Lankaran, Azerbaigian: Stalin, faro di prigione e Yanar Bulag fiammeggiante fontana


Nota dell’editore — Nota dell’Editore — la CNN Travel serie spesso portano sponsorizzazioni provenienti da paesi e regioni profilo. Tuttavia, CNN mantiene il completo controllo editoriale su tutti i suoi rapporti. Leggere la politica sulla privacy.
(CNN) — Se un artista per disegnare una mappa di Azerbaigian, la sua parte più meridionale sarebbe coperto nel tè verde, agrumi, arbusti e la linea costiera sarebbe punteggiata da pittoreschi fari.

Lankaran, sul Mar Caspio, è una regione spettacolare che contiene alcune molto particolari segreti. E una nuova strada che la collega alla capitale, Baku, in appena due ore.

Si tratta di un breve viaggio, ma rotolando verso sud attraverso il verde dei campi di Lankaran e la costa, il ritmo di vita è diversa dal resto del paese.

Un cantiere, apparentemente incurante del caldo estivo, è brulicante di lavoro, di frutta e verdura venditori a lato della strada onda energeticamente per attirare l’attenzione di automobili di passaggio per le loro colorate bancarelle, mentre un operaio di campo brucia l’erba secca, causando bianche nuvole di fumo a billow verso il cielo.

Azero cultura del tè nato in Lankaran e la regione mostra con orgoglio le sue caratteristiche. Spesso dal lato della strada si vede la piramide a forma di foglia argento pacchetti riempito fino all’orlo con tè aromatico; quasi come spesso si vede, dove si possono acquistare Levengi pollo — una specialità locale-ed enorme giardini colmi di come molti tipi di agrumi, come puoi immaginare.

Contrasto contro tutto questo una ricca vegetazione, sono le piccole case di mattoncini rossi tipici della zona, sempre con una sorta di edera curling la sua strada verso il lato della casa.

Con una reputazione per la cordialità e l’ospitalità, Lankaranis di solito sono pronti a offrire un po ‘ di tè e pazientemente spiegare come arrivare a tre parti più interessanti di questa affascinante regione.

Faro senza mare

Lankaran, Azerbaigian

Zindan Torre, una volta tenuto Joseph Stalin prigioniero.

Kamilla Rzayeva

Il simbolo di Lankaran città, Lankaran Faro è stato costruito nel 18 ° secolo.

Circondato da piccole case, la struttura è un bel po ‘ di strada dal mare-un fatto che sembra strano fino a quando si capisce che il Mar Caspio, ha avuto livelli di fluttuazione nel corso degli anni. Tanto è guadagnato il soprannome di “il respiro del mar Caspio.”

Un segreto tunnel sotterraneo che collega il faro per il Zindan Torre. Questo edificio abbandonato è stato costruito come parte di Lankaran fortezza ed è stato un elemento cruciale della città, il sistema di difesa.

È facile perdere senza un attento mappa disegnata. Trova subito dopo il piccolo ponte che conduce in centro città, questo vecchio edificio circolare è nascosto da enormi acacie e alberi di fico — con solo la parte superiore della torre è visibile, in cui i rami sporgono delle finestre rotte.

In pre-Sovietica anni, fino agli inizi del 20 ° secolo, Zindan Torre fu utilizzata come prigione e il vecchio edificio sembra cambiato poco da quando presumibilmente tenuto prigioniero uno dei più spietati sovrani nella storia del mondo: Ioseb dze Jughashvili, noto anche come Joseph Stalin.

Stalin è stato detto di essere stato trattenuto qui come un giovane rivoluzionario e, secondo la leggenda, riuscì a fuggire attraverso il tunnel sotterraneo con l’aiuto di Mammad Amin Rasulzadeh, il fondatore dell’Azerbaigian Repubblica Democratica. Ha raggiunto il faro e fatto fuori attraverso il Mar Caspio.

Caduto in abbandono, l’edificio è che purtroppo non è più aperta al pubblico. Le sue mura tenere i loro segreti e, per ora, si può solo peer sopra la spessa parete di alberi di fico, che il blocco di tutte vista di base.

Primavera, dove l’acqua brucia

Lankaran, Azerbaigian

Elevato contenuto di metano significa che questa fontana di acqua ustioni.

Kamilla Rzayeva

Il piccolo villaggio di Archivan, vicino al confine con l’Iran, è un singolare fenomeno naturale: Yanar Bulag, senso di Bruciore di Primavera.

Qui, in acqua, alimentato primavera è colò con gas metano che può essere dato alle fiamme.

Modestamente segnalato all’ingresso del paese, una cupola sfumature acqua della fontana abitanti del villaggio interrompere con caraffe e viaggiatori chiamata a riempire le loro bottiglie d’acqua.

La maggior parte sono qui per raccogliere la fresca acqua ghiacciata, che è del tutto potabile, nonostante la sua insolita proprietà infiammabili.

Nell’intercapedine sotto la molla, un mucchio di angurie sono tenuti rinfrescante freddo.

In termini di colore e l’odore, l’acqua è del tutto normale, ma quando acceso, brucia per cinque a 10 secondi.

Il parco in cui leopardi vagare

Lankaran, Azerbaigian

L’ambiente tranquillo di Hirkan Parco Nazionale.

Kamilla Rzayeva

Un ulteriore viaggio in auto passa villaggi nascosti nella lussureggiante di alberi, vasti campi allontana verso l’orizzonte di montagne, blu grandi alveari e uno di vaniglia tramonto.

La calda aria estiva frusta fino a quando l’ombra di Hirkan Parco Nazionale arriva.

Casa in pericolo persiano leopardi, antica ironwood alberi, e il pittoresco stagni — aree favorite per la pesca, pic-nic e il tè del pomeriggio-il parco è un luogo ideale per escursioni a piedi e per rinfrescarsi dopo una calda giornata.

Nel profondo della foresta, vicino ad un fiume di acqua fresca, è assolutamente privo di rumori della città, circondato solo dal piacevole suono del fiume e il vento che soffia tra i rami di un albero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *