Qatar Coppa del Mondo di copertura è stato ingiusto, dice 2022 chief executive


Chiamato come ospite nel 2010, il Qatar è stato raramente fuori dei titoli sul suo rispetto dei diritti umani, il suo divieto dell’omosessualità, le accuse di corruzione nel modo in cui la Coppa del Mondo 2022 è stato assegnato e il fatto che il torneo è stato spostato per l’inverno a causa delle alte temperature estive.

Il Qatar ha sempre negato qualsiasi male durante la Coppa del Mondo processo di offerta.

“Penso che siamo stati l’aspettava,” Nasser Al Khater ha detto alla CNN Sport Amanda Davies a Doha, come egli si riflette sul livello di critiche dirette al Qatar. “Non credo che ci aspettavamo, la gravità di esso.

“Sappiamo per certo che ogni evento importante ha la sua giusta quota di critiche”, ha aggiunto. “È basata sulla realtà? È basata sulla percezione? È basata sulla vendita di titoli? Sappiamo riconoscere che.

“Qatar è stato trattato ingiustamente? Sì, a mio parere, molto. Credo che il Qatar è stato giudicato dalla corte di percezione molto presto.”

Al-Khater è affiancato dal Brasiliano, due volte campione del Mondo di Cafu (al centro) e il Segretario Generale del Comitato Supremo per la Consegna & Eredità Hassan Al-Thawadi (a destra).

I lavoratori migranti

Il più ricco del mondo-pro-capite di un paese nel mondo, il Qatar è stato ferocemente criticato sulla sua legislazione in materia di lavoro e di trattamento dei lavoratori migranti, anche se nel mese di ottobre, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro ha annunciato che il Golfo di stato era pronto a scartare il famigerato “kafala” nel gennaio 2020.

Kafala, che lega i lavoratori per i loro datori di lavoro attraverso una sponsorizzazione, significa che sono in grado di lasciare il loro lavoro o il paese senza il loro datore di lavoro il permesso.

OIL che anche detto una nuova legge sarebbe introdotto per stabilire un “non-discriminatorie salario minimo, che si dice sia il primo in Medio Oriente”.
“La proposta di riforma della kafala è potenzialmente molto significativo, nel senso che stanno dicendo che consente ai lavoratori di cambiare datore di lavoro, senza che il datore di lavoro il permesso” Nick McGeehan, direttore della Fiera di Piazza di Progetti, di un’organizzazione che svolge attività di ricerca sui diritti dei lavoratori migranti, ha detto alla CNN Sport.

“Hanno effettivamente fornito alcuni dettagli, questa volta su come intendono farlo-non è solo andare a essere una questione di rebranding kafala (che è fondamentalmente quello che hanno fatto quando hanno già annunciato la sua abolizione nel 2014 e 2016).

“Ma si tratta di una massiccia avvertimento — nessuno ha mai visto il progetto di legge. Tutto ciò che abbiamo è un comunicato stampa, anche se uno che è stato approvato dall’ILO. Così, dato il precedente record su questo sarebbe molto imprudente per offrire qualcosa di molto cauto ottimismo.

“Il permesso di uscita che abbiamo fatto buoni progressi e hanno indicato che presto non si applicano a chiunque. Anche se ancora vale la pena di sottolineare che altri stati del Golfo non hanno questo sistema, in modo che non si avanguardia su questo.

“Il lavoro altre riforme — lo stipendio di pagamento di tutela dei lavoratori al fondo di previdenza, il fast track tribunali, non sono veramente performanti come si suppone.

“Anche tenendo conto del fatto che questi sono relativamente nuovi, sono ancora devastata problemi e mentre costituiscono il potenziale progresso, non c’è ancora alcuna prova che essi hanno smesso di datori di lavoro che sfruttano i lavoratori o significativamente migliorare l’accesso alla giustizia.”

I lavoratori sono raffigurati sui ponteggi al Khalifa International Stadium di Doha.

Calore e umidità

McGeehan dice che la situazione che circonda il lavoratore decessi resta dire con dati non siano stati rilasciati a partire dal 2013.

Nel 2013, il governo del Qatar ha rivelato che il 520 lavoratori provenienti da Bangladesh, India e Nepal è morto nel 2012 — 385 di loro da cause inspiegabili.

L’anno scorso, le autorità di detto osservatorio per i diritti umani che 35 operai erano morti, per lo più da cadute.

“La nuova ricerca che ha elaborato un nesso di causalità tra il calore e le morti, e un secondo rapporto commissionato dall’OIL che supporta la posizione che i lavoratori sono estremamente sensibili al calore”, ha aggiunto.

“Questo è stato pesantemente filata dai Qatarioti e, in particolare, da parte del Comitato Supremo, ma questi fatti sono indiscussi: non sappiamo quanti operai muoiono; sulle evidenze disponibili fino al 75% delle morti inspiegabili; ora c’è un significativo corpo di altamente credibile la ricerca suggerisce che il calore e l’umidità e scarsa tutela da quelli che sono un fattore nel modello di morti.”

Nel Mese Di Ottobre, Qatar detto stava conducendo una revisione sull’impatto dello stress da calore, insieme con l’OIL e il Comitato Supremo per la Consegna & Legacy.

Pur riconoscendo che ci sono state sfide lungo la strada, Al Khater difesa del Qatar record sui lavoratori migranti e kafala.

“Quando si tratta del benessere dei lavoratori, abbiamo alzato la mano molto presto, e disse: ‘Questo è un settore che è difficile e sappiamo che ci deve essere un sacco di lavoro.’

“Nessuno può negare, oggi, e non da noi dicendo questo, ma da enti riconosciuti a livello internazionale, la quantità di lavoro che è andato in legislazione e la quantità di lavoro che è andato per il miglioramento dei lavoratori, le condizioni, i diritti hanno, a mio parere, sono senza precedenti, la velocità del modo in cui le cose sono successe qui.”

Addetti pulizia del sistema di raffreddamento al Khalifa International Stadium di Doha.
Anche lui respinto le affermazioni fatte da Amnesty International, nel suo rapporto, “Tutto Lavoro Niente Gioco“che i lavoratori migranti sono stati ancora sfruttati.

“Non sono d’accordo un po ‘quando dicono che abbiamo fallito”, ha detto in risposta a Amnesty risultati.

“Una cosa quando si tratta di cambiare le leggi e la modifica di comportamenti, è che ci vuole un lungo periodo di tempo. Non accadrà durante la notte. Abbiamo lavorato su questo problema l’analisi di sette, otto anni.

“Nel 2012, abbiamo cominciato esaminando la questione dei diritti dei lavoratori, prendendo le misure necessarie prima di un’organizzazione, facendo in modo che le nostre anatre sono in un ordine e quindi anche di avere discussioni con il governo su come possiamo lavorare insieme e l’adozione di alcune delle cose che abbiamo adottato, che potrebbe essere adottato facilmente dal governo.

“E poi siamo stati molto felici di vedere che la trazione, che il governo aveva sul miglioramento e di attaccare questi problemi erano molte di più di quanto avremmo chiesto il tempo. E quindi, se abbiamo fallito, sono completamente d’accordo con loro.

“Devono rimanere e hanno, nel passato, riconoscere un sacco di miglioramenti, Amnesty ha riconosciuto un sacco di cambiamenti che sono avvenuti nel corso degli anni.”

Diritti LGBT

Al Khater rivolto anche preoccupazioni per quanto riguarda Qatar presa di posizione sull’omosessualità, che è illegale nello Stato del Golfo. Ha detto che tutti gli appassionati sarebbe il benvenuto nel 2022, a prescindere dalla loro nazionalità, razza, religione o orientamento sessuale.

“Non stiamo mettendo le eventuali restrizioni di qualsiasi nazionalità o qualcuno con un rispetto per il loro sesso, di razza, di orientamento, di religione, di partecipare a questa Coppa del Mondo”, ha detto Al Khater.

“Il Qatar è un paese conservatore e il Qatar è un modesto paese. Dimostrazione pubblica di affetto è visto di buon occhio in generale. Quindi quello che vorrei suggerire è dimostrazione pubblica di affetto è presa in considerazione del Qatar, un paese conservatore. E non sto dicendo dimostrazione pubblica di affetto per qualsiasi genere o di qualsiasi orientamento sessuale, sto parlando per tutti”.

Con solo tre anni per andare fino a quando la Coppa del Mondo 2022, messa a fuoco e l’attenzione è probabile un aumento su Qatar è in corsa per il torneo.

“Penso che di giorno in giorno man mano che il torneo si avvicina sempre di più come le promesse, come più persone iniziano a interessarsi e iniziare a fare un passo indietro e iniziare, penso che c’è stato un sacco di tempo in cui alcune persone hanno fatto un passo indietro e dire, ‘diamo un’occhiata a questo, oggettivamente,”http://rss.cnn.com/”, ha detto Al Khater.

“Penso che le cose hanno cominciato a cambiare. Percezioni hanno iniziato a cambiare.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.