Jesse Marcia: ‘io non voglio solo essere qualche ragazzo Americano cercando di allenatore”


Quando Salisburgo battere Genk 6-2 Austriaco, club della prima gara di Champions League a partire dal 1994, Marcia diventato il primo Americano a gestire e vincere la concorrenza.

“Io non voglio solo essere qualche ragazzo Americano cercando di allenatore. Voglio provare davvero incarnano molto di più”, Marcia ha detto alla CNN Alex Thomas.

Salisburgo domestico risultati parlano per se stessi. Il club è attualmente superiore della Bundesliga Austriaca dopo aver segnato 58 gol in 15 partite in questa stagione. Ma la Champions League ha dimostrato più difficili e duri scontri contro il Liverpool e Napoli significa Salisburgo ha una sola vittoria in quattro partite nella fase a gironi finora.

Salisburgo certamente a gomito su una tacca quando hanno visto il rosso ad Anfield, di ritorno da 3-0 a metà del primo tempo, prima di stretto di perdere 3-4 per il titolo di campione Europeo.

Jesse Marcia crediti Bob Bradley e Ralf Rangnick nell'aiutare il suo sviluppo come un allenatore.

Andando virale

Il 46-year-old Marcia catturato i titoli della stampa internazionale dopo la sua riscaldata metà dei team in tempo a parlare che ad Anfield, è andato virale.

“Che cosa rende un po’ unico, è un Americano che parla tedesco coaching una squadra Austriaca”, ha spiegato Marcia, che ha ammesso che lui non era a conoscenza che il filmato è stato pubblicato.

Il nativo del Wisconsin è arrivato in Europa, nell’estate del 2018, quando fu nominato assistente manager a Ralf Rangnick alla Bundesliga tedesca club RB Leipzig. Ha poi aderito Salisburgo, un anno dopo, con un contratto fino al 2022.

Rangnick ha giocato un ruolo enorme nella Marcia di sviluppo, come allenatore, secondo l’American, introdurre lo “alto livello a pensare in termini di tattica e di calcio in Europa.”

L’altra, forse ancora più sorprendente, l’influenza di Bob Bradley, che allenato Marcia all’Università di Princeton e in seguito al DC United e Chicago Fire nella Major League Soccer.

Marcia ha supervisionato lo sviluppo di norvegese Erling Braut Håland. Il 19-year-old Red Bull Salisburgo attaccante ha la Champions League, ha segnato sette gol in quattro partite.

Strada per accettazione

Bradley ora gli allenatori Los Angeles FC ed è stato il primo Americano a gestire un club della Premier League inglese nel 2016, era tristemente licenziato dopo soli 85 giorni in carica dello Swansea City.

“So che il parere di Bob, in Inghilterra, è misto e poi ci sono un sacco di pensieri negativi di avere un allenatore Americano in Premier League, ma per noi, in NOI è stato un grande momento”, ha detto Marcia.

Durante la sua breve Swansea incantesimo, Bradley è stato criticato da regno UNITO esperti per essere “troppo Americano”, ma ha rapidamente tiro indietro alla sua critica.

“A volte io vado a dire in ‘campo’ al posto di ‘pitch’ e ho potuto provare il suono come sono dal regno UNITO. Ma sarebbe venuto fuori molto male, e non per quello che sono.”

Marcia (L) festeggia con Hee-chan Hwang dopo Salisburgo's 6-2 su Genk in Champions League.

Marcia ammesso non ha l’esperienza di qualcosa di simile a Lipsia o Salisburgo, ma ha sottolineato la strada per l’accettazione in Europa inizia con culturale apprezzamento.

“Egli (Bradley) non era in grado di avere il successo che tutti speravamo che sarebbe ed È anche la chiave per comprendere alcune delle ragioni (calcio) culturale qui in Europa. E ‘molto importante per me capire la lingua, la gente, la” Marcia spiegato.

Marcia, esce dal tunnel di prendere una squadra sessione di allenamento del Chelsea avanti di Salisburgo's Champions League contro il Liverpool nel mese di ottobre.

Distruggere gli stereotipi

Salisburgo, il tecnico parla correntemente il tedesco, solo scivolare in inglese quando egli ottiene emotivo — Marcia conosce anche le differenze dialettali tra tedesco a Lipsia e tedesco a Salisburgo.

Egli è riuscito a distruggere gli stereotipi Americani manager in Germania e in Austria, ma ha detto che è facile da adattare, dopo aver già lavorato con la Red Bull in franchising come manager dei New York Red Bulls.

“Quando mi sono trasferito a Lipsia, c’era stata una precedente relazione, ho avuto modo di conoscere la gente e non mi trattate come un Americano.”

Ancora, è la Premier League inglese che egli vede come una sfida, come Bradley rimane l’unico Americano ad aver gestito finora.

“Dipende un po’ dove si va. Come un Americano, si fanno strada in particolare in un posto come la Premier League? Sì, credo che ci sia un pregiudizio contro Americana allenatori della Premier League. Ma alla fine, qualcuno deve provare a cambiare le cose e non so se che sarà di me”, la Marcia ha detto alla CNN Sport.

Marcia's metà dei team in tempo a parlare che ad Anfield, è andato virale. "Io non l't so 'stato rilasciato -- e' stata una sorpresa troppo,' ha detto Marcia.

Ambiente di apprendimento positivo

Oltre a imparare la lingua e di immergersi nella cultura locale, ovunque abbia allenato, il supporto di Marcia ottenuto a Lipsia e ora Salisburgo sono stati fondamentali per il suo successo.

“Sono stato trattato come un giovane allenatore che è stato il sistema che hanno creduto e credo che abbia aiutato. Che tipo di supporto mi ha aiutato ad avere successo in generale, in questo mondo.

“Se è la Premier League, che si tratti della Bundesliga Austriaca, gli allenatori hanno bisogno di essere circondato da ambienti in cui le persone credono in loro e li sostengono.”

Per la Marcia, il successo non si misura nel numero di trofei. Pensa che È tutto “creazione di un positivo ambiente di apprendimento in cui le persone possono prosperare e di essere il loro meglio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *