Mate 30 di Huawei non contiene parti americane


Quando è diventata chiara l'estensione delle sanzioni dell'amministrazione Trump contro Huawei, ci siamo chiesti se il gigante cinese delle telecomunicazioni sarebbe stato in grado di realizzare uno smartphone senza componenti americani. La risposta, secondo un nuovo rapporto di Il giornale di Wall Street, è apparentemente sì.

L'analisi di UBS e Fomalhaut Techno Solutions afferma che il Mate 30 di Huawei non contiene assolutamente parti degli Stati Uniti. Huawei sembra aver trovato fornitori non americani per diversi componenti critici. Ad esempio, sta ora acquistando amplificatori audio dall'NXP olandese piuttosto che dal Cirrus Logic, facendo affidamento interamente sulla propria divisione di semiconduttori HiSilicon per chip Wi-Fi e Bluetooth anziché Broadcom e utilizzando altre società come Murata giapponese e MediaTek di Taiwan per altre parti precedentemente fornito da produttori statunitensi.

Huawei ha una "chiara preferenza per continuare a integrare e acquistare componenti dai partner di fornitura statunitensi", ha detto un portavoce dell'azienda WSJ. "Se ciò si rivelasse impossibile a causa delle decisioni del governo degli Stati Uniti, non avremo altra scelta che trovare forniture alternative da fonti non statunitensi".

Huawei non è stata in grado di cedere del tutto i fornitori statunitensi, anche se è vietato fare affari con la maggior parte di essi. La società ha dichiarato di aver accumulato componenti in previsione di sanzioni e smontaggi separati rivelano che alcuni dispositivi più recenti fanno ancora affidamento su parti americane. TechInsights, per esempio, mostra che il Mate 30 Pro 5G di fascia alta utilizza chip di Qualcomm e Texas Instruments.

Questo potrebbe essere per qualsiasi numero di motivi; presumibilmente Huawei vorrebbe utilizzare i chip salvati per questo scenario indipendentemente dal fatto che avesse altre opzioni. Non sorprende, inoltre, che l'azienda si muoverebbe in grande misura per diversificare la propria catena di fornitura. Ciò che dimostra lo smontaggio di UBS, tuttavia, è che Huawei è interamente in grado di produrre smartphone di fascia alta senza fornitori americani. Resta da chiedersi se qualcuno al di fuori della Cina ne comprerà uno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *