Come utilizzare i tuoi AirPods con un sistema di intrattenimento in volo


La morte del jack per cuffie sul telefono ha conseguenze indesiderate. Per i viaggiatori, uno dei più fastidiosi è che le tue fantastiche cuffie Bluetooth non funzioneranno con i sistemi di intrattenimento dello schienale dei sedili sugli aerei. Se sei fortunato – o intelligente – hai un paio di cuffie over-ear che includono un jack per cuffie, quindi usarle è solo una questione di portare il cavo appropriato.

E se volessi usare i tuoi AirPods, AirPods Pro o altre cuffie veramente wireless con il sistema di schienale? Per questo hai bisogno – hai indovinato – un dongle. Ed è peggio di quello perché hai bisogno di un dongle che dovrai tenere carico.

Il mio obiettivo originale qui era quello di trovare (o addirittura saldare insieme) un cavo intelligente che convertisse l'uscita audio da 3,5 mm dallo schienale in un ingresso audio alla porta Lightning o USB-C del telefono, che poi potevi usare un'app per inviare l'audio alle tue cuffie. Ritengo che questa sia un'ottima idea perché significa che non devi preoccuparti di nuovo l'associazione. Ma la verità è che è un'idea terribile. Tali cavi non sono prontamente disponibili e il bit di accoppiamento non è poi così male.

Ci sono molti diversi trasmettitori Bluetooth genericamente marchiati su Amazon, molti dei quali sembrano così simili che provengono sicuramente dalla stessa fabbrica. Non li ho provati tutti, ma ho provato almeno uno di loro come una specie di proxy per il resto. Ma se preferisci spendere un po 'di più per qualcosa di nome-marchio, il gold standard è il AirFly da dodici sud.

Opzione 1: utilizzare un adattatore Bluetooth

Ho provato tre diversi adattatori Bluetooth nel tentativo di ottenere l'audio dallo schienale al mio AirPods Pro: l'originale AirFly (ora marchiato "Classic"), l'AirFly Pro e una cosa economica e apparentemente abbozzata che ho trovato su Amazon da una società di cui non ho mai sentito parlare (Hagibis). Tutti e tre, con mia sorpresa, funzionano ugualmente bene – supponendo che il tuo volo non sia troppo lungo, almeno.

L'impostazione di base è la stessa per tutti:

  1. Caricare l'adattatore
  2. Con l'adattatore spento, premere a lungo il pulsante principale per metterlo in modalità di associazione
  3. Tieni le cuffie accanto all'adattatore e mettile in modalità di associazione
  4. Osserva intensamente le luci che lampeggiano vagamente su entrambi i dispositivi fino a quando uno o entrambi cambiano colore, velocità di lampeggiamento o entrambi
  5. Collegare l'adattatore e inserire le cuffie per vedere se ha funzionato
  6. In caso contrario, spegnere l'adattatore premendo a lungo e tornare al passaggio 2

Sembra tutto orribile. In pratica, sono stato piacevolmente sorpreso in ogni caso quando sono stato in grado di accoppiare subito i miei AirPods Pro – anche a metà volo quando c'erano decine di altre radio Bluetooth in giro, potenzialmente rovinando il processo di accoppiamento. Aiuta se si spegne il Bluetooth sul telefono o sul computer vicino. In questo modo, le cuffie hanno meno probabilità di accedere a quella connessione invece di accoppiarsi al nuovo dongle.


AirFly Pro ha un cavo da 3,5 mm integrato, un interruttore per la ricezione e la trasmissione dell'audio e si ricarica tramite USB-C.
Foto di Dieter Bohn / The Verge


AirFly Classic è più goffo da usare rispetto al Pro, ma costa meno.
Foto di Dieter Bohn / The Verge

Ci sono, ovviamente, gotchas. L'adattatore Hagibis che ho provato ha un secondo pulsante per alternare tra le modalità TX (trasmissione) e RX (ricezione), che richiede un secondo giro di prove ed errori lampeggianti a pressione del pulsante.

Il prossimo gotcha è il volume: è stato misteriosamente più basso usando questi dongle di quanto sarebbe stato appena collegato. Twelve South, la società che produce AirFly, ha una FAQ in cui suggerisce che questo è un problema derivante da un recente aggiornamento del firmware per AirPods. Ho dovuto impostare il sistema di sedili dell'aereo al massimo, ed era abbastanza forte per me, ma a malapena.


L'adattatore Hagibis è molto piccolo e molto economico, ma manca della facilità d'uso delle versioni di Twelve South.
Foto di Dieter Bohn / The Verge

Poi c'è il gotcha più ovvio di tutti: la durata della batteria. All'estremità piccola, il piccolo Hagibis che ho provato sostiene solo di durare per cinque ore. Il classico AirFly rivendica otto ore, mentre l'AirFly Pro afferma 16.

Per me, ne vale la pena circa 20 dollari in più per AirFly Pro. Ottieni una durata della batteria più lunga e hai la possibilità di trasformarlo in un ricevitore Bluetooth in un pizzico se vuoi usarlo in auto o su Airbnb. Devo anche ammettere che ne vale la pena di più perché AirFly Pro si ricarica tramite USB-C invece di Micro USB e hai la possibilità di accoppiare due cuffie contemporaneamente se vuoi guardare un film con qualcuno.

Qualcuno di questi è conveniente come usare semplicemente le tradizionali cuffie cablate? No. Ecco perché ho una seconda strategia per affrontare questo problema.

Opzione 2: non provarci nemmeno

Molte compagnie aeree hanno sistemi Wi-Fi che forniscono intere librerie di intrattenimento a livello locale per lo streaming sul tuo telefono personale, tablet o laptop. Puoi accedere e guardare film senza dover pagare per il resto di Internet e senza dover portare con te un secondo dongle.

Potrebbe essere una buona opzione, soprattutto se non sei preoccupato per la durata della batteria del dispositivo e / o lo spazio sul tavolo del vassoio.


Foto di Amelia Holowaty Krales / The Verge

Un'altra buona opzione: basta portare in giro un paio di auricolari cablati relativamente economici per il viaggio in aereo. Potresti perdere qualsiasi cancellazione del rumore che avresti sulle tue cuffie wireless, ma è molto più semplice. Alcune compagnie aeree regalano (o applicano una tariffa nominale) per auricolari quasi usa e getta. Non suonano alla grande, ma poi di nuovo, stai guardando un film dell'aeroplano su uno schermo dell'aeroplano, quindi quanto sarai davvero prezioso sulla qualità del suono delle tue cuffie?

Ultimo ma non meno importante: spendere i soldi (significativi) per un buon paio di cuffie Bluetooth con cancellazione del rumore. In questo momento ci piacciono le cuffie Bose Noise Cancelling 700. Sono più leggeri e più comodi da indossare a lungo termine rispetto alle cuffie Sony 1000x M3. Tutti hanno jack per cuffie da 3,5 mm e sono dotati di un cavo che può essere inserito nel poggiatesta. Non dimenticare di portare quel cavo con te.

Forse un giorno, ogni sedile dell'aereo avrà la propria opzione di accoppiamento Bluetooth. Data la qualità del software su quelle cose, però, sembra un tipo di incubo completamente diverso.

Vox Media ha partnership affiliate. Questi non influenzano il contenuto editoriale, sebbene Vox Media possa guadagnare commissioni per i prodotti acquistati tramite link di affiliazione. Per ulteriori informazioni, vedere la nostra politica etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *