È la televisione italiana, Salvini e Renzi offerto un duello top in colore


Lega capo e l’ex primo ministro sta tentando, uno come gli altri, per recuperare spazio politico per la destra moderata.

Da Jérôme Gautheret Pubblicato il 16 ottobre, 2019 13: 22 aggiornato il 16 ottobre, 2019 a 13h29

Tempo Riproduzione 2 min.

Matteo Salvini sulla scheda
Matteo Salvini sulla scheda “emettere” Porta a Porta ” nel giugno del 2018. ANDREAS SOLARO / AFP

Sia Matteo aveva promesso, per settimane, un dibattito da uomo a uomo per la televisione, per l’ex. Essi sono offerti martedì sera, su Rai1, per un’ora e mezza, nella più classica di tutte : lo studio di ” Porta a Porta “, l’emissione di non rimovibile, Bruno Vespa, spesso definito come “terza camera del Parlamento” dalla stampa, sia una solida reputazione e una sconfitta per un quarto di secolo.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche In Italia, l’ex nemico parti stanno cercando di allearsi a un governo “di tutti, ma Salvini”

Da un lato il capo della Lega (estrema destra) e l’ex ministro degli interni, Matteo Salvini, leader nei sondaggi, ma ancora segnato dalle conseguenze del suo colpo di stato de force perso il mese di agosto, che ha portato alla nascita di un’inedita alleanza tra M5S (anti-sistema) e il Partito democratico (centro-sinistra) con lo scopo di sfrattare l’inquilino.

Nell’angolo opposto, l’ex primo ministro Matteo Renzi, certamente nell’aureola del suo capolavoro tattica dell’estate (era il principale attore della caduta di Salvini), ma indebolito dalla sua impopolarità, e il fallimento del suo recente tentativo di dividere il PD, il suo nuovo partito, ” Italia Viva “, è accreditato con 3% a 4% delle intenzioni di voto.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Italia : perché Matteo Renzi ha scelto di rompere con il Partito democratico

“Il destino dell’Italia “

L’uno e l’altro giocare un ruolo importante nei prossimi giorni. Sabato, davanti alla basilica di San Giovanni in Laterano, il capo della Lega ha invitato le persone del diritto di manifestare la propria opposizione al governo, mentre a Firenze, Matteo Renzi riunirà i suoi sostenitori per il suo incontro annuale, la Leopolda, al fine di dimostrare che è ancora necessario contare con lui.

Bretteurs con esperienza, questi due si conoscono a memoria, e molti osservatori confessare che non odio per se stesso, non tanto. Abbiamo previsto un dibattito nervoso e di alto colore. Egli è stato, al punto di apparire confuso la maggior parte del tempo.

Per Matteo Renzi, Salvini ha sempre approfondire la questione della migrazione – “quando ha detto che c’era un’invasione, ha mentito” – e la sua volontà di imporre un’elezione, questa estate, aveva “né capo né coda “. L’alleanza con i Cinque Stelle ? “Non mi piacciono. Ma ciò che è in gioco è il destino dell’Italia. “

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche In Italia, Matteo Salvini tenta di tornare alle loro radici, per rassicurare la sua base e guarire le sue ferite

Sorprendente simmetria

Di fronte a lui, il leader della Lega risponde con sarcasmo – “Renzi è un genio incompreso, porta la pace nel mondo, lo fa anche crescere i capelli indietro” –e mette in evidenza la sua popolarità : “Se è per il 4% e a me al 33 %, è che le cose positive sono state fatte. “ E anche se si ammutolisce per qualche tempo, la sua opposizione a Bruxelles, continua a presentarsi come il campione dell’indipendenza nazionale, che “non aspettatevi una telefonata dalla Merkel o Macron a sapere quando gli Italiani possono andare in pensione “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *