“Una diga di oltre il 95% non viene utilizzato per nulla “


Durante la chat, Jérôme Gautheret, corrispondente del “Mondo” in Italia, ha risposto alle domande circa l’alta marea che ha devastato Venezia, mercoledì.

Pubblicato oggi a 15h39, aggiornati a 16h02

Tempo La lettura di 7 min.

Articolo riservato agli abbonati

A Venezia, il 15 novembre, 2019.
A Venezia, il 15 novembre, 2019. Luca Bruno / AP

La città di Venezia è stata devastato, mercoledì 13 novembre, con il peggiore alta marea in cinquanta-tre anni, un acqua alta eccezionale 1,87 metri. Mentre una nuova ondata di acqua è previsto per questo venerdì, Jérôme Gautheret, corrispondente al Mondo in Italia, ha risposto alle domande degli utenti del Monde.fr.

Bosco : il disastro è un “incidente” come ci può essere di uno ogni cinquanta anni, o un segno di reale cambiamento climatico ?

Jérôme Gautheret : L’evento, nella notte di martedì è eccezionale, in quanto non è solo a causa dell’alta marea, le forti piogge degli ultimi giorni e le basse pressioni, ma anche a una grande folata di vento (scirocco) che ha chiuso laguna in altoacqua alta. È per questo motivo che le previsioni sono di solito molto affidabile servizio di monitoraggio in laguna sono stati rivisti in un disastro. Questo “cocktail” è soddisfatta solo in via eccezionale. Ma la linea di fondo è che gli eventi eccezionali moltiplicare, ovunque nel mondo.

Leggi anche Venezia sta vivendo un nuovo picco di alta marea

Questo venerdì mattina, il livello dell’acqua è tornato a 153 centimetri, secondo le cifre ufficiali, ma la recessione è dovuta per riprendere. C’era poco vento, e i prossimi giorni dovrebbero essere più tranquillo. Una forte raffica di vento ha annunciato per domenica, ma in generale il livello dell’acqua dovrebbe abbassare un po’. Sembrerebbe che il peggio sia passato, almeno per i prossimi giorni. La “stagione” di acque alte breve, di solito, dalla metà di ottobre alla fine di aprile.

TomA : Dove è il progetto del MOSE ? Non e ‘ dovuto per proteggere la città da questo tipo di evento eccezionale ?

La costruzione del MOSE (Modulo sperimentale elettromeccanico, “modulo sperimentale elettromeccanico “) ha iniziato più di quindici anni, a tre passi, che collega la laguna al mare Adriatico (Lido-San Nicolò, Malamocco e Chioggia), diverse isole artificiali sono state sollevate, e il progetto continua ad andare avanti. Ma il problema è che una diga dovrebbe essere finito al 100% per entrare in attività. Anche a 95 %, non sempre serve a nulla.

Siger : un Sacco di Veneziani punto del canale della Giudecca che è stato scavato per ottenere il vapore e il progetto MOSE, che si sta sgretolando sotto i poveri lavorazione e la corruzione. Vuoi avere informazioni su questi argomenti ?

Il problema è che qualsiasi intervento umano nella laguna provoca una serie di effetti sconosciuti, e che tutto questo è così complesso che non si sa mai cosa succederà. Che immaginare all’inizio della costruzione del MOSE nuove specie di uccelli sarebbe arrivato in laguna ? Ma la laguna di Venezia, così come è oggi, è tutt’altro che un ambiente naturale. È stato creato nel corso dei secoli da una serie di interventi umani (diversione dei fiumi, costruzione di dighe, di fronte al mare Adriatico, tra Pellestrina). Lo scavo di un canale sempre provoca effetti indesiderati, ma non ha alcuna influenza sul l’altezza delle maree.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *