Venezia chiude Piazza San Marco, come l’acqua alta minaccia di nuovo | notizie dal Mondo


Venezia ha chiuso Piazza San Marco prima del previsto terza inondazioni in meno di una settimana, la pioggia che ha sferzato il resto d’Italia e sono stati emessi avvisi di Firenze e Pisa.

Venezia, previsione di un ‘ “acqua alta”, o l’acqua alta, di 160cm (oltre 5 metri) per domenica, inferiore a quello di martedì 187cm – il livello più alto la metà di un secolo, ma ancora pericoloso.

“Massima attenzione per l’odierna marea”, ha annunciato il sindaco della città, Luigi Brugnaro, che ha stimato i danni finora dall’invasione di acqua salata in oltre 1 miliardo di euro.

“San Marco è chiuso. Prima di tutto la sicurezza”, ha detto come l’acqua di mare ha cominciato a inondare il già devastato storico della città, dove le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza.

A sud, in Toscana, il presidente, Enrico Rossi, ha scritto su twitter un messaggio di avviso di un “onda di piena” sull’Arno e disse: pannelli sono stati installati nel fiume in piena banche Pisa “come misura precauzionale”.

Media italiani hanno mostrato di paracadutisti contribuendo a rafforzare fiume difese di Pisa, con le autorità di monitoraggio lo stesso fiume a Firenze, dopo la pioggia reso salire drammaticamente durante la notte.

Arno inondazioni che hanno devastato gioiello Rinascimentale di Firenze nel 1966, uccidendo circa 100 persone e la distruzione di migliaia di opere d’arte inestimabili. Le unità della protezione civile di Firenze consiglia ai cittadini di non sostare in prossimità di la dal fiume Arno.

La rinnovata minaccia di eccezionale intensità alta marea a Venezia è arrivata dopo una breve tregua nella giornata di sabato.

I lavoratori del pronto soccorso rimosso piattaforme temporanee da piazza San Marco, come l’acqua ha cominciato a salire di domenica, con solo la polizia e i soldati visibile intorno a mezzogiorno.

Il sito turistico importante era già stato chiuso per diverse ore il venerdì, come forti temporali e venti flagellato la regione, lasciando sommerso dalle mareggiate.

Chiese, negozi e case sono state sommerse nella città, un sito patrimonio mondiale dell’Unesco.

Una massiccia infrastruttura di progetto denominato Mose è in corso dal 2003, per proteggere la città, ma il multimiliardario euro progetto è stato afflitto da sovraccarichi di costo, scandali di corruzione e ritardi.

“Non ci aspettavamo acque alte per essere così eccezionalmente alta,” ha detto Guido Fulgenzi, che aveva intenzione di aprire il suo caffè di piazza San Marco questa settimana.

“Stiamo pagando i prezzi (per il progetto Mose non completato)”, ha detto, rovesciare intorno nel suo invaso la cucina e punta a martedì segno dell’acqua alta sulla parete.

La crisi ha spinto il governo a rilasciare €20 milioni (£17m) fondi per affrontare la devastazione.

Il ministro della cultura, Dario Franceschini, ha avvertito il compito di riparare la città, dove più di 50 chiese hanno subito danni, sarà enorme.

I residenti le cui case sono state colpite sono ammissibili per un massimo di €5.000 immediato di aiuti pubblici, mentre il ristorante e proprietari di negozi possono ricevere fino a €20.000 e applicare per di più in seguito.

La maggior parte delle città (bancomat), non sono più di lavoro a causa dell’acqua, rendendo la vita ancora più difficile per i turisti e Veneziani.

I residenti più anziani che ricordano il famigerato acqua alta del 1966, quando l’acqua è salito a un livello di 1,94 m, dicono che non hanno visto le frequenti inondazioni prima.

Alberghi segnalati prenotazioni annullate, alcuni come anticipo dicembre, dopo l’ampia diffusione di immagini di Venezia sott’acqua.

Martedì acque alte sommerso circa l ‘ 80% della città, hanno detto i funzionari.

Molti, tra cui il sindaco di Venezia, hanno dato la colpa del disastro su riscaldamento globale e ha avvertito che il paese di catastrofe naturale deve svegliare per i rischi derivanti da una sempre più volatile stagioni.

La Serenissima, la città galleggiante che si chiama, è di casa a 50.000 residenti, ma riceve 36 milioni di visitatori ogni anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *