Microsoft ha scommesso contro Intel con le sue nuove Superfici – e ha perso


L'ultimo hardware di Surface di Microsoft è ora disponibile al mondo ed è chiaro che la più grande scommessa che l'azienda ha fatto con i modelli di quest'anno – un allontanamento dai processori che dominano il mercato di Intel – non è stata ancora delineata.

L'attenzione ai chip non Intel è stata una grande parte dell'annuncio di Surface del 2019 di Microsoft. La società ha fatto di tutto per evidenziare il nuovo processore Ryzen Surface Edition, sviluppato congiuntamente per Surface Laptop 3 da 15 pollici, che è stato ottimizzato appositamente per il design di Microsoft. E Surface Pro X con tecnologia ARM, con un design di nuova generazione e una variante personalizzata del chip Snapdragon 8cx di Qualcomm, avrebbe dovuto rappresentare il futuro di Surface.

Sfortunatamente, le recensioni sono arrivate e l'esperienza ha dimostrato che nessuno di quei chip personalizzati è uscito come sperava Microsoft.


Foto di Amelia Holowaty Krales / The Verge

Cominciamo con il chip Ryzen Surface Edition di Surface Laptop 3 di AMD. Microsoft ha affermato che il nuovo chip doveva offrire velocità più elevate e prestazioni grafiche migliori, in particolare, grazie a un core aggiuntivo. Ma come ha notato il mio collega Dan Seifert nella sua recensione, il chipset AMD ha ancora difficoltà con la maggior parte dei giochi e persino con la riproduzione video 4K di base. Ancora più importante, il chip AMD è stato schiacciato in un contest testa a testa quando si trattava di esportare video contro il Surface Laptop 3 da 13 pollici con tecnologia Intel, che ha più limiti termici a causa delle sue dimensioni ed è più economico del più grande modello.

La rivalità AMD / Intel è di lunga durata nella tecnologia. È stato riacceso negli ultimi anni da un ritardo relativamente stagnante di Intel nella spedizione dei suoi chip di nuova generazione che utilizzano il suo processo a 10 nm, combinato con un AMD in ripresa che in realtà spedisce prodotti competitivi con la sua linea Ryzen. Ha portato a una maggiore concorrenza nello spazio del processore con AMD e Intel che in realtà spingono la testa su prodotti di livello premium come Asus ZenBook 14 o Surface Laptop 3 per la prima volta da anni.

Ma le prestazioni del Surface Laptop 3 mostrano che l'hardware di AMD ha ancora molta strada da fare prima che possa sfidare la supremazia di Intel qui. Intel ha finalmente iniziato a distribuire i suoi chip Ice Lake di decima generazione (presenti nel Surface Laptop 3), che portano a grandi balzi in termini di prestazioni e durata della batteria e sono probabilmente un grande fattore per aiutare Intel a mantenere il comando qui.

Sulla carta, la partnership di alto profilo che AMD ha con Microsoft è uno dei più grandi incubi di Intel: un importante produttore di laptop che dice implicitamente ai clienti che l'opzione approvata da Microsoft per i loro laptop di punta sono i chip AMD, non quelli di Intel. Ma il divario di prestazioni mostra che Intel sembra ancora essere migliore di AMD quando si tratta di potenza pura.


Foto di Vjeran Pavic / The Verge

Poi c'è il Surface Pro X. Più sottile e leggero persino del già compatto Surface Pro 7, è un laptop alimentato da ARM la cui stessa esistenza funge da atto d'accusa per l'incapacità di Intel di entrare nello spazio mobile negli ultimi due decenni. Dotato di un processore SQ1 7nm personalizzato che Microsoft ha costruito insieme a Qualcomm per migliorare specificamente le prestazioni della CPU e della GPU su un normale Snapdragon 8cx, dovrebbe essere l'araldo di un nuovo tipo di computer: uno sottile, leggero, potente e di lunga durata e sempre connesso a Internet.

Ma sentiamo le promesse dei laptop basati su ARM ormai da anni e l'hardware di spedizione non ha ancora rispettato nessuna di queste promesse. Le prime ondate di laptop Snapdragon non sono riuscite a stupire. Qualcomm ha promesso di fare meglio lo scorso dicembre quando ha annunciato l'8cx – un processore dedicato per Windows anziché uno riproposto – ma finora, Surface Pro X è l'unico hardware finora ad essere effettivamente fornito con il chip (o una sua variante ).

Ancora una volta, l'idea è convincente sulla carta. Un laptop in grado di eseguire tutti i normali software per laptop, ma con una durata della batteria lunga giorni, capacità di avvio istantaneo e LTE sempre connesso di un telefono o tablet? Tutto in un computer più sottile e leggero di un laptop tradizionale? Chi non lo vorrebbe?

Sfortunatamente, Surface Pro X sembra dimostrare ancora una volta che il sogno di un laptop Windows basato su ARM è ancora un'idea a metà. La compatibilità delle app è ancora un grosso problema, le prestazioni non sono eccezionali e la tanto decantata durata della batteria non regge e promette. Gran parte di questo è dovuto all'emulazione di app a 32 bit: quando le app sono progettate per funzionare su ARM, Surface Pro X funziona davvero bene. Ma quelle app sono ancora poche e lontane tra loro – l'hardware potrebbe essere qui, ma il software non lo è. E se la storia passata è qualcosa da fare, Microsoft potrebbe avere difficoltà a coinvolgere gli sviluppatori.

Questo è tutto ciò che dovrebbe essere il prodotto di selezione per il computer Windows basato su ARM, un dispositivo creato da Microsoft con un processore personalizzato costruito sulle sue specifiche. Se Microsoft – chi fa Windows e dovrebbe avere un'influenza maggiore sugli sviluppatori che sviluppano nuove app per le sue piattaforme: non è possibile ottenere correttamente un laptop Windows basato su ARM, quale speranza ha Samsung o Dell o qualsiasi altra azienda hardware?


Foto di Amelia Holowaty Krales / The Verge

Microsoft sembra essere consapevole che questi nuovi processori non sono proiettili magici. L'azienda vende ancora superfici basate su Intel in tutti i fattori di forma: il Surface Laptop 3 da 15 pollici offre un processore Intel (almeno per i clienti aziendali) oltre all'offerta AMD. E Surface Pro 7 esiste ancora per offrire chip Intel tradizionali in un dispositivo in stile tablet per coloro che non sono convinti da Surface Pro X.

Non è nemmeno la fine della lotta. Le app ARM miglioreranno probabilmente man mano che un numero maggiore di sviluppatori salirà a bordo, il che risolverà molti problemi di batteria e prestazioni. I prossimi chip di Qualcomm saranno anche più veloci e più efficienti dal punto di vista energetico, con una connettività di rete ancora più veloce, in particolare con il 5G dietro l'angolo che renderà i dispositivi basati su ARM solo più interessanti rispetto alle loro controparti tradizionali. AMD continuerà a colmare il divario tra i suoi processori per laptop e Intel, in particolare quando più software inizierà a ottimizzare per l'hardware AMD.

Ma nulla di tutto ciò è vero oggi, e se acquisti un prodotto Surface nel 2019, la risposta è la stessa di ogni due anni: acquista quello Intel. E mentre questa è una grande notizia per Intel, è un inizio deludente per quella che avrebbe potuto essere un'era più competitiva quando si tratta di chip che sono al centro dei nostri computer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *