A Venezia, i turisti e i locali sono stati sorpresi dall’alluvione


Un invaso Piazza San Marco, è raffigurato durante un periodo di stagione, acqua alta a Venezia, Italia 12 novembre 2019. REUTERS/Manuel Silvestri

MANUEL SILVESTRI / REUTERS

Pubblicato oggi a 07h11, aggiornati 07h47

Persone a piedi su un podio allestito per l'occasione di
Persone a piedi su un podio allestito per l’occasione di “alta marea” si è verificato in Venezia, Italia, il 12 novembre. LUCA BRUNO / AP

Un’alta marea di grandezza senza precedenti, in oltre mezzo secolo ha colpito, martedì, 12 novembre, su Venezia, che sorprende i turisti che erano a pagaiare nelle strette strade allagate, mentre un potente scirocco era infrangersi delle onde sulla place Saint-Marc.

Piazza San Marco allagata.
Piazza San Marco allagata. MANUEL SILVESTRI / REUTERS
I turisti portare i bagagli nelle strade dove il livello dell'acqua è montato a un livello eccezionale, il 12 novembre.
I turisti portare i bagagli nelle strade dove il livello dell’acqua è montato a un livello eccezionale, il 12 novembre. LUCA BRUNO / AP

Questo acqua alta (alta marea) in circolazione, pari a 1,87 metri, il livello più alto negli ultimi cinquanta-tre anni, è atterrato in serata a la città dei Dogi, nel nord-est d’Italia, a partire sirene di allarme. Il fenomeno è stato almeno un decesso che, secondo i media italiani : un Veneziano di 78 anni, muore nel suo appartamento allagato.

Evento raro, inoltre, il vestibolo (nartece) della basilica di San Marco, un gioiello della repubblica di venezia, è stato inondato di martedì. Il procuratore dell’edificio, Pierpaolo Campostrini, ha organizzato le torri di guardia nella notte, per monitorare l’innalzamento delle acque.

L '
L ‘”acqua alta” che le alluvioni spesso nelle basse zone della città tra cui piazza San Marco, e può essere amplificato da scirocco, come è avvenuto nella serata di martedì. LUCA BRUNO / AP
Venezia è regolarmente colpiti dal fenomeno delle
Venezia è regolarmente colpiti dal fenomeno delle ” acque alte “, i picchi di marea particolarmente pronunciati che causa l’abbandono di una più o meno gran parte dell’area urbana di isole. MANUEL SILVESTRI / REUTERS
Questa è la seconda più alta marea registrato a Venezia dall'inizio delle rilevazioni nel 1923, dietro di 1,94 metri osservato il 4 novembre 1966.
Questa è la seconda più alta marea registrato a Venezia dall’inizio delle rilevazioni nel 1923, dietro di 1,94 metri osservato il 4 novembre 1966. MARCO BERTORELLO / AFP
Nel sontuoso palazzo Gritti, che è andato giù a Ernest Hemingway, da Elizabeth Taylor e Richard Burton, le acque sopra il bar e i divani in velluto e minacciato arazzi e libri correlati.
Nel sontuoso palazzo Gritti, che è andato giù a Ernest Hemingway, da Elizabeth Taylor e Richard Burton, le acque sopra il bar e i divani in velluto e minacciato arazzi e libri correlati. MARCO BERTORELLO / AFP

L’innalzamento dell’acqua ha sommerso le terrazze dei caffè, l’assunzione di tavoli e sedie lungo le strade. Il gateway di hotel storico situato lungo il Canal grande sono state spazzate via dalle onde, inoltre, i clienti del taxi, imbarcazioni sono state ridotte a entrare nei locali attraverso le finestre.

MANUEL SILVESTRI / REUTERS
MARCO BERTORELLO / AFP
MARCO BERTORELLO / AFP

Per proteggere la città da questa calamità, che alterano ogni volta un po ‘ di più il suo patrimonio artistico, il progetto MOSE (acronimo di modulo sperimentale elettromeccanico, e il significato di Mosè in italiano) è in fase di costruzione dal 2003, ma il costo aggiuntivo e i difetti che hanno causato numerosi ritardi. Il progetto consiste nell’installazione di 78 dighe galleggianti che saranno allevati fino a chiudere la laguna in caso di un rialzo del mare Adriatico.

“Venezia continua ad essere afflitta da acqua eccezionalmente alto. L’anno scorso, quest’anno è la stessa cosa.”ha detto il sindaco, Luigi Brugnaro. “Chiediamo al governo di intervenire e di spiegare dove è l’organizzazione, il MOSE, perché c’è il rischio di essere presto non più molto a che fare con esso,”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *