L'ex campione di Go battuto da DeepMind si ritira dopo aver dichiarato AI invincibile


Il campione sudcoreano Go Lee Se-dol si è ritirato dal gioco professionale, raccontando Yonhap agenzia di stampa che la sua decisione fu motivata dall'ascesa dell'IA.

"Con il debutto di AI in Go games, mi sono reso conto che non sono in cima anche se divento il numero uno attraverso sforzi frenetici", ha detto Lee Yonhap. “Anche se divento il numero uno, esiste un'entità che non può essere sconfitta. "

Per anni, Go è stato considerato al di là della portata anche dei programmi per computer più sofisticati. L'antico gioco da tavolo è notoriamente complesso, con più possibili configurazioni per pezzi che atomi nell'universo osservabile.

Questa reputazione ha bussato nel 2016 quando DeepMind, società di intelligenza artificiale di proprietà di Google, ha scioccato il mondo sconfiggendo Se-dol quattro partite contro una con il suo sistema di AlphaGo AI. I giochi hanno avuto un impatto globale, avvisando il mondo di una nuova generazione di programmi di apprendimento automatico che promettevano di essere più intelligenti e più creativi dell'IA antica.

Lee, che era il giocatore numero uno al mondo nella classifica dei Go alla fine degli anni 2000, inizialmente aveva previsto che avrebbe battuto AlphaGo in una "frana" ed era scioccato dalle sue perdite, arrivando al punto di scusarsi con il pubblico sudcoreano. "Ho fallito", ha detto dopo il torneo. “Mi dispiace che la partita sia finita e sia finita così. Volevo che finisse bene. "

Nonostante il risultato, gli esperti di Go hanno concordato che il torneo ha prodotto un gioco eccezionale. AlphaGo ha sorpreso il mondo con il suo cosiddetto "sposta 37", Che inizialmente gli esperti umani ritenevano fosse un errore, ma che si è rivelato decisivo nel secondo gioco. Lee ha avuto il suo impatto con il suo gioco "hand of God" (mossa 78), che ha confuso il programma AI e ha permesso a Lee di vincere una sola partita. Rimane l'unico essere umano a sconfiggere AlphaGo.

Dal momento che il torneo, DeepMind ha solo migliorato i suoi sistemi AI Go. Nel 2017, ha creato AlphaGo Zero, una versione del programma che ha superato anche AlphaGo.

Mentre l'IA originale ha imparato a giocare a Go studiando un set di dati di oltre 100.000 giochi umani, AlphaGo Zero ha sviluppato le sue abilità semplicemente giocando se stesso, ancora e ancora. Dopo tre giorni di auto-gioco usando sistemi computerizzati estremamente potenti che gli hanno permesso di giocare a velocità sovrumane, AlphaGo Zero è stato in grado di sconfiggere il suo predecessore 100 giochi a zero.

DeepMind ha dichiarato che AlphaGo Zero era probabilmente il giocatore Go più forte della storia.

Secondo Yonhap, Lee non si arrende completamente a giocare all'IA, però. Ha in programma di commemorare il suo ritiro a dicembre giocando una partita contro un programma di AI della Corea del Sud chiamato HanDol, che ha già battuto i primi cinque giocatori del paese. A Lee verrà dato un vantaggio di due pietre.

"Anche con un vantaggio di due pietre, sento che perderò il primo gioco con HanDol", ha detto Lee Yonhap. "In questi giorni, non seguo Go news. Volevo giocare comodamente contro HanDol dato che mi sono già ritirato, anche se farò del mio meglio. ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *