VOLT ITALIA: petizione per le firme


volt via orefici_3150.000 necessari per partecipare alla gara dell'UE

Interessi diversi per gente diversa!

Per partecipare alle prossime elezioni europee di maggio, ogni paese ha le sue regole di ingresso. Quindi nuovi partiti come Volt Italia devono andare in strada in cerca di persone per firmare una petizione, che è semplicemente a supporto della loro eventuale partecipazione nel caso in cui raggiungessero il magico numero di firme. Ad esempio, in Germania e in Belgio, sono necessari meno di 5.000, il che aumenta notevolmente la probabilità che un nuovo partito si presenti almeno alle elezioni dell'UE. L'Italia, tuttavia, è in un campionato tutto da solo. Ha una delle soglie più alte in Europa. Le nuove parti qui devono raccogliere 150.000 firme e un dipendente pubblico autorizzato deve autenticare ogni singolo.volt via orefici_2

volt via orefici_1Certo, non basta neanche puntare su centri urbani ad alta densità. Sarebbe troppo facile. Ancora una volta, la parte può raccogliere solo un massimo di 3.000 per regione e, come da regolamento, deve coprire ogni singola regione, comprese le isole. E naturalmente, c'è un limite di tempo anche su questo. Il numero totale di firme può essere arrotondato per eccesso durante un periodo di due mesi letteralmente prima del ciclo di campagne elettorali. I costi e la logistica per realizzare un progetto ambizioso sono illimitati, tuttavia il capitolo bolognese di Volt Italia gli sta dando il meglio. I cosiddetti Bolovolter stanno aiutando a guidare il cambiamento politico in tutto il paese proponendo un'Europa unita come il modo migliore per creare più prosperità basata sulle nostre risorse naturali, uguaglianza e integrazione per tutti verso una società più giusta.

Tag: Bolovolters, Volt Italia

Questa voce è stata pubblicata

domenica 24 febbraio 2019 alle 11:45
Sia i commenti che i ping sono attualmente chiusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.