manna, attraverso l’indagine italiana sito Veraleaks, scoperto la prova che, oltre a formalizzati tratta di operazioni della specie sono venduti su social media Cinesi sito WeChat, in cui i prodotti sono pubblicizzati come provenienti da “l’Italia, il Mediterraneo”. Essi sono venduti anche da parte di terzi venditori, che pretendono di offrire servizi di “wild ” catturare” attraverso il rivenditore online Amazon.

Tencent, il proprietario di WeChat, ha detto in una dichiarazione: “Siamo vigili contro senza scrupoli parti che fanno uso non autorizzato dei nostri servizi e piattaforme per perseguire le attività illecite. Invitiamo gli utenti a segnalare illegali e le attività inappropriate.”

Un portavoce di Amazon ha detto: “Tutti i venditori devono seguire la nostra vendita di linee guida e di coloro che non saranno oggetto di azione, compreso il potenziale di rimozione del proprio account. Il prodotto in questione non è più disponibile.”





Cavallucci marini per la vendita su WeChat 2



Cavallucci marini provenienti da tutta Italia per la vendita su social media Cinesi sito WeChat 2. Fotografia: Luciano Manna

Le autorità dicono che i pescatori locali hanno stretti legami con Cinese trafficanti di trasporto specie di cavallucci marini e cetrioli di mare in numeri enormi, da aria o dal mare, spesso passando attraverso la Grecia sulla strada per il sud-est Asiatico. La pratica, si dice, sta accadendo lungo tutta la costa Pugliese, a villaggi di pescatori e città.

La guardia costiera dice che sul gradino più basso, i pescatori locali ricevere circa 0,80 euro (£0.70) per kg di cetrioli di mare. Per gli intermediari che pulire, preparare e conservare le creature, il valore aumenta a 7 euro al chilo. Il tempo di cetrioli di mare entrare nel mercato Cinese, i prezzi razzo per tra $200 e $600 per chilogrammo. Cavallucci marini può essere un valore di $700 kg in Asia alla fine della catena, secondo la guardia costiera.

In Cina molte persone credono che i cavallucci marini sono un potente afrodisiaco. Essi sono utilizzati nella medicina tradizionale, per creare un prezioso liquore, o semplicemente come ornamento. I cetrioli di mare sono consumati come cibo, o utilizzati per la medicina e la cosmetica.

“E ‘ l’anarchia”, dice Sergio Passarelli, un biologo marino presso il Mare per Sempre, una ONG che possiede il solo permesso di fare immersioni in Mar Piccolo. “Da Taranto verso il Mare Ionio che il pesce ovunque c’è sabbia, rocce e alghe.”

Gli attivisti dicono di aver ricevuto minacce da parte di gruppi criminali e sono preoccupati per il limitato gli sforzi compiuti dalle autorità per contrastare il commercio. “Ho ricevuto avvertimenti contro la mia vita per il lavoro che faccio”, dice la Manna. “Pescatori scaricano ovunque si desidera, il pesce non è controllato, ma pesato e venduti sul mercato nero.”





Sostenitore e attivista Luciano Manna a Taranto



Attivista Luciano Manna ha ricevuto minacce per il lavoro che fa. Fotografia: Peter Yeung

Rinaldo Melucci, il sindaco di Taranto, dice che le autorità stanno facendo tutto il possibile per affrontare il problema. “L’amministrazione comunale metterà qualche informazione dall’attuale sistema di videosorveglianza lungo la zona interessata, a disposizione dell’autorità competente e sta iniziando a rafforzare questo sondaggio in rete, mentre allo stesso tempo, la preparazione complementare ai servizi di controllo dalla polizia locale”, dice.

Ci sono circa 40 specie di cavalluccio marino nel mondo, secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, e più di un quarto sono considerate vulnerabili o in pericolo di estinzione. Un ulteriore 17 specie, inclusi sia di quelle che si trovano nel Mar Piccolo – il Hippocampus guttulatus e Ippocampo ippocampo – non può essere attendibilmente classificati in termini di livello di rischio e sono quindi indicati come “dati insufficienti”.





Teche di vetro pieno di cavallucci marini essiccati per la vendita a una medicina di negozio a Guangzhou, in Cina.



Teche di vetro pieno di cavallucci marini essiccati per la vendita a una medicina di negozio a Guangzhou, in Cina. Fotografia: David Fleetham/Alamy

Una stima di 37 milioni di cavallucci marini vengono catturati ogni anno, e il Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie Minacciate di Flora e di Fauna Selvatiche note che sono minacciati a causa di “eccesso di pesca e di commercio insostenibile”.

Dr Miguel Correia, una con sede in Portogallo collaboratore con l’istituto internazionale di ricerca Progetto di Cavalluccio marino, che ha anche svolto attività di ricerca in Taranto, ha avvertito che il traffico di rete si estende oltre l’Italia e tutta l’Europa meridionale. Nel 2017, la polizia spagnola ha arrestato i trafficanti di Cadice in possesso di più di 2.000 cavallucci marini essiccati.

“Sono qui operano in Portogallo e in altri paesi”, dice Correia. “Se si continua possono scomparire completamente.”

Questa segnalazione è stata supportata da Internews Terra Giornalismo di Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *