Papa aiutante prende 33 rifugiati a Roma, dopo la visita a ‘vergognoso’ Lesbo camp | notizie dal Mondo


Un collaboratore di Papa Francesco ha esortato la chiesa Cattolica in Europa per aprire le loro porte ai rifugiati, dopo aver portato a 33 persone a Roma dal sovraffollamento, squallidi campi profughi sull’isola greca di Lesbo.

Parlando di un suo ritorno da una visita ai campi, il Cardinale Konrad Krajewski, l’elemosiniere Vaticano, ha condannato la gestione dell’unione europea la situazione dei rifugiati, dicendo che “gli animali vivono meglio in Europa”.

Il 33 profughi, tra le loro famiglie, provenienti da Camerun, in Afghanistan e in Togo, è arrivato a Roma nella notte di mercoledì e sarà ospitato dal Vaticano e Sant’Egidio carità.

“Abbiamo i soldi, cominciamo con noi stessi … apriamo il nostro canoniche, conventi e monasteri, per almeno una famiglia da Lesbo campi profughi, in modo che possiamo vuoto di tutti”, Krajewski, ha detto dopo l’atterraggio all’aeroporto di Fiumicino, a Roma, con il gruppo di Lesbo. “Ho visto situazioni terribili nei campi.”

La popolazione dell’isola campi è aumentato da 7.000 in più di 15.000 persone, di cui 800 sono i minori non accompagnati, Krajewski, ha detto.

“Non c’è speranza per loro bloccati in Grecia, dove vivono in condizioni drammatiche. Questo è un problema per l’Europa ed è vergognoso.”





Una ragazza cammina su un viottolo fangoso, in un campo improvvisato accanto alla Moria campo profughi di Lesbo, in Grecia, il 29 novembre.



Una ragazza cammina su un viottolo fangoso, in un campo improvvisato accanto alla Moria campo profughi di Lesbo, in Grecia, il 29 novembre. Fotografia: Aris Messinis/AFP via Getty Images

Il Vaticano è il più recente “umano corridoio’ missione da Lesbo è stato attuato in seguito all’approvazione delle autorità greche e il ministero dell’interno italiano. Viene dopo Papa Francesco, che ha paragonato migranti strutture Lesbo tra “campi di concentramento”, ha portato indietro di 12 famiglie Siriane dopo aver visitato l’isola nel 2016. Sono stati temporaneamente ospitati dal Vaticano, prima di essere aiutati ad inserirsi nella società da Sant’Egidio. Per più di dieci persone saranno trasferiti in Italia da Lesbo entro la fine dell’anno.

La grecia è stata più volte castigato da gruppi per i diritti e il Consiglio d’Europa sulle condizioni nei campi profughi attraverso le sue isole. Un incendio è scoppiato nell’affollato Moira campo, Lesbo, verso la fine di settembre, l’uccisione di una donna in Afghanistan e la richiesta di scontri tra rifugiati e di polizia. L’impianto è stato colpito da numerosi incendi, dato che l’UE ha stretto un accordo con la Turchia nel 2016 per arginare il flusso di immigrati, con una donna e il bambino che stava morendo in un tripudio di quell’anno.

Nel mese di novembre la Grecia, governo di centro-destra, che salì al potere nel mese di luglio, ha annunciato l’intenzione di chiudere i tre maggiori migranti campi sulle isole di Lesbo, Chio, Samo e sostituirli con strutture sulla terraferma che gli attivisti rispetto ai centri di detenzione. Il governo ha promesso di spostare di 20.000 persone in cerca di asilo campi sulla terraferma entro l’inizio del 2020. Essa ha anche approvato una legge di serraggio asilo requisiti e si è impegnato ad aumentare i controlli alle frontiere.

Krajewski è stato nominato elemosiniere, un lavoro che Papa Francesco trasformato in un hands-on di missione caritativa, nel 2013. Ha lavorato discretamente, per la maggior parte, per i poveri, per anni. Tuttavia, nel Maggio di quest’anno ha fatto notizia dopo la scalata giù una botola e la rottura di un sigillo a ripristinare l’elettricità di un edificio a Roma, dove 250 persone senza fissa dimora, erano di casa. L’intervento ha suscitato una reazione di rabbia da Matteo Salvini, l’ex di estrema destra, il vice primo ministro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *