Instagram fattore di influenza ottiene quattro anni di carcere per i clandestini procedure di cosmetici


Michael Rehaag, un portavoce del tribunale distrettuale di Bochum, ha detto alla CNN il 29-year-old donna ha confessato di iniezione di acido ialuronico come filler nelle labbra e nasi di almeno 35 donne.

La gravidanza di social media star, che non può essere denominato in tedesco per la legge sulla privacy, ha avuto 100.000 Instagram seguaci, Rehaag ha detto alla CNN.

Ha utilizzato la piattaforma di social media per pubblicizzare i suoi servizi, tra il 2017 e aprile 2019, la carica tra i 300 e i 450 Euro ($330 $495) per le iniezioni, che inizialmente ha svolto nel suo salotto.

Più tardi, i trattamenti sono stati effettuati in hotel suites “, dove una stanza è stato utilizzato come una sala di trattamento e l’altro come una sala di attesa per i clienti,” Rehaag detto.

“La corte ha anche imparato che alcuni trattamenti sono stati effettuati in una stanza privata a discoteche.”

Ha aggiunto: “Il giudice ha detto che il termine “igiene ordinanza’ era sconosciuto alla donna. Le misure di base in questo campo, che sono assolutamente necessari e inevitabili sono state disattese qui — come indossare dei guanti, indossare una mascherina chirurgica, utilizzando disinfettanti.”

Instagram è ora di test nascondere piace in tutto il mondo

La corte ha sentito parlare di almeno 35 casi, e pubblici ministeri ha detto che ci sono probabilmente più.

“Molti dei suoi clienti più tardi si lamentava di complicazioni dopo le loro procedure, che variava da gonfiore e ammaccature,”http://rss.cnn.com/” Rehaag detto.

La donna lordo di pagamento è stato stimato a circa $500,000.

Il fattore di influenza è stata inoltre condannata a rimborsare circa $73,800 in tasse non pagate.

Lei è stato temporaneamente rilasciato dalla prigione di partorire prima di servire il resto della sua frase, Rehaag confermato.

Un secondo processo, a Bochum, la corte distrettuale è attualmente in corso contro la donna cugino, che è di fronte a simili accuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *