Google sta inserendo un feed di notizie audio algoritmiche sul suo Assistente


Google lo è implementare un nuovo servizio per Google Assistant che sta chiamando "Your News Update". Prende l'idea di un feed di notizie determinato algoritmicamente – il tipo che ottieni da Facebook o sul feed di notizie di Google – e lo trasforma in un flusso audio. Per riprodurlo, chiedi semplicemente a un oratore o assistente intelligente di Google sul tuo telefono di "ascoltare le notizie".

Google utilizza le informazioni che hai appreso su di te nel corso degli anni insieme alla tua posizione per creare su misura una serie di brevi aggiornamenti di notizie dai partner da cui ha ottenuto la licenza audio. Spera di promuovere un ecosistema che chiama "il web audio", secondo Liz Gannes, product manager di Google delle notizie audio. Questi non sono podcast tanto quanto morsi di notizie, simili agli aggiornamenti di notizie orari che possono essere ascoltati alla radio.

Il tuo aggiornamento delle notizie sostituisce il modo attuale di ottenere gli aggiornamenti delle notizie dall'Assistente, che consiste in un semplice elenco di fonti di notizie. Con quel sistema, devi scegliere quali fonti vuoi e in quale ordine vengono riprodotte.

Prima, avresti dovuto chiedere le notizie e ascoltare l'aggiornamento orario da NPR, quindi Il quotidiano a partire dal Il New York Times, quindi CNN (o qualsiasi altra fonte di notizie tu scelga). Ora sentirai singoli morsi di notizie specifici per argomento dai partner di notizie di Google. E invece di andare in bicicletta ogni ora o ogni giorno, giocherà in base a questi argomenti.

Google afferma che una volta che il tuo aggiornamento delle notizie sarà attivo, gli utenti potranno scegliere tra il nuovo sistema o quello originale.

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=AHfZhZkfJ4U?rel=0 (/ embed)

Google ha concesso in licenza audio da una varietà di fonti di notizie, tra cui ABC, Cheddar, The Associated Press, CNN, Fox News Radio, PBS, Reuters, WYNC e un gruppo di stazioni radio locali. Può quindi identificare il contenuto delle notizie di tali punti vendita leggendo i metadati specifici che creano per le loro storie e usando i suoi computer per ascoltare le storie stesse. Google ha pagato i suoi partner per lavorare con l'azienda per creare le loro storie in questo formato.


Google

Audio in mano, Google può quindi organizzarlo in un feed di notizie per te, proprio come organizza un feed di notizie sul web. Per ogni storia, l'outlet che l'ha prodotta viene letto prima che inizi. Inizia con una o due storie nazionali o internazionali di alto livello, passa a storie locali, quindi tende a recitare storie che hanno maggiori probabilità di essere rilevanti per i tuoi interessi. (Per me, ciò significava storie sui Minnesota Vikings e sulla tecnologia.) Dopo un po ', le storie cambiano formato da brevi aggiornamenti da uno a due minuti in storie più lunghe e più simili a un podcast.

Se suona molto simile a quello che ottieni dall'app NPR One, è perché lo è. Ma Google sta attingendo da un pool più ampio di fonti e NPR non è una di queste. Questo è uno dei motivi per cui non userò il nuovo sistema di Google.

Ma il problema principale che ho con questo tipo di feed di notizie è che mentre un elenco algoritmico di storie ha senso su uno schermo, è incredibilmente fastidioso quando si tratta di un flusso lineare di audio. Su uno schermo, puoi scansionare rapidamente e leggere titoli e fonti, selezionando e scegliendo ciò che preferisci. Su un feed audio, devi abbaiare costantemente "Ehi Google, salta" se ottieni una storia che non corrisponde.

Temo inoltre che, come per i feed di notizie sul Web, questo nuovo feed di notizie audio rafforzerà le bolle dei filtri. Gannes afferma che "l'obiettivo di questo è in realtà lo scoppio della bolla di filtro, in un certo senso, perché non sta ascoltando tutte le notizie da un fornitore." Ho sentito da fonti di notizie che non avrei mai cercato attivamente in passato.

La visione a lungo termine di Google è ammirevole. Spera di promuovere un vivace ecosistema di notizie audio apertamente disponibili sul Web in modo da poter avere storie audio che possano essere scoperte come le storie di testo. Ma c'è un problema significativo con l'uovo e la gallina: finché non ci sono più fonti che lavorano con Assistant e non può imparare abbastanza sugli utenti per fornire le storie giuste, non può eguagliare l'esperienza di scegliere semplicemente il tuo fornitore di notizie preferito e trasformarlo su.

In teoria, se salti abbastanza storie o fonti, l'algoritmo di Google imparerà le tue preferenze. Puoi anche sfidare il sistema di impostazioni arcane e impenetrabile dell'Assistente Google per trovare le preferenze per il tuo aggiornamento delle notizie e dare priorità o disattivare l'audio a diverse fonti di notizie.

Forse, se un numero sufficiente di utenti lo fa, Google potrebbe essere in grado di avviare un circolo virtuoso di offerta e domanda di storie audio (e si spera, nel processo, emergerà un modo migliore per monetizzare tutto ciò). Per quanto mi piaccia quella visione, l'ultima cosa che voglio fare prima di prendere il mio caffè mattutino è partecipare a una sua prima versione che sembra più un beta test che una trasmissione di notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *