Sfidare Cosa Nostra: l’uomo che ha acquistato una delle roccaforti della mafia | notizie dal Mondo


La vista dalla terrazza è mozzafiato. Sulla sinistra, il greco antico rovine di Solunto; sulla destra, la splendida Arabo-Normanno della città di Cefalù. Nel centro, un mare cristallino azzurro come il cielo.

Per vent’anni, la Sicilia, il più potente boss della mafia tracciate una serie di omicidi di innumerevoli poliziotti e politici da questo punto, parte di un 400 mq la villa nella località costiera di Casteldaccia, conosciuta come la Miami dei Siciliani mafiosi, a pochi chilometri da Palermo.

Ma i padrini sono scomparse e al loro posto è Gianluca Calì, un anti-mafia uomo d’affari che sta per girare il loro ex roccaforte in una casa di vacanza.





L'imprenditore Gianluca Calì, fotografato nel piccolo porto privato della sua villa, in precedenza di proprietà di un ex boss mafioso del boss Michele Greco, e ora trasformato in una casa per le vacanze



L’imprenditore Gianluca Calì, fotografato nel piccolo porto privato della sua villa, in precedenza di proprietà di un ex boss mafioso Michele Greco, e ora trasformato in una casa per le vacanze. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

La villa, nascosta tra muretti a secco e la vegetazione, è stato vacante per quasi 25 anni, nonostante i simpatizzanti, i sospetti che i locali hanno continuato a servire come la droga e le armi di un deposito o di un nascondiglio per il rapimento vittime. La proprietà ha anche il suo dock; un lusso riservato per una piccola minoranza di abitanti dell’isola. Boss della Mafia poteva liberamente dock loro barche a pochi metri dalla villa, o fare una semplice fuga in caso di un raid della polizia.

Il lavoro è attualmente in corso. In poche settimane, la villa sarà dotata di ricevere fino a 32 ospiti tra le sue 24 camere. La mafia è ancora ricordato, ma con un twist in salotto si blocca un’icona anti-mafia foto di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i due magistrati uccisi nel 1992, dopo le indagini della mafia Siciliana, conosciuto con il soprannome di Cosa Nostra (cosa nostra), ha portato all’arresto di centinaia di mafiosi.





Gianluca Calì contiene le foto dei giudici Falcone e Borsellino, ucciso dalla mafia a Palermo nel 1992



Gianluca Calì contiene le foto dei giudici Falcone e Borsellino, ucciso dalla mafia a Palermo nel 1992. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

Calì, 46, conosce la mafia troppo. Il proprietario di una concessionaria di auto, si può contare il numero di veicoli che ha bruciato negli ultimi 9 anni. “Verso le dieci,” dice, sorridendo nervosamente.

I suoi problemi sono iniziati alla fine del 2010, pochi mesi prima dell’acquisto della villa, quando un anno di successo di auto usate vendite non è passata inosservata a Casteldaccia. “Due membri della locale famiglia mafiosa venuto nel nostro ufficio e ha detto a mio fratello che aveva bisogno di denaro per pagare per il clan e le spese legali. Era una richiesta di protezione di soldi. Abbiamo rifiutato e, poco dopo, hanno incendiato la prima auto”.

Calì ha denunciato l’accaduto alla polizia e ha deciso di investire parte dei suoi profitti in una villa sulla costa di Casteldaccia, che stava per andare all’asta.





La BMW X5 è di Gianluca Calì, bruciato in una mafia attacco nel mese di novembre 2015, è oggi parcheggiate Calì della concessionaria di auto come un anti-mafia memorial



La BMW X5 è di Gianluca Calì, bruciato in una mafia attacco nel mese di novembre 2015, è oggi parcheggiate Calì della concessionaria di auto come un anti-mafia memorial. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

Non aveva idea che il proprietario precedente era stato Michele “Il Papa”, il Greco, il capo dei capi della Cosa Nostra e, per diversi anni, il capo di un gruppo di leader mafiosi chiamato la Mafia Siciliana Commissione.

Greco ha acquistato il terreno nel 1965 e ha costruito la sua residenza estiva c’due anni più tardi. Non aveva scelto il sito per caso. Accanto vissuto il boss Pietro Vernengo, AKA “Bazooka Occhi”, un pluriomicida che aveva sciolto alcune delle sue vittime in acido. A cinquanta metri di distanza vissuto Stefano Bontade, uno dei più potenti boss della mafia Siciliana, in seguito ucciso per il suo compleanno nel 1981.

Greco usato per tenere le riunioni al vertice della Mafia Siciliana Commissione in villa, di pianificazione di alcuni dei più celebri omicidi nella storia italiana. L’uccisione di Pio La Torre, un italiano, leader del partito comunista che ha proposto una legislazione, in associazione Mafiosa, un reato, è stato ordinato sulla terrazza. L’omicidio del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, inviato come prefetto in Sicilia per combattere la mafia, è stato commissionato dal boss mentre rilassante in soggiorno stesso anno.





Vista aerea costa di Altavilla Milicia, a circa 20 km da Palermo



Vista aerea costa di Altavilla Milicia, a circa 20 km da Palermo. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

Ma per il momento Calì capito che la villa, acquistata per il prezzo basso di circa 240.000 euro, era appartenuto al “Papa”, era troppo tardi.

“La polizia mi ha informato che se avessi girato indietro, lasciando la villa nelle mani del Greco eredi, avrei potuto essere accusato di favoreggiamento alla mafia.

“I suoi eredi è venuto a farmi visita un paio di giorni dopo, nel 2010, per dirmi che sarebbe meglio se ho ottenuto fuori del modo. Era una palese minaccia. Che quando qualcosa è scattato. Mi era già stato attraverso i primi attacchi incendiari per aver rifiutato di pagare la protezione di denaro, ma ero determinato a non farli vincere. Ho quindi deciso di trasformare la villa in un anti-museo della mafia e di una casa di vacanza per turisti.”





La villa, visto dall'aereo



La villa, visto dall’aria. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

Calì, si trasferisce a Milano, nel frattempo, e dice di aver perso il conto delle minacce. Nel 2014, un boss locale della mafia, ora un informatore di polizia, ha dichiarato che aveva deciso di sparare Calì con un calibro .45 pistola che di anno in anno. Fortunatamente la polizia lo ha arrestato un paio di giorni più tardi.

Calì dorme con la pistola sotto il cuscino e guida un carro armato, ma lui dice che non ha rinunciato. La sua extortionist, il boss mafioso Antonino Virruso, è stato condannato a 11 anni di carcere lo scorso settembre. Un cartello sul cancello di villa si legge: “In casa, la Mafia ha perso”.





Gianluca Calì assistente all'interno di una delle stanze della villa



Gianluca Calì assistente all’interno di una delle stanze della villa. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

Se gli si chiede se gli ospiti saranno al sicuro per passare la notte lì, dopo i disagi sofferti dall’utente stesso e la sua famiglia, Calì punti a decine di telecamere di sicurezza. “L’unica volta che qualcuno ha cercato di violare, nel 2014, un arresto è stato fatto il giorno seguente.

“C’è anche l’applicazione della legge, la pattuglia che questa zona e proteggere me e i miei clienti. La mafia e la Grecos non dovrebbe spaventare nessuno,” ha aggiunto.

Michele Greco è stato arrestato nel 1986. Ha aderito centinaia di altri imputati in un grande anti-mafia di prova durato sei anni e divenne noto come il Maxi-processo. Greco è stato addebitato con l’ordinazione 78 omicidi e condannato all’ergastolo. Morì in carcere nel 2008, due anni prima di Calì comprato la villa.





Gianluca Calì fotografato all'interno della villa, in precedenza di proprietà di un ex boss mafioso Michele Greco e ora trasformato in una casa per le vacanze.



Gianluca Calì fotografato all’interno della sua villa, in precedenza di proprietà di un ex boss mafioso Michele Greco e ora trasformato in una casa per le vacanze. Fotografia: Alessio Mamo/Custode

Uomini che hanno orchestrato la sua caduta sono le stesse due raffigurato nella foto ora appeso all’interno.

“Mi può fregare di meno quello che il Greco deve essere il pensiero dell’inferno su ciò che è diventata la sua villa”, dice Calì. “Ma io sono fiducioso che, dal cielo, Falcone e Borsellino, proprio come in quella foto, sono piegato dal ridere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *