Sheki: Azerbaijan via della Seta della città Patrimonio Mondiale dell’umanità


Nota dell’editore — Nota dell’Editore — la CNN Travel serie spesso portano sponsorizzazioni provenienti da paesi e regioni profilo. Tuttavia, CNN mantiene il completo controllo editoriale su tutti i suoi rapporti. Leggere la politica sulla privacy.
(CNN) — Prima Azerbaigian era famoso per l’olio, era una terra di seta e spezie.

Al crocevia tra Europa e Asia, confina con il Mar Caspio e le Montagne del Caucaso, è stato un’importante arteria della via della Seta, le antiche rotte commerciali che collega Est e Ovest.

Dal 19 ° secolo, Sheki, sulla via della Seta il percorso attraverso il nord-ovest dell’Azerbaigian, è stato un centro internazionale per la produzione della seta.

Oggi, è uno dei Azerbaigian più suggestive della città, vie lastricate e architettura medievale: un fresco, bucolico ritiro dal più aride del sud.

È in gran parte stati fuori la maggior parte dei turisti radar, ma che potrebbe essere destinato a cambiare: Nel mese di luglio 2019, il suo centro storico e Khan Palace sono stati inseriti dall’UNESCO nella lista del Patrimonio Mondiale.

Caravanserraglio strada locande

Alta nelle Montagne del Caucaso, al riparo dal mondo, dalla foresta, montagne coperte, passando per i commercianti e i loro beni, carichi di animali, dovrebbe fermarsi qui, sul loro modo di Tbilisi Baku o e pernottamento in una delle cinque caravanserraglio.

Questi stradale locande erano una volta tratteggiata lungo le vie della Seta, e di oggi viaggiatori Azerbaijan-ci sono stati un record di 2,8 milioni di turisti internazionali nel 2018 — può riposare la testa in un autentico del 18 ° secolo, caravanserraglio, il Yukhari Karavansaray Hotel.
Foto relative a Sheki, Azerbaigian storia da Maureen O'Hare

Sheki è un rifugio di montagna nel nord del Paese.

Maureen O’Hare/CNN

Un mini fortezza a metà M. F. Axundov Strada in Sheki Città Vecchia, l’accesso all’hotel è attraverso un imponente originali in legno porta.

All’interno si trova un doppio livello arcade di archi intorno a un tranquillo cortile centrale che dei commercianti di cammelli erano una volta legata, ma che ora è punteggiato di alberi e zona punti.

Le camere sono al primo piano e mentre innegabilmente spartan — gli arredi e le strutture per i media possono risalire al paese Sovietico zona, con prezzi a partire da soli 30 Manats (circa $18 a notte, è un piccolo prezzo da pagare per un’autentica esperienza storica.

Le camere’ ad arco in muratura, soffitti e le finestre piccole significa che non c’è bisogno di aria condizionata in estate, anche se gli inverni possono riferito ottenere un po ‘ di freddo.

Ci sono più lussuoso di opzioni di alloggio per coloro che scelgono di soggiornare altrove, ma ancora pagare una visita al caravanserraglio.

Giorno escursionisti possono esplorare il cortile tra mezzogiorno e le 7 di sera, ma durante la notte gli ospiti hanno il posto a se stessi venire la mattina e la sera.

C’è un grande giardino, ristorante, nonché un suggestivo con pareti in pietra, la casa del tè.

Il Palazzo di Sheki Khan

A pochi passi su per la collina è Sheki top attrazione turistica, il palazzo d’estate di Sheki Khan, che ha governato questo angolo del Caucaso tra il 1743 e il 1819.

Costruito alla fine del 18 ° secolo, questo edificio di due piani, ha una straordinaria ornato di interni ed esterni.

Legno russa, francese tesi di vetro, Ottomano, ceramiche e Iraniano mirrorwork tutto è andato nella costruzione di questa piacevolmente immagine perfetta e simmetrica capolavoro.

La facciata è ricoperta in gran parte da un mosaico di vetro multicolore situato in un reticolo di legno, chiamato shebeke, costruito senza chiodi o colla. Esempi di shebeke arte può essere trovato in tutto Sheki.

All’interno, le sei camere sono interamente ricoperte di meravigliosi affreschi raffiguranti fiori, fauna, battaglie e scene di caccia.

L’invasione russa dell’inizio del 19 ° secolo può mettere fine al khanato ma il artigianalmente palazzo e giardino al di là di essere sopravvissuto intatto per deliziare i visitatori per le generazioni da allora.

Di lingua inglese tour possono essere organizzati in anticipo.

Foto relative a Sheki, Azerbaigian storia da Maureen O'Hare

Il Museo delle tradizioni Popolari e delle Arti Applicate, una piccola raccolta di reperti storici.

Maureen O’Hare/CNN

Come si addice alla natura cosmopolita di questa città commerciale, Sheki ha una lunga storia di diversità religiosa, con molte chiese e moschee della regione.

A pochi chilometri A nord della città, la Chiesa di Kis — completato nel primo secolo CE e utilizzato più di recente, come Caucasica chiesa albanese-è uno dei più antichi del paese.

Ci sono negozi di souvenir fodera Sheki strade principali vendita di ceramiche, samovar e sciarpe fatte di comune prodotto di firma: la seta.

Foto relative a Sheki, Azerbaigian storia da Maureen O'Hare

I locali, che di testa Aliahmed Dolci per comprare i loro halva e altre prelibatezze.

Maureen O’Hare/CNN

Piti, un grosso spezzatino di carne mangiata con il pane, è la specialità locali, mentre l’halva — sticky trattamento a base di zucchero e noci-è perfezionato presso Aliahmed Dolci.

Fuori città, le strade che una volta servito come la Seta percorsi Stradali sono ancora impegnato con i commercianti.

Mentre Sovietica-nato Zhiguli auto buzz di fianco dei più moderni veicoli, venditori ambulanti vendono tandir il pane, dove la pasta è uno schiaffo dritto sul lato di un forno di argilla, e qutab-la luce-come-aria pasta griddled con verdure e condito con sommacco.

Viaggiatori affamati fermata sul ciglio della strada per mangiare e bere appena fatto il tè a tavoli di fortuna sotto l’ombra che mi alberi.

Con l’Azerbaigian l’introduzione di un nuovo e facile di tre giorni visti nel 2017, il percorso attraverso il Caucaso è quanto mai viva.

Yukhari Karavansaray Hotel, M. F. Axundov strada 85, Sheki AZ5500, Azerbaigian; + 994 55 7555570

Palazzo di Sheki Khan, Sheki 0055, Azerbaigian; +994 55 619 75 88

Aliahmed Dolci, 122 Mirzə Fətəli Axundov küçəsi, Sheki, Azerbaigian; +994 55 842 42 42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *