Lieve tregua per Venezia sotto le acque, Firenze e Pisa in avviso


Il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, ha lanciato domenica un avviso circa il rischio di esondazione del fiume Arno.

Il Mondo con AFP Pubblicato oggi a 18h35

Tempo La lettura di 1 min.

Venezia, Italia, 17 Novembre.
Venezia, Italia, 17 Novembre. MANUEL SILVESTRI / REUTERS

Devastato dalle alluvioni, dalla scorsa settimana, Venezia, ancora una volta, ha subito un’alta marea di domenica 17 novembre, ma è stato di minore entità. Gli avvisi sono stati emessi per la città di Firenze e di Pisa, a causa della pioggia incessante che ha colpito l’Italia.

L ‘”acqua alta” è pari a 1,50 metri domenica, lontano dietro il picco di 1,87 m martedì, che ha colpito il Sereno, inondato da allora, e le cui immagini hanno fatto il giro del mondo. “L’acqua ha smesso di fino “, ha twittato il sindaco della città, Luigi Brugnaro. L’iconica piazza San Marco, è stato riaperto entro la fine della giornata.

Venezia il fenomeno dell'acqua alta inondazioni, 13 novembre 2019
Venezia il fenomeno dell’acqua alta inondazioni, 13 novembre 2019 Il Mondo

Le previsioni meteo di includere le maree non superiore a 110 cm per i prossimi giorni, che dovrebbe consentire di lake city per valutare i danni, già stimato dal comune per oltre un miliardo di euro.

Leggi anche : A Venezia la gente, sotto shock per la violenza dell’alluvione

“Una misura precauzionale “

Più a sud, in Toscana, a Firenze e Pisa erano posizionati in uno stato di allerta a causa della minaccia delle acque. Il presidente della regione Enrico Rossi ha lanciato sul social network Twitter un avviso circa il rischio di esondazione del fiume Arno. Ha anche messo in chiaro che i pontoni era stato installato su banche a Pisa, “per precauzione “.

Il fiume Arno, a Firenze, il 17 novembre.
Il fiume Arno, a Firenze, il 17 novembre. Claudio Giovannini / AP

L’esercito italiano ha twittato la foto di militari consolidare le rive del fiume Arno, che scorre anche attraverso Firenze, e le cui acque sono pericolosamente montato nella notte dal sabato alla domenica. La protezione civile ha consigliato alla gente di non approccio rive.

Il museo della città era stata devastata nel 1966 da alluvioni mortali, che aveva fatto centinaia di morti e distrutto capolavori di inestimabile valore Rinascimento. I vigili del fuoco hanno twittato un video di una delle loro imbarcazioni andare al salvataggio di persone intrappolate dalle acque in provincia di Grossetano, nel sud della Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *