I co-fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin cedono il controllo di Alphabet al CEO Sundar Pichai


I co-fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin, che sono stati per lo più fuori dai riflettori da quando hanno ristrutturato la loro azienda quattro anni fa, stanno cedendo il controllo della società madre Alphabet all'attuale CEO di Google Sundar Pichai, il il duo ha annunciato oggi in un comunicato stampa congiunto. I due uomini rimarranno dipendenti di Alphabet e manterranno i loro posti nel consiglio di amministrazione, ma non sovrintenderanno più all'impero tentacolare, quasi trilione di dollari della società, che hanno creato all'Università di Stanford più di 20 anni fa.

"Con Alphabet ormai consolidato e Google e le altre scommesse che operano efficacemente come società indipendenti, è il momento naturale di semplificare la nostra struttura di gestione. Non siamo mai stati quelli a cui aggrapparci per i ruoli manageriali quando pensiamo che ci sia un modo migliore per gestire l'azienda. E Alphabet e Google non hanno più bisogno di due amministratori delegati e un presidente. In futuro, Sundar sarà l'amministratore delegato di Google e Alphabet ", ha scritto Page e Brin.

"Sarà il dirigente responsabile e responsabile della guida di Google e della gestione degli investimenti di Alphabet nel nostro portafoglio di altre scommesse. Siamo profondamente impegnati con Google e Alphabet a lungo termine e resteremo attivamente coinvolti come membri del consiglio di amministrazione, azionisti e co-fondatori. Inoltre, prevediamo di continuare a parlare regolarmente con Sundar, in particolare su argomenti di cui siamo appassionati. "

La notizia, sebbene sia uno sviluppo scioccante per il corso del futuro di Google, non sorprende coloro che seguono le carriere di Page e Brin dal 2015. Il duo ha fatto raramente apparizioni pubbliche, parlato su chiamate degli investitori o mostrato il proprio volto al lancio del prodotto o la conferenza annuale degli sviluppatori I / O dell'azienda. Brin, che un tempo si era immerso nell'I / O indossando una coppia prototipo dell'ormai defunto Google Glass, era spesso un vistoso volto amante del futurismo degli sforzi più sperimentali dell'azienda, mentre Page – l'amministratore delegato di Google fino a quando Pichai ha assunto era il volto esecutivo generale. Entrambi sono effettivamente scomparsi dalla vista del pubblico, tuttavia, dopo la ristrutturazione dell'azienda.

La creazione di Alphabet è stata controversa nel 2015, segnando una nuova struttura aziendale senza precedenti per la Silicon Valley in un momento in cui i giganti della tecnologia stavano accumulando un enorme potere e consolidando le industrie. Alphabet è stato progettato per dividere Google nella sua attività principale, che include il suo motore di ricerca e quasi una dozzina di altri enormi prodotti, e gli altri settori disparati dell'azienda, come il suo laboratorio X (ex fabbrica Moonshot Google X) e ora unità di guida Waymo. Ma la creazione di Alphabet ha anche dato alla carta bianca di Page e Brin di svanire alla ribalta e lasciare che Pichai prendesse le redini.

Pichai ha continuato a far crescere Google in un aspetto ancora più ampio della vita online quotidiana, supervisionando il lancio del marchio Pixel e gli altri sforzi hardware di Google oltre agli immensi investimenti dell'azienda nell'intelligenza artificiale e nel cloud computing. Dalla creazione di Alphabet, il prezzo delle azioni della società è più che raddoppiato, così come i ricavi della società. Nel suo primo rapporto trimestrale sugli utili dalla formazione di Alphabet, la società ha registrato vendite per $ 18,7 miliardi. Nel suo rapporto trimestrale sugli utili più recente, Alphabet ha registrato vendite per oltre $ 36,3 miliardi.

Page e Brin hanno anche consegnato il titolo di CEO a Pichai in un momento di crescente controllo su Big Tech e Google e la sua sussidiaria di YouTube hanno affrontato una serie di controversie negli ultimi anni. Gli ultimi quattro anni sono stati senza dubbio i più controversi nella storia di Google poiché una coalizione attivista di dipendenti è sorta all'interno dell'azienda e legislatori, attivisti e regolatori hanno cercato di controllare il suo potere dall'esterno.

Di conseguenza, Pichai è diventato il volto degli sforzi dell'azienda per resistere a quelle tempeste, compresi incidenti di alto profilo come il licenziamento del critico sulla diversità James Damore e, più recentemente, il coinvolgimento dell'azienda in un progetto di drone del Dipartimento della Difesa e i suoi piani ( ora secondo quanto riferito sul ghiaccio) per lanciare un prodotto di ricerca per il mercato cinese. Anche Susan Wojcicki, CEO di Pichai e YouTube, ha dovuto rispondere della serie di controversie della piattaforma video, che vanno dallo sfruttamento dei bambini e dai contenuti di radicalizzazione scatenati sulla piattaforma a problemi di moderazione e di discorso su chi può rimanere sulla piattaforma e quale effetto.

Sviluppando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *