Adobe si occupa delle prime "dolorose" recensioni di Photoshop per iPad


Al keynote di lancio di Adobe Max, la grande conferenza annuale sulla creatività della società, 15.000 designer e creativi applauditi mentre Photoshop su iPad è stato presentato sul palco. L'app tanto attesa era stata presa in giro dalla conferenza dello scorso anno e l'aria nel Los Angeles Convention Center era piena di eccitazione mentre i partecipanti finalmente potevano provarlo tra sessioni di workshop e panel ospitati da relatori di ispirazione. Ma online è stata una storia diversa, quando sono arrivate recensioni negative cinguettio e Youtube, confermando i primi rapporti secondo cui l'app mancava funzionalità chiave e si sentiva incompiuta.

Su YouTube, i primi risultati di ricerca per Photoshop su iPad popolano video che chiamano l'app "deludente" e "male per i coloristi. "Si arriva subito al punto, con il titolo"RANT: Photoshop per iPAD SUCKS”. Il sentimento è lo stesso su Twitter, con artisti che si chiedono perché all'app manchino funzionalità che piacciono ai concorrenti Procreare e il Suite Affinity offre già su iPad, e per una tantum, non meno.

L'indignazione sembra derivare dal fatto che gli utenti si sono sentiti fuorviati dal marketing dell'app di Adobe come "vero Photoshop", un termine che molti hanno assunto per indicare che l'app rispecchierebbe l'esperienza desktop. Per Adobe, Photoshop per iPad è "reale": utilizza la stessa base di codice dell'app desktop e la sincronizzazione dei file tra i due consente agli utenti di continuare a lavorare su tutti i dispositivi. Ma Photoshop per iPad è ben lungi dall'essere "Photoshop completo", il che significherebbe che tutti gli strumenti e le funzionalità apportati all'iPad. Per ora, solo le basi sono qui.

È un errore che il Chief Product Officer di Adobe, Scott Belsky, ha riconosciuto nelle ultime due settimane, affermando che la società non ha fatto abbastanza nei suoi messaggi per sottolineare che Photoshop per iPad non sarebbe stato il massimo, specialmente il primo giorno. Un giorno dopo il rilascio dell'app, Belsky ha twittato le recensioni negative, condividendo uno screenshot della valutazione a 2,3 stelle di Photoshop sull'App Store (accompagnato da un Memoji dall'aspetto triste) e chiamando le risposte "dolorose".

Belsky ha affermato che la versione uno di Photoshop su iPad era un prodotto minimale, una prima iterazione con il set di funzionalità più basilare. Ha sottolineato che l'attenzione di Adobe era rivolta al supporto Cloud PSD per consentire agli utenti di lavorare sullo stesso file su iPad e desktop, oltre a ripensare i flussi di lavoro e l'interfaccia utente. Adobe ha anche dato la priorità ai flussi di lavoro di composizione per primi, ma così facendo, la prima versione di Photoshop ha finito per alienare altre basi di utenti, principalmente artisti digitali. In un risposta a un utente di Twitter lamentando la mancanza di supporto dell'app per i flussi di lavoro illustrativi, Belsky li ha indirizzati a provare invece Adobe Fresco.

Le carenze dell'app sono ancora più evidenti a causa della maggiore concorrenza che si è manifestata durante il suo lungo sviluppo. Durante lo scorso anno, Procreate – un'app per l'illustrazione digitale da $ 10 – ha aggiunto funzionalità di animazione (assenti in Photoshop per iPad) e strumenti di testo, quindi ha annunciato che il suo prossimo aggiornamento avrebbe portato la compatibilità con i pennelli PSD. Nel frattempo, Serif si è rapidamente affermato come un'alternativa economica a Photoshop e Illustrator con le app Affinity Photo and Designer, entrambe costate $ 20. "Ovviamente Adobe ha la stragrande maggioranza del mercato professionale creativo, quindi per loro promuovere flussi di lavoro come questo non può che essere una buona cosa per noi, e conferma ciò che abbiamo fatto con Affinity", Ashley Hewson, amministratore delegato di Serif, ha dichiarato al momento dell'annuncio di Photoshop su iPad.

Jenny Lyell, product manager di Photoshop, ha dichiarato The Verge che alcune funzionalità hanno impiegato più tempo a svilupparsi, spiegando le difficoltà di lavorare con il desktop e la base di codice condivisa dell'iPad. "Alla fine della giornata, non vogliamo che tu crei qualcosa (sull'iPad) e che venga visualizzato in modo diverso. Questo è uno dei nostri principi di architettura ", ha detto Lyell. Ad esempio, strumenti come liquify, che è un plug-in sul desktop, sono difficili da portare su iPad, che non supporta i plug-in.

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=v3WaSt0PRCc?rel=0 (/ embed)

I primi utenti avranno molto di più da aspettare nelle prossime settimane, poiché Adobe prevede di aggiornare Photoshop per iPad a un ritmo molto più aggressivo. "Per lo meno, stiamo esaminando gli aggiornamenti mensili", afferma Lyell. Nel blog di Adobe annunciando l'app, Il manager di Photoshop Pam Clark sottolinea continuamente che "questo è solo l'inizio" e incoraggia gli utenti a farlo dare un feedback su quali funzioni vorrebbero vedere.

Sul palco di Adobe Max, l'ingegnere di Photoshop Emily Bogue ha mostrato una versione beta dell'app, che presentava uno strumento di selezione degli oggetti basato sull'intelligenza artificiale che sarebbe stato incluso in un futuro aggiornamento. È stata questa parte della dimostrazione che ha suscitato il maggior numero di rantoli dal pubblico, mentre rapidamente mascherava parti difficili come i capelli con il semplice tocco di un pulsante. Lo strumento arriverà infine alla versione per iPad, dove, a quel punto, gli utenti avranno sperato di avere più delle funzionalità che desideravano. Ma il successo di Photoshop su iPad dipende dal fatto che quegli utenti siano disposti ad aspettare, quando le alternative possono dare loro quello che vogliono ora.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.