La casa madre di TikTok ha fatto causa per la raccolta di dati sui bambini


ByteDance, la casa madre di TikTok è stato citato in giudizio dopo aver presumibilmente violato le leggi sulla privacy dei minori e raccogliendo i dati dei giovani utenti tramite l'app video, precedentemente chiamata Musical.ly.

ByteDance ha acquisito Musical.ly nel 2017, che in seguito è stato ribattezzato come l'app di social video estremamente popolare TikTok. Secondo la denuncia del 3 dicembre, ByteDance ha raccolto dati da utenti di Musical.ly di età inferiore ai 13 anni senza il consenso esplicito dei genitori "almeno dal 2014" e ha venduto i dati a inserzionisti di terze parti.

La legge sulla protezione della privacy online dei minori, o COPPA, vieta alle società di social media di raccogliere i dati dei minori senza esplicito consenso dei genitori. Non ottenere tale consenso sarebbe in violazione della legge e aprire la società a potenziali azioni legali da parte di autorità di regolamentazione come la Federal Trade Commission.

"TikTok è stato messo al corrente delle accuse nella denuncia qualche tempo fa, e sebbene non siamo d'accordo con gran parte di ciò che viene affermato nella denuncia, abbiamo lavorato con le parti coinvolte per raggiungere una risoluzione dei problemi", ha detto un portavoce di TikTok The Verge. "Quella risoluzione dovrebbe essere annunciata presto."

È l'ultimo di una raffica di accuse contro la società cinese e le sue app che i legislatori temono di fornire i dati degli utenti americani al governo cinese e censurare i contenuti critici di Pechino. ByteDance ha già affrontato problemi legali per violazione del COPPA. All'inizio di quest'anno, la FTC ha raggiunto un accordo di $ 5,7 milioni per violazioni della COPPA da Musical.ly. YouTube ha anche raggiunto un accordo con FTC per accuse simili Settembre, con una multa di $ 170 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *