a Venezia, la gente sotto shock per la violenza dell’alluvione


La rimozione dell’acqua, mercoledì, ha rivelato una città martoriata e, senza dubbio, più di un miliardo di euro di danni. La basilica di San Marco è passato per un soffio dell’apocalisse “.

Da Jérôme Gautheret Pubblicato oggi 06h54, aggiornati 06h57

Tempo La lettura di 6 min.

La cripta della basilica di San Marco a Venezia, in Italia, il 13 novembre.
La cripta della basilica di San Marco a Venezia, in Italia, il 13 novembre. MARCO BERTORELLO / AFP

Se Venezia ha da morire, un giorno, questo inizierà probabilmente come questa. Improvvisamente, una sirena, le sorgenti dei relatori e suoni nel centro della città, per annunciare il prossimo aumento dell’acqua, nel giro di tre ore. In questo momento, tutti i Veneziani dietro l’orecchio, in attesa del secondo segnale modulato, che arriva pochi secondi dopo, e indica la grandezza del diluvio.

Quando l’allarme è ancora un tono, l’avviso è assenza di gravità : l’acqua dovrà superare solo la valutazione di 110 pollici sulla piccola osservazione stazione di punta della Salute, all’ingresso del canal grande. L’acqua frôlera il bordo di un paio di fondamente (docks di Venezia), ma non invadere la piazza San Marco, e un paio di strade intorno. In questa fase, l’acqua alta è poco più che un divertimento. Non si preoccupa molte persone, pulisce i canali più stretti, e consente ai turisti di fare belle foto.

Leggi anche In Italia, Venezia è interessata da un “alta marea” storico

Ha due toni, l’acqua vincere un quarto della città, e sarà necessario conoscere la geografia del centro di scegliere il suo percorso. L’attività economica è rallentata, alcuni luoghi sono chiusi, ma l’allerta rimane abbastanza insignificante. Dispone di tre toni, incomincia : l’acqua deve superare la valutazione di 130 centimetri, insinuandosi nelle sale dell’edificio, e i negozi che non sono state sufficientemente avanzata.

Se la suoneria, quattro toni di suono, quindi, non più scherzando. Il diluvio si supera il rating di 140 centimetri, che sono sinonimo di eccezionale alluvione. Più di metà della città è sotto l’acqua, il metallo barriere poste all’ingresso degli edifici perdono la loro utilità. Venezia è in balia degli eventi, e tutto può succedere.

Altezza incubo

Nel tardo pomeriggio di martedì, i toni sono stati emessi. Poi l’acqua ha continuato a salire, fino a raggiungere, poco prima delle 23 ore, passo l’incubo di 187 centimetri. Un tale livello, il che significa che la place Saint-Marc, un gioiello della città, è sotto quasi un metro di acqua, non era stato raggiunto dal” acqua granda ” del 4 novembre 1966 (194 cm), con più di mezzo secolo.

Infine, l’acqua ha iniziato lentamente a ritirarsi, lasciando dietro di sé una città livida, probabilmente più di un miliardo di euro di danni, e, nella popolazione, un misto di amaro rabbia e sgomento.

Mercoledì in tarda mattinata, quando divenne evidente le caratteristiche sconfitto e con voce tremante per una conferenza stampa improvvisata, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, di solito bravache, ha voluto scusarsi con i suoi concittadini, prima di assicurare che avrebbe fatto ogni sforzo per raggiungere la sicurezza della città, è stato promesso cinquant’anni fa, ma mai realizzato. “Abbiamo bisogno di dimostrare che ce la faremo “ha lanciato, prima di affermare che, nel caso, “ci giochiamo la nostra credibilità internazionale “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *