Recensione di Dell XPS 13 (fine 2019): quella con sei core


Per lungo tempo, i laptop sottili e leggeri da 13 pollici avevano processori dual-core. Circa un anno fa circa, i chip quad-core hanno iniziato a comparire in questi computer più piccoli. Questi processori hanno comportato un significativo salto di prestazioni che era abbastanza evidente sia mentre svolgevi attività ad alta intensità di computer sia durante il lavoro quotidiano.

Ora Dell ha introdotto un chip a sei core nel suo venerabile XPS 13. L'ultimo aggiornamento dell'XPS 13 ha lo stesso set di funzionalità e design del modello rilasciato all'inizio di quest'anno, ma ora puoi averlo con un Core i7 di decima generazione -10710U Chip “Comet Lake” all'interno, completo di sei core, dodici thread e una velocità turbo di picco di 4,7 GHz.

Questo è un sacco di chip per un computer che pesa meno di tre chili e ha una delle impronte più piccole del settore. Ma a differenza del salto da due a quattro core, il salto a sei core non lo rende il laptop da 13 pollici migliore, o anche il più veloce, per tutte le attività.

Il design, la tastiera, il trackpad e il display di questo XPS 13 sono gli stessi del modello che abbiamo recensito all'inizio di quest'anno, quindi dovresti andare lì per i dettagli nitidi. Aggiungerò solo che il nuovo XPS 13 2 in 1 sembra molto più moderno rispetto allo XPS 13 standard, grazie al suo design più elegante, trackpad più grande, tastiera più grande (se più polarizzante) e display 16:10 più pratico . Dell in genere annuncia nuovi progetti al CES, quindi sospetto che questo XPS 13 a sei core sarà un po 'una canzone da cigno per un design che è stato stretto da quasi cinque anni.

La vera roba interessante è tutta all'interno di questo modello e tutto è incentrato su quel nuovo chip. Il Core i7-10710U è un processore da 14 nanometri con sei core, hyper-threading (che fornisce 12 thread logici), una velocità di base di 1,1 GHz, una velocità turbo massima di 4,7 GHz, un assorbimento di potenza di 15 W e UHD di Intel grafica integrata, che è la stessa di quella disponibile sui chip quad-core di ottava generazione che l'hanno preceduta.



Questo chip porta gran parte della potenza di elaborazione riservata ai laptop più grandi da 15 pollici su uno chassis più piccolo e l'XPS 13 è il primo computer sul mercato a utilizzarlo. Dovrai guadagnare almeno $ 1.349,99 (prima delle vendite o degli incentivi) per ottenere un XPS 13 con questo processore; il modello che ho usato, che è anche dotato di 16 GB di RAM, 512 GB di spazio di archiviazione e un touchscreen 4K, arriva fino a $ 1.799,99 prima degli sconti.

Ma grazie alla gamma di chip 10a generazione di Intel estremamente confusa, non è così semplice come dire "prendi questo laptop se vuoi la macchina più veloce". Questo perché allo stesso tempo ha rilasciato il chip i7 a sei core, Intel ha anche rilasciato la sua 10a generazione Linea di processori "Ice Lake". Questi chip hanno quattro core, ma una matrice da 10 nanometri più efficiente e un processore grafico Iris Plus integrato notevolmente aggiornato. Questi processori "Ice Lake" sono disponibili in un'ampia varietà di laptop sottili e leggeri questo autunno, incluso l'XPS 13 2-in-1 di Dell.

Quindi, per prendere la decisione giusta, devi davvero valutare per cosa prevedi di utilizzare il tuo laptop e quindi scegliere quale processore ti offrirà il massimo delle prestazioni. Il chip a sei core eccelle nel crunching dei numeri e nei processi multithread (grazie ai suoi due core extra e altri quattro thread), quindi sarà più adatto per la compilazione di codice o l'esecuzione di macro estremamente complicate su fogli di calcolo Excel. Inoltre, presenta grafici più elevati sugli strumenti di riferimento che misurano le capacità multithread.

Ma a causa della sua grafica integrata più vecchia e più lenta, il chip a sei core è in realtà meno capace del processore a quattro core nell'XPS 13 2-in-1 per svolgere attività creative che sfruttano la GPU, come lavorare in Photoshop o Lightroom o l'editing di video in programmi come Premiere Pro. Ciò è stato confermato dai miei test: l'XPS 13 a sei core ha impiegato 24 minuti e 10 secondi per esportare una clip 4K di cinque minuti e 33 secondi da Premiere Pro, mentre l'XPS 13 2 in 1 con un quattro core Chip Ice Lake e Iris Plus Graphics hanno fatto il lavoro in 17 minuti e nove secondi.

Anche il processore dell'XPS 13 non è stato in grado di raggiungere la piena velocità di 4,7 GHz durante l'esportazione, raggiungendo un picco di 4 GHz prima di stabilizzarsi a 3,5 GHz dopo sei minuti e scendere a 1,8 GHz nel corso dell'esportazione. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che Premiere tenta di scaricare il più possibile sulla GPU durante un'esportazione, ma è anche probabilmente dovuto al fatto che l'XPS 13 è ancora un computer sottile e leggero e non ha la capacità di raffreddamento mantenere alte velocità per lunghi periodi di tempo. Ci sono buoni motivi per cui i chip con così tanti core non sono ancora diventati laptop da 13 pollici prima d'ora, e molti di loro sono centrati sull'incapacità di uno chassis così sottile per mantenerli freschi.


Tra i lati positivi, la potenza di elaborazione aggiuntiva nell'i7 a sei core non influisce sulla durata della batteria quanto ci si potrebbe aspettare. Ho calcolato in media circa sei ore e 20 minuti tra una ricarica e l'altra mentre utilizzo la macchina per il mio lavoro quotidiano di navigazione sul Web, scrittura, e-mail, Slack e altri strumenti di produttività. Non è particolarmente eccezionale, ma non è lontano da quello che ottengo con i chip quad-core presenti in molti altri laptop da 13 pollici.

L'XPS 13 a sei core è uno strano computer. Sembra una sospensione finché non è disponibile qualcosa di meglio sia nel design che negli interni. Quella prima parte probabilmente non è troppo lontana, poiché il CES 2020 è a circa un mese di distanza, ma è difficile dire quanto tempo passerà prima che Intel introduca i chip Ice Lake che hanno sei core, un dado da 10 nanometri e il grafica Iris Plus migliorata. Una volta che ciò accadrà, avremo alcuni salti di prestazioni reali nella categoria sottile e leggera per festeggiare.

Vox Media ha partnership affiliate. Questi non influenzano il contenuto editoriale, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra politica etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *