Adobe sta acquistando l'app per la scultura di Oculus Medium VR


Adobe sta acquisendo Oculus Medium, uno strumento di scultura della realtà virtuale originariamente rivelato dalla società VR di proprietà di Facebook nel 2015. A quanto pare nulla sta cambiando per ora – un post sul blog Oculus osserva che Medium rimarrà gratuito per le persone con un sistema Oculus VR. Ma suggerisce che Adobe porterà "più funzioni, miglioramenti e altri sviluppi" a Medium nel 2020.

Sébastien Deguy, responsabile dei contenuti 3D e immersivi di Adobe, afferma che Medium integrerà l'app esistente di Adobe per le sostanze 3D. Medium è stato lanciato come uno strumento artistico per il mercato di massa, ma come osserva Oculus, è stato utilizzato da sviluppatori di giochi, concept artist e altri clienti Adobe ideali.

Deguy e il team Medium menzionano entrambi la volontà di preservare la comunità esistente di Medium. Ciò avrebbe senso in qualsiasi contesto, ma è particolarmente importante nella realtà virtuale, in cui la community è minuscola e i suoi utenti sono responsabili di capire come utilizzare strumenti come Medium.

Perché Oculus sta vendendo Medium? Potrebbe essere Facebook ridimensionare i suoi sforzi VR non di gioco. Ma Medium è anche leggermente ridondante per Oculus. La società ha anche lanciato un'app artistica orientata al professionista chiamata Quill, che è stata rilanciata come Quill 2.0 ad agosto con funzionalità di animazione ampliate. E dove Quill è un'app di pittura 3D nello stile di Tilt Brush (di proprietà di Google), Medium funziona molto più come un tradizionale programma di modellazione 3D, quindi si adatta meglio alle offerte esistenti di Adobe. Per quanto riguarda il suo impatto sulla VR in generale, dipende da dove Adobe prende il prodotto nel 2020 e da quanto profondamente integra Medium nella sua più ampia suite creativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.