Mark Sampson: Ex Inghilterra le donne di coach pagano con un linguaggio razzista


Il 37-year-old è il custode boss di League Two lato Stevenage aver tenuto un contratto di lavoro temporaneo, all’inizio della stagione.

Le accuse di razzismo lingua riferito fatti da un ex allenatore e un’indagine è in corso dal mese di settembre.

“Si è sostenuto che un commento fatto da Stevenage FC ex manager della violato FA Regola E3(1), come è stato scorretto e/o offensivo e/o offensivo”, si legge in una dichiarazione la FA.

“Si è inoltre affermato che il commento costituisce anche un ‘aggravata, violazione,’ che è definito in FA Regola E3(2), in quanto si fa riferimento all’origine etnica e/o colore e/o di gara e/o nazionalità.”

Sampson ha tempo fino al 6 dicembre per fornire una risposta alla carica.

Stevenage custode boss Mark Sampson è stato accusato con l'utilizzo di un linguaggio razzista.

Saccheggiata dai Inghilterra

Al momento delle accuse, Stevenage ha condotto un’indagine interna che ha concluso le rivendicazioni aveva “priva di fondamento.”

La CNN ha raggiunto fuori a Stevenage, ma il club deve ancora commentare le ultime spese.

Sampson è stato precedentemente licenziato dal suo ruolo nella squadra nazionale femminile boss nel 2017 per “inadeguato e inaccettabile il comportamento” verso i giocatori di sesso femminile in un ruolo precedente.

Prima del suo licenziamento, Sampson è stato cancellato di irregolarità a seguito di discriminazione affermazioni fatte da giocatori inglesi, tra cui Eniola Aluko e Drew Spence.

Ha negato le affermazioni, ma indipendente avvocato governato Sampson fatto inaccettabile “mal giudicato tentativi di umorismo” in due occasioni.

Il FA scusa per Aluko e Spence oltre i commenti che sono stati ritenuti “discriminazione per motivi di razza”.

Sampson ha poi raggiunto un accordo con la FA più il suo caso per ingiusto licenziamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *